Nulli i fermi amministrativi e ipoteche fiscali non motivati

Il procedimento di decisione ed esecuzione dei fermi amministrativi, così come quello per l'iscrizione delle ipoteche per debiti fiscali, è un procedimento avente, appunto, natura amministrativa e, pertanto, non si sottrae all'obbligo di motivazione.

Sono in sintesi queste le conclusioni, ineccepibili, a cui è giunta la Commissione Tributaria di Bari, sez. I, con la sentenza numero 276 del 15-21 dicembre 2011.

La causa verteva proprio su un preavviso di fermo amministrativo di cui la ricorrente lamentava, tra gli altri, “genericità della motivazione del provvedimento impugnato, […] mancata indicazione dei modi, termini ed autorità per proporre impugnazione”.

Il Collegio, quindi, dopo aver riconosciuto la piena impugnabilità del preavviso di fermo così come già affermato anche dalla Suprema Corte (es. C.Cass. SS.UU. numero 10672/2009) ha esplicitamente riconosciuto che “una volta riconosciuta la natura di procedimento amministrativo del fermo, il preavviso di fermo deve essere motivato in modo congruo e specifico, in quanto deve individuare le specifiche esigenze che giustificano l'adozione della misura cautelare sia in rapporto all'entità del credito tributario e sia in relazione alle circostanze, proprie del debitore, che inducano a temere la compromissione delle garanzie del credito”.

La pronuncia della Commissione pugliese è del tutto ineccepibile.

Il fermo amministrativo e l'ipoteca “fiscale” sono due strumenti che il legislatore ha previsto per garantire il procedimento di riscossione dei crediti pubblici (artt. 86 e 77, DPR 602/1973).

Come tutti i provvedimenti amministrativo-tributari, tuttavia, essi soggiacciono agli obblighi di motivazione previsti in linea generale dall'artt. 3 legge 241/1990 e 7 legge 212/2002 (Statuto del Contribuente).

Tali disposizioni assumono cruciale importanza sia all'interno dell'amministrazione procedente che nei suoi rapporti con i terzi, dando piena attuazione agli obblighi di buon andamento e imparzialità dell'azione amministrativa previsti dall'articolo 96 Cost.: ciò in quanto soltanto una compiuta motivazione permette che la stessa amministrazione possa valutare successivamente il proprio operato e che il cittadino, ritenuto l'atto illegittimo o illecito, lo impugni per ottenerne l'annullamento.

Proprio per le medesime ragioni devono essere motivati anche i fermi amministrativi dei veicoli e le ipoteche fiscali: la natura cautelare di simili atti, infatti, consente che ad essi si ricorra unicamente nei casi in cui vi sia pericolo per la riscossione nel mentre della procedura esecutiva (periculum in mora), proprio come giustamente ha ricordato la sentenza barese.

Di conseguenza, se l'atto notificato al contribuente è privo della specifica indicazione dei presupposti di fatto e di diritto (leggasi esistenza del debito e periculum in mora) su cui è fondato, esso è nullo e potrà essere impugnato avanti l'organo giudiziario competente.

18 febbraio 2012 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Equitalia » Ritornano pignoramenti e fermi amministrativi
Equitalia, addio tanto amata sanatoria: si ritorna alla vecchia e riscossione. Da oggi, lunedì 16 giugno 2014, infatti, tornano pignoramenti e fermi. Sono finiti, ormai, i tempi della sanatoria delle cartelle esattoriali. Da oggi, i contribuenti irregolari devono tornare a temere le operazioni di riscossione: dal fermo amministrativo all'ipoteca, fino ...
Equitalia » Nulli gli atti fiscali spediti ad indirizzo errato del contribuente
Sono nulli gli atti fiscali recapitati da Equitalia a un indirizzo diverso dalla residenza del contribuente al quale è sufficiente dimostrare l'estraneità del luogo alla sua sfera soggettiva. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con la sentenza 25938/13. E' stato così accolto il ricorso di un avvocato ...
Opposizione al preavviso di fermo amministrativo per sanzioni amministrative? » Esclusivamente presso il giudice di pace
Anche in caso di preavviso di fermo amministrativo il ricorso va presentato presso il giudice di pace. Nel caso di fermo amministrativo basato su cartelle esattoriali per multe stradali, a decidere deve essere il giudice di pace: non importa che l'opposizione sia stata avanzata dopo la notifica del preavviso di ...
Fermo amministrativo » A quale giudice presentare il ricorso?
Fermo amministrativo: sia l'iscrizione che il preavviso, nell'ipotesi di un ricorso, sono impugnabili di fronte alla Commissione Tributaria solo se il credito ha natura tributaria. Grazie alle modifiche apportate dal decreto del fare il fermo amministrativo, iscritto da Equitalia sull'autovettura di un contribuente moroso verso lo Stato, può essere impugnato ...
Fermo amministrativo – la comunicazione deve indicare la CTP presso la quale è possibile fare ricorso
Secondo quanto affermato dalla Commissione tributaria provinciale di Torino, nella Sentenza 40 del 16/07/2008 la comunicazione del fermo amministrativo di un veicolo é sempre impugnabile: deve perciò contenere tutti gli elementi che permettano al contribuente di esercitare il proprio diritto di impugnazione. La causa sottoposta all'esame del giudice tributario verteva ...

Spunti di discussione dal forum

Può essere effettuata la vendita del veicolo dopo un preavviso di fermo amministrativo?
In data odierna è stato notificato il preavviso di fermo amministrativo fiscale: nel caso di eventuale vendita nei successivi 30 giorni, prima dell'effettivo scatto del fermo, questo sarà comunque iscritto al nuovo proprietario (come nel caso di vendita in data successiva al fermo)?
Rimozione fermo amministrativo originato da multe per decesso proprietario del veicolo
Tempo fa acquistai un'autovettura da mio suocero, ma non facemmo il passaggio di proprietà decidendo di posticiparlo al mio ritorno in italia. Nel frattempo per colpa di multe da lui prese con un altra autovettura dovute ai suoi passaggi in zona ZTL Bologna queste sanzioni divennero causa di un fermo…
Preavviso di fermo amministrativo nonostante impugnazione e sospensione della cartella esattoriale – Come contestarlo?
Ho ricevuto un preavviso di fermo amministrativo, nonostante abbia impugnato la cartella esattoriale alla base del provvedimento. In pratica per una multa per violazione del codice della strada che in realtà avevo pagato, dopo aver ricevuto cartella esattoriale, è stato presentato ricorso al giudice di pace ed avevo ottenuto la…
Multe e cartelle esattoriali mai notificate
Navigando tramite internet per caso sul sito di Equitalia ho scoperto l'esistenza di 10 cartelle esattoriali a mio carico con tanto di richiesta di fermo amministrativo. La notifica delle cartelle (a loro dire) sarebbe avvenuta ad aprile 2014, mentre per il fermo la proposta è di febbraio 2015. Cosa mi…
Preavviso di fermo amministrativo con notificazioni per irreperibilità
Ho appena ritirato (tramite accesso agli atti) le relate di notifica di alcune cartelle esattoriali (esattamente 10) di equitalia più il preavviso di fermo amministrativo di cui ero venuto a conoscenza solo tramite internet. Ho notato che le ultime 3 cartelle più il preavviso di fermo sono state notificate tramite…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su nulli i fermi amministrativi e ipoteche fiscali non motivati. Clicca qui.

Stai leggendo Nulli i fermi amministrativi e ipoteche fiscali non motivati Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 18 febbraio 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria iscrizione di ipoteca .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?