Il dipendente della banca che non protesta la cambiale impagata può incorrere nel reato di abuso d'ufficio

Il dipendente responsabile della cassa cambiali che inganna il notaio, non sottoponendogli le cambiali rimaste impagate emesse in favore di terze persone, inducendolo quindi a non protestarle, in modo da procurare al debitore l'ingiusto vantaggio patrimoniale di non essere sottoposto al protesto, commette il reato di abuso d'ufficio.

Il giorno da cui decorre il termine prescrizionale del reato va individuato nella data di scadenza del termine per l'elevazione del protesto senza tener conto della possibilità di un protesto tardivo, effettuabile sino ad un anno dalla scadenza del titolo e rilevante come constatazione ufficiale del mancato pagamento nonchè come presupposto per l'iscrizione nel relativo bollettino.

Così si sono espressi i giudici della Corte di cassazione, sezione penale, con la sentenza 39430/15.

24 ottobre 2015 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cambiale in scadenza - luogo di pagamento avviso e protesto
Il debitore deve sempre indicare il luogo di pagamento della cambiale in scadenza: sia esso il proprio domicilio o una filiale di banca domiciliataria. Di norma, il debitore emette una cambiale indicando contestualmente, come domiciliataria, una specifica filiale di una banca che indicheremo con D (luogo di pagamento). Questo vuol ...
Riabilitazione da protesto assegno
Nell'ipotesi di emissione di assegno senza provvista, e conseguente protesto, è possibile ottenere la riabilitazione decorso un anno dalla data di levata del protesto, effettuando entro 60 giorni dalla scadenza dei termini di presentazione al pagamento dell'assegno protestato il cosiddetto pagamento tardivo che comprende, per espressa previsione normativa, oltre al ...
Pagamento tardivo dell'assegno - come evitare la revoca di autorizzazione e l'iscrizione in CAI
In caso di mancato pagamento, in tutto o in parte, di un assegno per mancanza di autorizzazione o di provvista, la banca iscrive il nominativo del traente (chi ha emesso l'assegno) nell'archivio CAI. L'iscrizione è effettuata: nel caso di mancanza di autorizzazione, entro il ventesimo giorno dalla presentazione al pagamento ...
Assegni scoperti – niente revoca e iscrizione CAI se si paga entro 60 giorni
Se abbiamo emesso quello che si indica comunemente come assegno "a vuoto" o "scoperto", possiamo in parte rimediare attraverso il pagamento tardivo da effettuarsi entro 60 giorni dalla data di scadenza del termine di presentazione. Eviteremo così le sanzioni pecuniarie e la revoca di sistema, che consiste nell'ulteriore divieto di ...
Assegno scoperto - Il preavviso di iscrizione in CAI va notificato anche al soggetto eventualmente delegato all'emissione
Nel caso di mancato pagamento, in tutto o in parte, di un assegno per difetto di provvista, la legge 386/1990 (articolo 9 bis) dispone che la banca comunichi al traente (il titolare del conto corrente da cui è stato emesso l'assegno) che, decorso il termine di sessanta giorni dalla data ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il dipendente della banca che non protesta la cambiale impagata può incorrere nel reato di abuso d'ufficio. Clicca qui.

Stai leggendo Il dipendente della banca che non protesta la cambiale impagata può incorrere nel reato di abuso d'ufficio Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 24 ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria protesto cambiali - approfondimenti ed integrazioni Inserito nella sezione protesti e protestati.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca