Infrazione e mancata comunicazione dati conducente » Decide giudice del luogo dove ha sede Polizia

Infrazione commessa e mancata comunicazione dei dati del conducente. In questo caso è competente il giudice del luogo dove ha sede l'organo di polizia procedente.

Infatti, contro il verbale di accertamento a carico del conducente che non comunica le generalità della persona al volante al momento dell'infrazione, è territorialmente competente il giudice del luogo dove ha sede l'organo di polizia procedente.

Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Suprema Corte con la pronuncia 26184/13.

Riflessioni e fatti sulla pronuncia in merito di infrazione ed omessa comunicazione dati

Contro il verbale di accertamento a carico del conducente che non comunica le generalità della persona al volante al momento dell'infrazione è territorialmente competente il giudice del luogo dove ha sede l'organo di polizia procedente.

Nella fattispecie, un automobilista conveniva il Comune dinanzi al Giudice di Pace dove aveva la propria residenza, opponendosi ad una multa per violazione del Codice della Strada.

Il presunto trasgressore riteneva che il verbale di accertamento, con cui gli era stata comminata a suo carico la multa, fosse illegittimo.

Come sappiamo, a seguito della contestazione non immediata di una violazione che comporti la decurtazione di punti della patente, il proprietario del veicolo è tenuto a comunicare entro 30 giorni i dati della persona fisica del conducente.

Ma, il giudice di pace accoglieva il ricorso ed annullava il verbale.

Il Comune, presentava appello dinanzi al Tribunale, ma anche qui venivano rifiutate le sue ragioni.

Così, propononeva ricorso per Cassazione, ritenendo che il tribunale avesse sbagliato a ritenere il giudice di pace competente in materia.

E qui, a parere della Cassazione, il motivo del ricorso è fondato.

Dunque è territorialmente competente a decidere l'opposizione contro il verbale di contestazione della violazione, il giudice del luogo dove ha sede l'organo di polizia procedente, giacché l'infrazione si consuma nel luogo in cui avrebbe dovuto pervenire la comunicazione che è stata omessa.

26 novembre 2013 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Patente a punti » Quando non c'è obbligo di comunicare i dati del conducente
In tema di patente a punti, non sussiste l'obbligo di comunicare i dati del conducente per chi ha effettuato il ricorso alla multa principale. Segnaliamo una nuova significativa sentenza in materia di patente a punti ed obbligo di comunicare i dati del conducente, secondo la quale chi impugna il verbale ...
Comunicazione dati conducente - non obbligatoria se la multa è notificata oltre il termine dei 90 giorni
Quando non c'è contestazione immediata della multa e l'infrazione commessa è sanzionata con la decurtazione dei punti patente, il verbale viene notificato  al proprietario del veicolo il quale ha l'obbligo,  entro 60 giorni dalla notifica, di comunicare  i dati dell'effettivo trasgressore per poter procedere nei suoi confronti. La mancata comunicazione dei ...
Omessa comunicazione dati conducente - Il proprietario è soggetto alla sanzione pecuniaria anche se Il giudice di pace accoglie il ricorso al verbale di infrazione
Chiunque non ottemperi all'invito dell'autorità di presentarsi, entro il termine stabilito nell'invito medesimo, ad uffici di polizia per fornire informazioni o esibire documenti ai fini dell'accertamento delle violazioni amministrative previste dal codice della strada è soggetto alla sanzione amministrativa (da euro duecentocinquanta a euro mille) prevista per la mancanza del ...
Patente a punti » Avviso di comunicazione dati del conducente: l'impugnazione del verbale non basta al proprietario del veicolo per evitare la sanzione
Avviso di comunicazione dati patente del conducente: impugnare il verbale non basta. L'obbligo, posto a carico del proprietario del veicolo, di comunicare i dati del conducente che ha commesso la violazione del Codice della Strada costituisce un distinto obbligo, sanzionato autonomamente, che nasce dalla richiesta avanzata dall'Amministrazione ove sia contestata ...
I dati del conducente vanno chiesti al proprietario del veicolo al momento dell'infrazione e non al proprietario del veicolo al momento della notifica del verbale di multa
Il proprietario del veicolo, in quanto responsabile della circolazione dello stesso nei confronti delle pubbliche amministrazioni e dei terzi, è tenuto sempre a conoscere l'identità dei soggetti ai quali ne affida la conduzione; ne deriva che dell'eventuale incapacità d'identificare detti soggetti necessariamente risponde, nei confronti delle une per le sanzioni ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su infrazione e mancata comunicazione dati conducente » decide giudice del luogo dove ha sede polizia. Clicca qui.

Stai leggendo Infrazione e mancata comunicazione dati conducente » Decide giudice del luogo dove ha sede Polizia Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 26 novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca