Il nuovo ravvedimento operoso

Con il ravvedimento operoso è possibile regolarizzare versamenti di imposte omessi o insufficienti e altre irregolarità fiscali

Con il ravvedimento operoso (articolo 13 del Dlgs 472/1997) è possibile regolarizzare versamenti di imposte omessi o insufficienti e altre irregolarità fiscali, beneficiando della riduzione delle sanzioni.

L'istituto del ravvedimento operoso, è stato profondamente modificato dalla legge di Stabilità per il 2015 che ha previsto una riduzione della sanzione a un 1/9 del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene entro il novantesimo giorno successivo al termine per la presentazione della dichiarazione, ovvero, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro novanta giorni dall'omissione o dall'errore.

Il ravvedimento operoso è inibito solo dalla notifica degli atti di liquidazione e di accertamento (comprese le comunicazioni da controllo automatizzato e formale delle dichiarazioni).

Gli errori, le omissioni e i versamenti carenti possono essere regolarizzati eseguendo spontaneamente il pagamento dell’imposta dovuta; degli interessi, calcolati al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato a quello in cui viene effettivamente eseguito; della sanzione in misura ridotta.

Il ravvedimento operoso e le sanzioni ridotte vigenti da gennaio 2016

Di seguito alcune tabelle sinottiche sulla riduzione delle sanzioni che si ottiene con il ravvedimento operoso.

Ricordiamo che le sanzioni tributarie variano da un minimo ed un massimo in ragione del tipo di imposta e di violazione commessa. Segue un quadro sinottico delle principali sanzioni tributarie non penali, con minimi e massimi laddove sussistono.

sanzioni-tributarie-non-penali-1

sanzioni-tributarie-non-penali-2

sanzioni-tributarie-non-penali-3

16 ottobre 2016 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Nuovo ravvedimento operoso - Le precisazioni dell'Agenzia delle Entrate
La legge di stabilità per il 2015 ha profondamente innovato la disciplina del ravvedimento operoso, determinando un radicale cambiamento dell'assetto originario dell'istituto. Infatti, oggi, il ravvedimento operoso può essere utilizzato per regolarizzare le violazioni commesse in materia di tributi amministrati dall'Agenzia delle entrate, fino alla scadenza dei termini di accertamento. ...
Incrocio con i dati comunicati da terzi - I lavoratori autonomi potranno regolarizzare omissioni ed anomalie con il nuovo ravvedimento operoso
Al fine di favorire l'emersione spontanea delle basi imponibili, l'Agenzia delle entrate mette a disposizione di specifici contribuenti soggetti passivi IVA, le informazioni derivanti dal confronto con i dati comunicati dai loro clienti da cui risulterebbe che gli stessi abbiano omesso, in tutto o in parte, di dichiarare i ricavi ...
Ravvedimento operoso brevissimo, breve e lungo per omessa registrazione dei contratti di locazione
Per omesso o insufficiente versamento dell'imposta di registro dovuta per un contratto di locazione è prevista l'applicazione di una sanzione il cui ammontare può variare dal 120% al 240% dell'imposta di registro dovuta. Oltre alla sanzione, il contribuente è tenuto ad effettuare il pagamento anche dell'imposta di registro non versata ...
Ravvedimento operoso - Nuove regole a partire da gennaio 2015
L'omesso o insufficiente pagamento dei tributi può essere regolarizzato con il ravvedimento operoso, eseguendo spontaneamente il pagamento dell'importo dovuto, degli interessi moratori (calcolati al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato a quello in cui viene effettivamente eseguito) e della sanzione in misura ridotta. ...
Dichiarazione dei redditi con modello Unico - come correggerla dopo la presentazione
I contribuenti che, presentato il modello Unico, si accorgono di non aver dichiarato dei redditi o di non aver riportato delle spese detraibili o deducibili, possono presentare, entro la scadenza ordinaria, un modello "rettificativo" di quello consegnato o spedito. Sul modello deve essere barrata la casella "Correttiva nei termini". Se ...

Spunti di discussione dal forum

Mancato pagamento rate TARSU
Quali sanzioni per il mancato pagamento della 3a e 4a rata TARSU del mio comune (Sciacca - AG). Posso usufruire del nuovo ravvedimento operoso?
Omessa presentazione bilancio finale di liquidazione società – Quali sanzioni, prescrizioni e decadenze?
Sono il liquidatore di una società srl INATTIVA che per 4 anni non ha presentato il Bilancio essendo appunto INATTIVA da anni. Ho smesso di presentare bilancio e dichiarazioni nel 2010 e l'azienda è stata cancellata d'ufficio nel 2014 dalla Camera di commercio. Sono a conoscenza che per queste omissioni…
Avviso di liquidazione dell’imposta di registro – sanzioni
In seguito ad un contenzioso civile (io attore) mi è arrivato un l’avviso di liquidazione dell’imposta di registro di atti di giustizia. In pratica nel luglio 2004 ho depositato un esposto-querela nei confronti di una società che ha fornito/prodotto per la mia società, un prodotto che è risultato non conforme…
Richiesta di liquidazione imposta di registro – Posso avvalermi della prescrizione?
Ho ricevuto dall Agenzia Entrate il 5/6/17 un avviso di liquidazione delle imposte, delle sanzioni pecuniarie e degli interessi di mora per il mancato versamento dell'imposta di registro per il contratto di locazione (annualità successive alla prima) in relazione al contratto anno 11 serie ... numero ... per la scadenza…
Notifica intimazione ad adempiere – prescrizione interessi e sanzioni
Ieri (10/7/2014) mi è stata notificata un'intimazione ad adempiere da parte di Equitalia per l'Agenzia delle Entrate per una cartella notificata il 14/09/2014 riferita ad un ruolo del 2002. In tale intimazione è richiesto il pagamento da effettuarsi entro 5 giorni per: IRPEF, IVA, interessi, sanzioni, addizionali, interessi di mora,…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il nuovo ravvedimento operoso. Clicca qui.

