La notifica della multa presso il domicilio digitale del trasgressore o del coobbligato

E' stato istituito il pubblico elenco dei domicili digitali delle persone fisiche e degli altri enti di diritto privato non tenuti all'iscrizione in albi professionali o nel registro delle imprese. La realizzazione e la gestione del registro sono affidate all'Agenzia per l'Italia Digitale (AGID), che vi provvede avvalendosi delle strutture informatiche delle Camere di commercio già deputate alla gestione del pubblico elenco dei elenchi digitali dei professionisti e degli altri enti di diritto privato tenuti all'iscrizione in albi professionali o nel registro delle imprese. Entrambi i due elenchi confluiranno nel pubblico registro nazionale dei domicili digitali della popolazione residente, tenuto presso il Ministero dell'Interno.

Per domicilio digitale deve intendersi un indirizzo elettronico eletto presso un servizio di posta elettronica certificata valido ai fini delle comunicazioni elettroniche aventi valore legale, in particolare nell'ambito del processo civile, penale, amministrativo, contabile e tributario.

Il proprio indirizzo di posta elettronica certificata (PEC), una volta inserito nel pubblico elenco dei domicili digitali delle persone fisiche, è reso disponibile a tutte le pubbliche amministrazioni e ai gestori o esercenti di pubblici servizi.

In che modo l'indirizzo PEC di una persona fisica, non tenuta all'iscrizione in albi professionali o nel registro delle imprese, viene inserito nel pubblico elenco dei domicili digitali delle persone fisiche?

Basterà fornire il proprio indirizzo di posta elettronica certificata ad una qualsiasi Pubblica Amministrazione (Agenzia delle Entrate, Agenzia delle Entrate Riscossione, INPS) ad una qualsiasi Autorità amministrativa indipendente di garanzia vigilanza e regolazione (AGCM, AGCOM, AEEGSII), ad un qualsiasi gestore di servizio pubblico, ad una qualsiasi società a controllo pubblico.

Infatti, la normativa vigente prevede che, al fine di facilitare la comunicazione tra pubbliche amministrazioni e cittadini, è facoltà di ogni cittadino indicare alla pubblica amministrazione un proprio indirizzo di posta elettronica certificata, tenendo conto che esso sarà poi reso disponibile, come domicilio digitale, a tutte le pubbliche amministrazioni e ai gestori o esercenti di pubblici servizi.

Le amministrazioni pubbliche e i gestori o esercenti di pubblici servizi comunicano con il cittadino esclusivamente attraverso il domicilio digitale dichiarato e ogni altra forma di comunicazione non potrà produrre effetti pregiudizievoli per il destinatario che abbia già reso noto alla PA il proprio domicilio digitale.

In particolare, per quanto attiene la notifica delle sanzioni amministrative per infrazione al codice della strada, si procederà secondo le modalità illustrate di seguito.

L'accertamento di violazioni del codice della strada, si effettua nel rispetto dei termini previsti dal codice della strada, nei confronti di colui che ha commesso la violazione, se è stato fermato ed identificato al momento dell'accertamento dell'illecito ed abbia fornito un valido indirizzo PEC, ovvero abbia un domicilio digitale; del proprietario del veicolo con il quale è stata commessa la violazione, ovvero di un altro soggetto obbligato in solido con l'autore della violazione quando abbia domicilio digitale, ovvero abbia, comunque, fornito un indirizzo PEC all'organo di polizia procedente, in occasione dell'attività di accertamento dell'illecito.

Qualora non sia stato comunicato al momento della contestazione, l'indirizzo PEC dell'autore della violazione, ovvero qualora la contestazione della violazione non sia stata effettuata al momento dell'accertamento dell'illecito, l'indirizzo PEC del proprietario del veicolo o di altro soggetto, deve essere ricercato preliminarmente, dall'ufficio da cui dipende l'organo accertatore o che ha redatto il verbale di contestazione, nei pubblici elenchi per notificazioni e comunicazioni elettroniche a cui abbia accesso, nelle more del rilascio in esercizio del registro unico nazionale dei domicili digitali della popolazione residente.

Il verbale trasmesso in modalità digitale dovrà contenere nell'oggetto la dizione chiara di atto amministrativo relativo ad una sanzione amministrativa prevista dal codice della strada e dovrà contenere, in allegato, sia la relazione di notifica dettagliata che una copia del verbale sottoscritta con firma digitale.

La notifica digitale si considera effettuata, per la PA, dal momento in cui verrà generata la ricevuta di avvenuta accettazione del messaggio dal sistema di posta elettronica certificata mittente. Per il destinatario, invece, la notifica digitale verrà considerata correttamente perfezionata nel momento in cui viene generata la ricevuta di avvenuta consegna completa del messaggio via PEC al sistema di posta elettronica ricevente.

Se la notifica via PEC del verbale risulterà impossibile per causa imputabile al destinatario (ad esempio per PEC scaduta) il comando procederà alla notifica tradizionale della sanzione con addebito dei costi a carico del trasgressore.

Le informazioni qui riportate sono state tratte dal decreto 12/2017 del Ministero dell'Interno e dal decreto Legislativo 217/2017, in vigore dal prossimo 27 gennaio 2018.

20 gennaio 2018 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Legittima la notifica della cartella esattoriale effettuata presso la residenza del debitore e non al domicilio fiscale trattandosi di procedura più garantista per il contribuente
La disciplina delle notifica degli atti tributari (compresa la cartella esattoriale originata da mancato o insufficiente pagamento dei tributi) si fonda sul criterio del domicilio fiscale al quale, tuttavia, è connesso l'onere preventivo del contribuente di indicare all'Ufficio tributario il proprio domicilio fiscale e di tenere detto ufficio costantemente informato ...
Notifica del verbale di multa e cambio di residenza - Da quando decorrono i 90 giorni
Le comunicazioni al Pubblico Registro Automobilistico (PRA) del cambio di residenza ritualmente dichiarato dal proprietario all'anagrafe comunale (nel rispetto della procedura da seguire e con l'indicazione anche dei dati relativi alla patente ed ai veicoli di proprietà) debbano essere eseguite di ufficio a cura degli uffici anagrafici. Pertanto, ove la ...
Notifica della multa non valida a indirizzo rilevato dal PRA qualora il destinatario abbia cambiato residenza
Non valida la notifica della multa all'indirizzo ottenuto dal PRA (Pubblico Registro Automobilistico) qualora il destinatario abbia cambiato residenza. Questa la motivazione della sentenza 18049/2011 della Corte di Cassazione. Secondo i giudici di Piazza Cavour, infatti, il terzo comma dell'articolo 201 del codice della strada - laddove prevede che le ...
Notifica della cartella esattoriale nelle mani del destinatario - legittima anche se effettuata in luogo diverso dal domicilio o dalla residenza
La notifica nelle mani del destinatario, anche se effettuata in luogo diverso da quello in cui lo stesso destinatario ha la normale residenza o il domicilio, è perfettamente valida, per avere raggiunto lo scopo di portare a conoscenza del soggetto l'atto notificato. Infatti il riferimento ai criteri della residenza, domicilio, ...
Notifica degli atti al vecchio indirizzo di residenza - Nulla anche se perfezionata nella mani di un parente stretto
La notifica di un atto non effettuata nel luogo di abitazione del destinatario nel suo Comune di residenza (come risultante dal certificato anagrafico), ma nel diverso luogo di abitazione di un parente stretto, che lo ha ricevuto in tale qualità, è viziata da nullità. Anche se il luogo di notifica ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la notifica della multa presso il domicilio digitale del trasgressore o del coobbligato. Clicca qui.

Stai leggendo La notifica della multa presso il domicilio digitale del trasgressore o del coobbligato Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 20 gennaio 2018 Ultima modifica effettuata il giorno 20 gennaio 2018 Classificato nella categoria notifica del verbale di multa Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca