Errore di identità nel pignoramento immobiliare e sue conseguenze

Cosa può accadere quando il creditore procedente commette un errore nella nota di trascrizione del pignoramento dell'immobile di proprietà del debitore

Protagonisti della vicenda:

  1. il debitore sottoposto ad esecuzione, proprietario di un immobile pignorato;
  2. il terzo (una coppia di coniugi in regime di comunione) che acquista l’immobile due giorni dopo la trascrizione del pignoramento;
  3. il creditore procedente che trascrive nota di pignoramento del bene non a proprio favore, ma a favore di altro soggetto.

Cosa è presumibilmente accaduto

Il debitore sottoposto ad esecuzione, o chi per lui, si accorge dell'errore di trascrizione della nota di pignoramento relativa al bene pignorato.

Infatti, l’articolo 2841 del codice civile (pur previsto in tema di iscrizione ipotecaria) recita L’omissione o l’inesattezza di alcune delle indicazioni nel titolo, in base al quale è presa l’iscrizione, o nella nota non nuoce alla validità dell'iscrizione, salvo che induca incertezza sulla persona del creditore o del debitore o sull’ammontare del credito ovvero sulla persona del proprietario del bene gravato, quando l’indicazione ne è necessaria, o sull’identità dei singoli beni gravati. Nel caso di altre omissioni o inesattezze, si può ordinare la rettificazione a istanza e a spese della parte interessata.

Eccependo direttamente il vizio della trascrizione della nota di pignoramento, il debitore sottoposto ad esecuzione avrebbe consentito al creditore procedente di effettuare una nuova trascrizione dell'atto di pignoramento e portare comunque a termine la procedura espropriativa. Allora, decide di vendere il bene ad un terzo.

Se la vendita non è stata simulata, se cioè il terzo elegge l’immobile a propria abitazione principale, se la transazione è avvenuta a prezzo congruente al valore di mercato del bene e se il terzo non è parente entro il terzo grado o affine del debitore sottoposto ad esecuzione, le vendita non può essere assoggettata a revocatoria.

Cosa è realmente accaduto

Il terzo si oppone all'azione esecutiva sul bene, adesso di sua proprietà, ex articolo 619 del codice di procedura civile, con l’obiettivo (conseguito in sede di appello) di far dichiarare nullo (insanabilmente nullo) e, quindi, privo di effetti nei propri confronti, l’atto di pignoramento.

Gli eredi del soggetto a favore del quale il creditore procedente aveva trascritto la nota di pignoramento dell'immobile, ricorrono per Cassazione contestando la decisione dei giudici di appello, secondo i quali il termine ultimo per l’opposizione del terzo, ex articolo 619 del codice di procedura civile, è quello dell'alienazione del bene per espropriazione forzata (vendita all'asta) e non già quello in cui è stata emessa l’ordinanza con cui si dispone l’espropriazione forzata. Per gli eredi del soggetto a favore del quale il creditore procedente aveva trascritto la nota di pignoramento dell'immobile, l’opposizione del terzo sarebbe tardiva, stante il lungo lasso di tempo trascorso dal momento in cui la vendita coattiva fu autorizzata.

La sentenza della Corte di Cassazione numero 8205 del 4 aprile 2013

Secondo i giudici di piazza Cavour la fase della vendita coattiva, finalizzata all’espropriazione del bene, inizia dopo l’ordinanza che ne stabilisce le modalità e la data e si conclude con il provvedimento di trasferimento coattivo del bene, che segue l’aggiudicazione. Il termine finale per proporre opposizione va individuato non solo fino al momento in cui si dispone la vendita o l’assegnazione, bensì fino a quando (con la realizzazione di tali atti) non giunge a compimento l’iter espropriativo ed, anche dopo l’aggiudicazione dell'immobile, fino a quando non sia intervenuto il decreto di trasferimento rispetto al quale gli atti precedenti assumono mera funzione preparatoria. Difatti, in una interpretazione costituzionalmente orientata dell'art 619 comma l codice di procedura civile, letto in relazione all'articolo 620 codice di procedura civile, non può configurarsi come ostacolo alla opposizione di terzo una retrodatazione del termine processualmente previsto solo a quell’atto-ordinanza che dispone la vendita, che costituisce un momento endoprocessuale, pur rilevante, all'interno della definizione dell'intera procedura esecutiva.

Gli eredi del soggetto a favore del quale il creditore procedente aveva trascritto la nota di pignoramento dell'immobile avevano anche proposto, nel ricorso per Cassazione, il seguente quesito L’errata indicazione, nella nota di trascrizione del pignoramento immobiliare, della persona del creditore procedente costituisce un motivo di nullità assoluta del pignoramento stesso impugnabile con l’opposizione di terzo all'esecuzione ex articolo 619 codice di procedura civile?

Al quesito gli ermellini hanno risposto ribadendo innanzitutto che, come stabilito dalla pronuncia numero 4421/77, l’articolo 2841 del codice civile, pur previsto in tema di iscrizione ipotecaria, è norma a valenza generale, in quanto presuppone inesattezze nel titolo o nelle note che siano fedelmente riprodotte nei registri immobiliari, e trova una “sponda processuale” in tema di pignoramento in quanto alcune inesattezze sugli elementi di cui all'articolo 2841 del codice civile producono nullità qualora esse escludano la possibilità di individuare, con certezza e nonostante l’ordinaria diligenza, quella indicazione.

I giudici della Suprema Corte hanno poi aggiunto che Sia l’ipoteca sia il pignoramento costituiscono vincoli alla libera disponibilità e alla libera circolazione del bene, per cui il terzo acquirente ha la possibilità di svolgere ogni attività processuale inerente al contestato vincolo e subentrare in surrogazione al debitore sottoposto ad esecuzione per farne valere la invalidità.

8 aprile 2013 · Annapaola Ferri


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cosa accade quando il creditore procedente espropria un bene che non è di proprietà del debitore
Quando un terzo fa valere il suo diritto di proprietà sull'immobile e lo sottrae a colui che l'ha comprato, ad esempio in seguito ad espropriazione coattiva e vendita giudiziale all'asta (aggiudicatario), si parla di evizione. Sia chiaro che il terzo non coincide con il debitore, dal momento che, per far ...
Esecuzione forzata - Le spese giudiziali, di custodia e di conservazione dell'immobile pignorato devono essere anticipate dal creditore procedente
Con riguardo all'espropriazione forzata, la normativa vigente consente di individuare nel creditore procedente il soggetto che é tenuto all'anticipazione delle spese. Le spese che il creditore procedente è tenuto ad anticipare sono sia quelle giudiziarie che quelle propriamente materiali necessarie per l'esecuzione. Inoltre, nel caso in cui i beni pignorati ...
Pignoramento nuda proprietà e usufrutto - quando il debitore è nudo proprietario e quando il debitore è usufruttuario
Nel caso di pignoramento del diritto di proprietà ove risulti che il debitore è nudo proprietario si procede ugualmente alla vendita forzata del diritto di proprietà, il quale risulterà gravato del diritto reale di godimento. Oggetto della vendita forzata è, cioè, il medesimo diritto pignorato, con la particolarità che il ...
Evizione - Cosa succede quando il bene pignorato è oggetto di vendita giudiziale ma non appartiene al debitore
Come è noto, se un terzo fa valere il suo diritto di proprietà sulla cosa venduta e la sottrae a colui che l'ha comprata, si parla di evizione: in particolare, l'acquirente della cosa espropriata, se ne subisce l'evizione, può riottenere l'importo non ancora distribuito, mentre, se la distribuzione è già ...
Espropriazione esattoriale di immobile di provenienza ereditaria - quando è nulla
E' compito del creditore procedente dimostrare la trascrizione di un titolo d'acquisto a favore del debitore sottoposto ad esecuzione, nonché l'assenza di trascrizioni a carico dello stesso debitore relative ad atti di disposizione del bene, precedenti la trascrizione del pignoramento. Spetta al giudice dell'esecuzione verificare la titolarità, in capo al ...

Spunti di discussione dal forum

Ho acquistato casa da mio padre debitore – Posso rivenderla prima di una eventuale azione revocatoria promossa dai creditori?
Ho appena acquistato un immobile da mio padre come mia prima abitazione: l'indotto dato dalla vendita è stato utilizzato all'85% per risanare debiti prioritari della sua società, ad esempio il trattamento di fine rapporto dei dipendenti. Sulla casa non c'era nessuna richiesta di pignoramento. La vendita è stata fatta al…
Acquisto all’asta di casa già assegnata
Sarei interessato ad acquistare un immobile a un’asta giudiziaria. La trascrizione del pignoramento è datata luglio 2008, mentre nell’ottobre 2008 il tribunale ha assegnato l’immobile alla comproprietaria e alla figlia. La trascrizione dell’assegnazione è datata giugno 2009. La mia domanda è semplice: se acquisto l’immobile all’asta, ne acquisto anche l’usufrutto…
Quando si prescrive l’azione revocatoria degli atti di disposizione del debitore?
Ammettiamo che: "Andrea" che con la sua attività ha debiti accumulati, vende immobile a "Luca" che è suo figlio e quest'ultimo prima di un'azione revocatoria di qualche creditore di Andrea, rivende o affitta a sua volta a un terzo (completamente estraneo ai fatti) l'immobile. L'azione revocatoria (entro i 5 anni…
Può essere pignorato il bene sul quale grava diritto di usufrutto a favore di un terzo non debitore?
Se su un immobile pignorato c'è l'usufrutto di una persona (nel mio caso anziana di circa 93 anni) il giudice può comunque fissare le aste? Cosa comporta l'usufrutto? Dei rallentamenti nella procedura?
Vendita all’asta di un immobile del debitore su cui gravavano già due ipoteche – Come creditore insoddisfatto posso agire nei confronti di chi ha comprato l’immobile?
Vantando un credito da una ditta mi sono inserito come creditore in una vendita immobiliare di proprietà della ditta stessa: sull'immobile però gravavano due ipoteche di due istituti bancari (una di primo grado e l'altra di secondo) e dalla vendita si è ricavato il giusto per soddisfare le due banche.…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su errore di identità nel pignoramento immobiliare e sue conseguenze. Clicca qui.

Stai leggendo Errore di identità nel pignoramento immobiliare e sue conseguenze Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 8 aprile 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 settembre 2017 Classificato nella categoria pignoramento ed espropriazione della casa - procedura ordinaria Inserito nella sezione pignoramento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?