Obbligo per gli avvocati di un preventivo in forma scritta

La legge annuale per il mercato e la concorrenza (legge 124/2017), modificando la disciplina dell’ordinamento della professione forense (legge 247/2012) ha introdotto, a partire dal 29 agosto 2017, l’obbligo, per l’avvocato, di comunicare in forma scritta a colui che conferisce l’incarico professionale la prevedibile misura del costo della prestazione, distinguendo fra oneri, spese, anche forfetarie, e compenso professionale. La comunicazione in forma scritta della prevedibile misura dei costi della prestazione a favore del cliente era già prevista dal testo originario della legge, ma subordinatamente ad una richiesta in tal senso.

La previsione dell’obbligo di rendere noto al cliente il costo della prestazione è finalizzata ad assicurare che i rapporti tra avvocato ed assistito siano improntati a fondamentali canoni di trasparenza. A tale scopo, la normativa vigente pone in capo all’avvocato una serie di oneri informativi, che comprendono la comunicazione in forma scritta del prevedibile costo della prestazione, ma non si esauriscono con essa.

Sussistono due ordini di oneri informativi: il primo prevede che l’avvocato renda noto al cliente il livello della complessità dell’incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento alla conclusione dell’incarico; il secondo impone l’obbligo di comunicare in forma scritta il prevedibile costo della prestazione, distinguendo fra oneri, spese, anche forfetarie, e compenso professionale. Entrambi gli oneri informativi sono dettati in ossequio ad elementari esigenze di trasparenza e buona fede, nonché in ossequio ai doveri di lealtà e correttezza, alla natura fiduciaria del rapporto e agli specifici doveri di informazione previsti dalla normativa.

Al primo ordine di oneri, l’avvocato potrà adempiere anche oralmente, mentre la forma scritta è richiesta unicamente per l’indicazione del presumibile costo della prestazione.

In pratica, l’avvocato deve specificare al cliente le attività da espletare, precisando le iniziative e le ipotesi di soluzione, ivi compresa la possibilità di ricorrere a strumenti di risoluzione alternativa delle controversie e la possibilità di avvalersi del patrocinio a spese dello Stato. Inoltre, l’avvocato deve informare la parte assistita sulla prevedibile durata del processo e fornire al cliente gli estremi della propria polizza assicurativa.

Resta ferma la possibilità che, attesa la natura della prestazione oggetto di incarico, i costi e/o compensi subiscano delle variazioni in aumento qualora la prestazione dovesse richiedere attività ulteriori e/o più complesse (in relazione a sviluppi non espressamente previsti). Tuttavia, al realizzarsi di tale eventualità, dovrà essere dato tempestivo avviso al cliente per ogni necessaria intesa, informandolo che il mancato consenso sulle ulteriori attività e sulla conseguente modifica del costo complessivo della prestazione potrebbe comportare effetti negativi sulla prosecuzione della pratica e/o sul giudizio.

Per quanto attiene l’obbligo di rendere noto al cliente il costo della prestazione, le parti possono stipulare in forma scritta l’intero assetto del contratto di patrocinio, ivi inserendo anche la comunicazione del prevedibile costo delle prestazioni.

Il mancato adempimento dell’obbligo di comunicazione in forma scritta, o comunque la mancanza dell’accordo sul compenso, comporterà l’applicazione dei parametri tabellari per la determinazione del costo della prestazione indicati dal Ministero della Giustizia.

2 Marzo 2018 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

All'avvocato non basta l'invio di una nota spese al cliente per interrompere il decorso della prescrizione presuntiva
Com'è noto, se sono trascorsi tre anni dalla data in cui il professionista può dimostrare di aver erogato al cliente una certa prestazione, interviene la prescrizione presuntiva, il debito può considerarsi saldato ed il diritto del creditore estinto. Salvo che il professionista non produca scritti del cliente (ad esempio una e-mail in cui il cliente riconosce il debito e si dice disposto ad onorarlo nel tempo) che dimostrano la volontà di non avvalersi della prescrizione presuntiva maturata relativamente ai compensi pretesi dal professionista. Fatta questa premessa, ci chiediamo se, prima della scadenza del termine triennale, il professionista possa interrompere la ...

Inammissibile la prova testimoniale se il lavoratore contesta l'esistenza della lettera di licenziamento in forma scritta
La legge prevede la comunicazione di licenziamento in forma scritta a pena di inefficacia. Il licenziamento produce i propri effetti quando sia giunto a conoscenza del destinatario, ovvero quando l'atto sia pervenuto al suo indirizzo o gli sia stato materialmente consegnato a mani proprie, circostanza, quest’ultima, che può essere dimostrata, ad esempio, dalla sottoscrizione per ricevuta apposta in calce alla lettera medesima. Non basta, per evitare l'inefficacia, che le prove testimoniali riferiscano dell'avvenuta lettura e del tentativo di consegna al lavoratore di una copia della lettera di recesso, nonché del rifiuto del lavoratore di sottoscriverla per ricevuta, se il lavoratore ...

Mancanza della forma scritta di un contratto per carta revolving
Diversi anni addietro, a seguito di un finanziamento finalizzato, mi è stata consegnata una carta revolving, che ho indiscutibilmente utilizzato, ultimamente, non trovando tra la documentazione il contratto e relativo documento di sintesi, ho richiesto alla finanziaria la copia conforme. Mi è stato inviata la copia del contratto del finanziamento per il bene acquistato, compilato a mano dall'esercente, nel quale non c'è indicazione di luogo e data della stipula, nello stesso documento è riportato che è previsto l'erogazione di una carta revolving la quale sarà regolato da condizioni indicate tra i vari punti del contratto, che quindi resta unico per ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su obbligo per gli avvocati di un preventivo in forma scritta. Clicca qui.

Stai leggendo Obbligo per gli avvocati di un preventivo in forma scritta Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 2 Marzo 2018 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Marzo 2018 Classificato nella categoria difendersi dai creditori con il gratuito patrocinio - assistenza legale Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)