Il debitore non può invocare l’illegittimità della procedura espropriativa dopo la vendita del bene


Per far valere eventuali nullità della procedura di espropriazione del bene, il debitore deve attivarsi prima che la vendita stessa abbia luogo.

La legge, infatti, una volta che le vendita sia stata effettuata, privilegia l’interesse alla stabilità dell’acquisto da parte dell’aggiudicatario in buona fede, sacrificando quello del debitore; anche al fine di non scoraggiare le vendite in sede esecutiva, per la funzione che rivestono nel supporto al recupero dei crediti.

Va, inoltre, considerato che, nella vendita coattiva, il potenziale acquirente si affida all’ufficio giudiziario che sovrintende alle procedure, ed ha ragione di attendersi che esso svolga tutti i controlli di legittimità necessari.

In tale contesto, si può addirittura affermare che l’accertamento, in data successiva a quella di vendita all’asta, dell’inesistenza di un titolo idoneo a giustificare l’esercizio dell’azione esecutiva, non fa venir meno l’acquisto dell’immobile pignorato da parte del terzo, salvo che sia dimostrata la collusione di quest’ultimo con il creditore procedente.

Resta, tuttavia, salvo il diritto del debitore espropriato di ottenere il ricavato della vendita e di agire per il risarcimento dell’eventuale danno nei confronti di chi, agendo senza la normale prudenza, abbia dato corso al procedimento esecutivo in difetto di un titolo idoneo.

Concludendo, in materia di vendita forzata, l’acquisto compiuto dall’aggiudicatario rimane fermo anche in presenta di vizi di nullità del procedimento esecutivo precedenti alla vendita, ma fatti valere successivamente dal debitore pregiudicato dall’esecuzione, salvo il caso di collusione tra aggiudicatario e creditore.

Per collusione fra aggiudicatario e creditore deve intendersi non la semplice mancanza di diligenza dell’acquirente nell’eseguire i controlli precedenti all’acquisto, ma la consapevolezza della nullità e un accordo in danno al debitore sottoposto ad esecuzione tra acquirente e creditore.

In questi termini si sono espressi i giudici della Corte di cassazione nella sentenza numero 18312/14.

13 Settembre 2014 · Annapaola Ferri

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza zero voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!







Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!


Costa sto leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Il debitore non può invocare l’illegittimità della procedura espropriativa dopo la vendita del beneAutore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 13 Settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Settembre 2017 Classificato nelle categorie , , , Numero di commenti e domande: 0. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.' .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)