Stai leggendo Il nuovo ravvedimento operoso Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 16 ottobre 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 2 ottobre 2017 Classificato nella categoria ravvedimento operoso Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Ornella De Bellis 17 ottobre 2016 at 15:54

    L’Agenzia delle Entrate punta sul nuovo istituto del ravvedimento e pubblica una circolare, la n. 42/E, che illustra come e quando sfruttare gli sconti sanzionatori previsti dall’istituto, coordinando le novità recate dalla Stabilità 2015 (che ha riscritto la disciplina del ravvedimento di cui all’articolo 13 del decreto legislativo. 472/1997) con quelle introdotte dal decreto legislativo 158/2015 (cd. “Decreto Sanzioni” che ha riformulato l’intero sistema sanzionatorio tributario).

    In particolare, il documento di prassi, diffuso nel primo pomeriggio del 12 ottobre 2016, prende in analisi le due ipotesi più frequenti che possono essere regolarizzate tramite il ravvedimento operoso, la commissione di errori o omissioni nelle dichiarazioni e la presentazione tardiva delle medesime, e, per entrambi i casi, illustra le relative conseguenze a seconda che l’errore venga corretto prima o dopo il termine di 90 giorni dalla scadenza.

    Gli errori regolarizzati entro 90 giorni

    Cominciando dagli errori regolarizzati entro 90 giorni, la circolare evidenzia come, in ipotesi di dichiarazione integrativa o sostitutiva, la riduzione sanzionatoria cambi a seconda che il tipo di errore sia o meno rilevabile in sede di controllo automatizzato o formale. Nel primo caso, infatti, la sanzione applicabile è quella che punisce l’omesso versamento, pari al 30% di ogni importo non versato, che, con il ravvedimento, potrà essere più o meno ridotta a seconda del momento in cui il contribuente si ravvede. In ogni caso non trova più applicazione la sanzione fissa di 250 euro. In caso, invece, di errori non rilevabili in sede di controllo automatizzato o formale, la sanzione prevista è quella fissata dall’art. 8, d.lgs. n. 471/97 in caso di «violazioni relative al contenuto e alla documentazione delle dichiarazioni». A titolo di esempio, la circolare ipotizza la commissione di una delle violazioni di cui al comma 1 del citato art. 8 (dichiarazioni non redatte in conformità al modello approvato dalle Entrate ovvero che non riportano in maniera esatta e completa i dati rilevanti per l’individuazione del contribuente o per la determinazione del tributo), dando indicazioni sulle conseguenze sanzionatorie: «il contribuente dovrà pagare, ad esempio, la sanzione di 250 euro, che in caso di ravvedimento viene ridotta a 1/9 (quindi a 27,78 euro) e quella per omesso versamento, se dovuto, in misura ridotta a seconda del momento in cui avviene la regolarizzazione della sanzione. In passato a questo tipo di violazioni si applicava la sanzione prevista per la presentazione di dichiarazione tardiva». In caso, invece, di dichiarazione tardiva, ovvero presentata non oltre 90 giorni dalla scadenza, la sanzione da applicare è quella fissa, pari a 250 euro, prevista per l’omissione della dichiarazione in assenza di debito d’imposta, riducibile, se ci si ravvede, a 25 euro (1/10). «Se alla tardività della dichiarazione – aggiungono le Entrate – si accompagna un carente o tardivo versamento del tributo si applica, inoltre, la sanzione per omesso versamento, ridotta a seconda del momento in cui avviene la regolarizzazione della sanzione».

    Gli errori regolarizzati dopo 90 giorni

    Anche per quanto concerne gli errori corretti oltre 90 giorni dalla scadenza, occorre distinguere, sul piano sanzionatorio, se si tratta di errori rilevabili o meno durante il controllo automatizzato o formale. Se rilevabili, la sanzione applicata è quella prevista in caso di omesso versamento, pari al 30% di ogni importo non versato, riducibile, in caso di ravvedimento, a seconda del momento in cui è stata regolarizzata. Se invece si correggono errori non rilevabili in sede di controllo automatizzato o formale, la sanzione è pari al 90% della maggiore imposta dovuta o della differenza del credito utilizzato, ovvero, in caso di irregolarità senza imposta dovuta (e non di infedeltà dichiarativa) è quella prevista dal citato articolo 8 anche se scaduti i 90 giorni. «In entrambi i casi, con il ravvedimento si applica una riduzione della sanzione che varia a seconda del momento in cui avviene la regolarizzazione della stessa. Infine, l’Agenzia ribadisce che oltre i 90 giorni dalla scadenza non è possibile sanare con il ravvedimento il caso dell’omessa dichiarazione, anche quando la stessa è inviata entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa al periodo d’imposta successivo».

Altre info