Entra in vigore la normativa sugli interessi bancari - Chiarimenti

Nuova normativa interessi nei contratti bancari esecutiva dal 1 marzo 2017 » Tutti i chiarimenti sulla vicenda

Dal 1° ottobre 2016 sono entrate in vigore le nuove disposizioni che introducono rilevanti modifiche in materia di accredito/addebito degli interessi riferiti a finanziamenti a valere su carte di credito, scoperti di conto corrente, anticipi su fatture/contratti, esecutive a partire dal 1 marzo 2017.

A partire dal 1° ottobre 2016 sono entrate in vigore le nuove disposizioni di legge in materia di interessi nei contratti di credito e di raccolta del risparmio, che sono diventate concretamente esecutive dal 1 marzo 2017, una normativa che riguarda tutti noi in quanto si riferisce ai conti correnti.

In sostanza, gli interessi passivi bancari verranno conteggiati una volta l'anno, nella generalità dei casi al 31 di dicembre e saranno addebitati sul conto corrente non prima del 1° marzo.

Solo da tale data cumuleranno sul debito e produrranno a loro volta interessi passivi.

Tuttavia, potete evitarlo dando espressa disposizione alla banca che le somme che verranno accreditate sul conto corrente successivamente al 1° marzo (contanti, bonifici e assegni) vadano, fino a capienza, a pagare gli interessi passivi.

Nei prossimi giorni le banche comunicheranno ai propri clienti la novità e si rende necessario fornire loro una linea guida per non commettere errori.

Cosa prevede la nuova disciplina sugli interessi nei contratti bancari

Ecco, in sostanza, cosa prevede la nuova disciplina sugli interessi nei contratti bancari.

La nuova disciplina prevede che:

Dunque, nel prossimo estratto conto che la banca metterà a disposizione dei propri clienti verranno fornite due informazioni riferite alla novità normative, chiedendo al correntista di esprimersi su alcuni importanti aspetti procedurali.

Occorre al riguardo prestare grande attenzione per ciò che verrà esposto a seguire.

La comunicazione relativa all'anatocismo

Come verrà effettuata la comunicazione relativa all'anatocismo dopo l'entrata in vigore della normativa sugli interessi bancari.

Posto che viene abolito l'anatocismo bancario (gli interessi passivi non possono produrre a loro volta interessi passivi) gli istituti di credito devono inviare a tutti i clienti una comunicazione relativa alla variazione unilaterale del contratto: non possono fare diversamente perché si devono adeguare alla (bella) novità.

A decorrere dal 1° ottobre gli interessi debitori e quelli creditori devono avere la medesima periodicità, comunque non inferiore a un anno.

In via generale è da ritenersi che la banca li liquiderà in data 31 dicembre di ogni anno.

La rilevante novità (legata all'abrogazione dell'anatocismo) è che gli interessi passivi devono essere conteggiati separatamente dal capitale e divengono esigibili solo trascorsi 59/60 giorni (ossia dal 1° marzo dell'anno successivo a quello in cui sono maturati se la liquidazione avviene in data 31 dicembre) e comunque non prima di 30 giorni da quando arriva al cliente l'estratto conto al 31 dicembre.

È bene ribadire un aspetto: la banca non può addebitare sul conto corrente gli interessi passivi prima del 1° marzo.

Dunque al 31 dicembre il saldo del conto non verrà ridotto degli interessi passivi.

Anche ai fini dell'iscrizione nell'elenco dei cattivi pagatori, la segnalazione della banca alla Centrale rischi può essere inoltrata solo una volta trascorsi i 60 giorni.

Dunque, il correntista ha 60 giorni di tempo per reperire le risorse finanziarie per far fronte al debito per interessi di cui la banca darà evidenza il 1° marzo.

Per quanto la questione sia di scarsa rilevanza in considerazione dei tassi, oramai irrisori, praticati dalle banche sui saldi attivi del conto corrente, le notizie non sono positive poiché anche questi sono conteggiati e accreditati solo una volta l'anno. La notevole differenza rispetto agli interessi passivi è che l'accredito è immediato al 31 dicembre. L

La banca può comunque decidere di continuare ad accreditarli trimestralmente o semestralmente. Improbabile ma non impossibile.

Le commissioni e le spese, comprese quelle di istruttoria e di messa a disposizione fondi, continueranno a essere prelevate dalle banche trimestralmente.

La richiesta di autorizzazione all'addebito

Cosa c'è da sapere sulla richiesta di autorizzazione dell'addebito in merito alla nuova normativa sugli interessi bancari.

La seconda comunicazione che inoltrerà la banca è riferita alla richiesta di addebitare gli interessi passivi in data 1° marzo.

Spieghiamo meglio: relativamente agli interessi passivi, una volta divenuti esigibili il 1° marzo, la banca non è autorizzata ad addebitarli sul conto del cliente, ma dovrà acquisire, con una seconda comunicazione, una specifica autorizzazione preventiva chiedendo di apporre una firma e di far pervenire il modulo alla banca.

Una volta rilasciata dal correntista l'autorizzazione la si può comunque revocare in qualunque momento.

Ebbene, per i soggetti il cui conto è in rosso si suggerisce di non rilasciare tale autorizzazione poiché una volta firmata, la banca è legittimata ad applicare l'anatocismo.

Di fatto, rilasciando l'autorizzazione, gli interessi passivi maturati al 31 dicembre vengono al 1° marzo capitalizzati e, dunque, da quel momento sul debito complessivo matura l'interesse debitore.

Se il cliente non rilascia l'autorizzazione, la banca può compensarli legalmente con eventuali disponibilità presenti su conti correnti attivi. Se il conto è in rosso anche se il cliente non ha raggiunto il limite massimo di utilizzo del fido la banca non può procedere con la compensazione legale, diversamente si produrrebbero ancora interessi su interessi.

Dunque, in mancanza di compensazione, se il cliente non provvede a pagare gli interessi passivi recuperando altrove le risorse finanziarie, per recuperare le somme dovute la banca dovrà avviare la procedura di messa in mora del cliente.

È peraltro data la possibilità di concordare contrattualmente che i fondi accreditati sul conto della banca e destinati ad affluire sul conto del cliente sul quale è regolato il finanziamento siano utilizzati per estinguere il debito da interessi.

11 marzo 2017 · Gennaro Andele


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Anatocismo bancario - Come si determina il saldo finale di conto corrente depurato dagli effetti della capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi
Quando sia accertata la nullità della clausola di capitalizzazione trimestrale (divieto di anatocismo) si rende necessario rideterminare il saldo finale di conto corrente mediante la ricostruzione dell'intero andamento del rapporto, sulla base degli estratti conto a partire dall'apertura del medesimo. Inoltre, nei rapporti bancari in conto corrente, la banca non ...
Spese ed interessi in conto corrente - Quando il contratto non è sottoscritto dal cliente
Spetta alla banca l'onere di provare quali siano le condizioni economiche applicabili al rapporto di conto corrente con il cliente. In mancanza di un contratto sottoscritto dal cliente, gli interessi e gli altri oneri, addebitabili in conto corrente, sono determinati dal Testo Unico Bancario (TUB), il quale prevede che il ...
L'ABF ci ripensa » In caso di conto corrente cointestato e pignoramento dell'intero saldo su azione esecutiva promossa verso uno dei cointestatari, il correntista non debitore deve rivolgersi al giudice dell'esecuzione per liberare la propria quota
Il collegio di coordinamento dell'Arbitro Bancario Finanziario, con la decisione 8227/15, ha in parte modificato l'orientamento precedentemente assunto dai collegi di Milano e Napoli (fra le altre vedasi la decisione 740/13) in tema di pignoramento di un conto corrente cointestato in seguito all'azione esecutiva promossa dal creditore nei confronti di ...
Alla banca l'onere di ricostruire l'intero rapporto di conto corrente una volta esclusa la validità delle clausole di calcolo degli interessi
Una volta esclusa la validità della clausola in base alla quale sono stati calcolati gli interessi, soltanto la produzione degli estratti conto a partire dalla data di apertura del conto corrente consente di pervenire, attraverso l'integrale ricostruzione del dare e dell'avere con l'applicazione del tasso legale, alla determinazione del credito ...
Capitalizzazione trimestrale degli interessi vietata dal codice civile indipendentemente dalla data di stipula del contratto di conto corrente
La sentenza della Corte costituzionale numero 425 del 2000 ha dichiarato costituzionalmente illegittimo l'articolo 25, comma 3, decreto legislativo numero 342 del 1999, il quale aveva fatto salva la validità e l'efficacia delle clausole anatocistiche stipulate in precedenza. Pertanto, in tema di capitalizzazione trimestrale degli interessi sui saldi di conto ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su entra in vigore la normativa sugli interessi bancari - chiarimenti. Clicca qui.

Stai leggendo Entra in vigore la normativa sugli interessi bancari - Chiarimenti Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 11 marzo 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 16 marzo 2017 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca