Nullità cartella esattoriale

Con l’ordinanza numero 377/2007 i giudici costituzionali avevano affermato che l’indicazione del responsabile del procedimento fosse un “adempimento di non scarsa utilità”, correlato al diritto di difesa del cittadino e al buon andamento della Pubblica Amministrazione.

Da questa ordinanza diverse Corti di merito avevano tratto spunto per arrivare a sancire la nullità della cartella esattoriale sprovvista dell’indicazione del responsabile del procedimento.

La norma contenuta nel decreto legge “milleproroghe” numero 248/2007 (articolo 36, comma 4-ter)  aveva poi circoscritto  la nullità della cartella esattoriale  muta, ovvero della cartella esattoriale priva dell’indicazione del responsabile del procedimento, ai soli titoli esecutivi  dati in carico al concessionario della riscossione a partire dal 1° giugno 2008.

Con la sentenza numero 58/2009 la Corte costituzionale aveva successivamente posto l’avallo sulla norma, introdotta dal “milleproroghe”, che “limitava” la nullità delle cartelle esattoriali  “mute” (prive cioè dell’indicazione del responsabile del procedimento di iscrizione a ruolo e di quello di emissione e di notifica delle stesse) a quelle relative ai ruoli consegnati agli agenti della riscossione a decorrere dal 1° giugno 2008.

Con tale sentenza la Consulta aveva, difatti, dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale dell’articolo 36, comma 4-ter, del Dl 248/2007, sollevata con riferimento agli articoli 3, 23, 24, 97 e 111 della Costituzione.

Infine, la Corte costituzionale, con l’ordinanza numero 221 depositata il 17 luglio 2009, aveva ribadito quanto già affermato nella sentenza numero 58/2009, promovendo la norma contenuta nel decreto legge “milleproroghe” numero 248/2007 (articolo 36, comma 4-ter) che circoscrive la nullità delle cartelle mute a quelle date in carico al concessionario dopo la data su indicata.

Conclusioni

Dunque, concludendo, la disposizione sottoposta all’esame del Giudice delle leggi ha reso obbligatoria, a pena di nullità dell’atto, l’indicazione sulla cartella di pagamento del responsabile del procedimento di iscrizione a ruolo e di quello di emissione e di notifica della stessa cartella.

L’applicazione di tale obbligo viene fatto, però,  decorrere dai ruoli consegnati agli agenti della riscossione a partire dal 1° giugno 2008. Per i ruoli consegnati precedentemente, è espressamente previsto che la mancata indicazione del responsabile del procedimento non determina la nullità della relativa cartella esattoriale.

Per ulteriori approfondimenti sulla nullità della cartella esattoriale consulta questa sezione del blog.

Per fare una domanda sulla nullità della cartella esattoriale accedi al forum.

15 Agosto 2010 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cartelle esattoriali nulle – indicazione del responsabile obbligatoria sui ruoli consegnati da giugno 2008
La Corte costituzionale ha posto l'avallo sulla norma, introdotta dal "milleproroghe" dello scorso anno, che "limitava" la nullità delle cartelle di pagamento cosiddette "mute", prive cioè dell'indicazione del responsabile del procedimento di iscrizione a ruolo e di quello di emissione e di notifica delle stesse, a quelle relative ai ruoli consegnati agli agenti della riscossione a decorrere dal 1° giugno 2008. Con la sentenza numero 58/2009 la Consulta ha, difatti, dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale dell'articolo 36, comma 4-ter, del Dl 248/2007, sollevata con riferimento agli articoli 3, 23, 24, 97 e 111 della Costituzione. La pronuncia ...

Cartella esattoriale nulla senza indicazione dei responsabili del procedimento di emissione e notifica
Nella cartella esattoriale deve essere indicato il nome e cognome di chi si occupa della formazione del titolo esecutivo Nella cartella esattoriale deve essere indicato specificatamente il nome e cognome del soggetto che si occupa della formazione del titolo esecutivo (ossia il cd “responsabile del procedimento di iscrizione al ruolo”) oltre che quello della persona che materialmente ha emesso e notificato l'atto al debitore (il cd “responsabile del procedimento di emissione e notifica della cartella”). Nel caso in cui, dunque, manchi anche di uno solo dei predetti nominativi la cartella esattoriale è da ritenersi gravemente viziata e quindi siamo di fronte ad una cartella ...

Intimazioni di pagamento della cartella esattoriale – nulle senza l'indicazione del responsabile
Le intimazioni di pagamento sono quegli atti che hanno sostituito gli avvisi di mora e che mantengono lo scopo di riattivare il procedimento di riscossione dei crediti pubblici. Ai sensi dell'articolo 50, DPR 602/1973, infatti, il Concessionario della Riscossione (Equitalia spa) non può iniziare la procedura esecutiva se è decorso più di un anno dalla notifica della cartella di pagamento, ma deve notificare un atto, l'intimazione di pagamento appunto, con cui intima al debitore il pagamento del debito entro i successivi 5 giorni. Soltanto nel caso in cui entro il predetto termine non dovesse essere saldato il dovuto, il Concessionario ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su nullità cartella esattoriale. Clicca qui.

Stai leggendo Nullità cartella esattoriale Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 15 Agosto 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 22 Ottobre 2017 Classificato nella categoria nullità inesistenza illegittimità della cartella di pagamento Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)