Normativa antiriciclaggio, trasparenza bancaria e truffa: indagati 3 mediatori creditizi di Sanremo

Tre mediatori creditizi, uno dei quali di Sanremo, che in violazione della normativa sulla trasparenza bancaria, sfruttando l'impossibilità di alcuni clienti di accedere direttamente al sistema creditizio bancario, sia per problemi di insolvenza che per scarsa conoscenza degli strumenti finanziari, omettevano di rilasciare tutti quei documenti previsti a tutela del cittadino - tipo quelli che spiegano la tipologia di investimento intrapresa, i rischi connessi e i diritti a lui spettanti - sono stati denunciati dalla Guardia di Finanza.

Sono accusati, a vario titolo, di esercizio abusivo dell'attività di mediazione creditizia, truffa aggravata, falsità ideologica in atti pubblici, violazioni alla normativa antiriciclaggio, sulla privacy ed evasione fiscale. I militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Imperia lo hanno smascherato, al termine di una laboriosa indagine. La truffa consisterebbe nella richiesta di compensi per pretestuose perizie di immobili mai fatte eseguire e applicando commissioni non dovute che, di fatto, facevano lievitare in modo occulto il tasso di interesse effettivamente corrisposto, a completa insaputa degli ignari consumatori, scoperti da qualsiasi tutela tutela in materia di trasparenza bancaria.

I clienti, avvicinati dai militari del Nucleo della Guardia di Finanza per verificare la posizione del professionista, potranno ora valutare le eventuali iniziative legali da intraprendere a propria tutela. Il mediatore sanremese, inoltre, annoverato dalla legge antiriciclaggio tra gli intermediari finanziari tenuti, tra gli altri, agli obblighi sulla trasparenza bancaria, aveva iniziato ad esercitare la propria attività prima che la Banca d'Italia gli rilasciasse l'abilitazione ed aveva cambiato per otto volte la sede della propria attività, senza comunicarlo alla Banca d'Italia.

Ma non è tutto. Anche dopo l'ottenimento dell'abilitazione, mosso dall'intento di ostacolare le indagini di carattere fiscale nei suoi confronti, aveva omesso la registrazione di numerosi nominativi nel registro prescritto dalle norme antiriciclaggio e aveva distrutto documenti quali lettere d'incarico e informative sulla privacy. Ammonta, inoltre, a circa 350.000 euro il giro d'affari, in completa evasione d'imposta, scoperto dalle Fiamme Gialle. Nei guai, oltre al mediatore creditizio, ci sono altri due operatori del settore che, unitamente al primo, sono stati segnalati alla Banca d'Italia per le valutazioni di competenza in ordine all'eventuale cancellazione dall'albo dei mediatori creditizi.

di Fabrizio Tenerelli da Riviera24.it

3 ottobre 2008 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Spunti di discussione dal forum

Ho revocato una domiciliazione bancaria su un conto corrente ma i postini hanno continuato a pagare – Come tutelarmi?
Un paio di mesi fa, in seguito ad un contenzioso con Fastweb che mi aveva addebitato circa 60 euro per servizi mai forniti (sto ancora aspettando il trasloco della linea ADSL) ho disposto la revoca della domiciliazione bancaria precedentemente autorizzata. Ieri, visualizzando l'estratto conto on line mi sono accorto che…
Evasione fiscale?
Essendo uscito indenne da una tentata truffa sto cercando le cose che potranno aiutarmi per una denuncia-querela. Ho cercato di acquistare una playstation per mio figlio da un negozio fisico che vende anche online, mi e' stato richiesto un bonifico anticipato a nome e sul conto del titolare dell'attivita'. Quando,dopo…
Ho chiesto un saldo stralcio alla banca e per tutta risposta hanno segnalato il credito in sofferenza in Centrale Rischi – Perché?
Avevo un debito rimanente verso una banca di euro 1800: non potendo più pagare, ho chiesto alla stessa, con una lettera a mezzo fax, la possibilità di un saldo e stralcio per importo di euro 600. La società creditrice mi ha scritto con lettera semplice in adempimento all'obbligo imposto dalla…
In qualità di erede posso effettuare ispezione catastale e bancaria per mio padre defunto?
Avrei due quesiti da porvi: 1) è deceduto recentemente mio padre, e per verificare il patrimonio immobiliare, ho fatto una visura gratuita online, dalla quale risulta la dicitura codice fiscale non censito in catasto. Io sono al corrente che fosse cointestatario, assieme a mia madre che è in vita, di…
Concessione di un prestito con una rata pari al reddito mensile complessivo del richiedente – Può configurarsi il reato di truffa?
La questione é abbastanza complicata e lunga: a settembre mio padre é stato colpito da ictus, mentre cercavamo documenti preoccupate delle scadenze dei pagamenti abbiamo scoperto una "vita parallela" di balle, debiti e grossi guai finanziari abilmente nascosti per anni. Vagando tra banche abbiamo ricostruito una buona parte della storia…

Link a ritroso

Stai leggendo Normativa antiriciclaggio, trasparenza bancaria e truffa: indagati 3 mediatori creditizi di Sanremo Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 3 ottobre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 16 dicembre 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca