Controlla periodicamente le tue entrate e le tue uscite e verifica la tua reale capacità di spesa.

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Controlla periodicamente le tue entrate e le tue uscite e verifica la tua reale capacità di spesa.

Molte volte sottovalutiamo le piccole uscite e continuiamo a spendere fino ad indebitarci e a non riuscire a rispettare gli impegni presi. Un sistema semplice e molto utile per verificare se il proprio tenore di vita corrisponde alle proprie risorse o si sta esagerando è effettuare un monitoraggio periodico delle proprie entrate ed uscite.

Compila la tabella qui sotto, se la tua gestione economica è corretta il totale delle entrate deve rimanere superiore a quello delle uscite. Quando pensi di chiedere un finanziamento (per acquistare qualcosa a rate) o utilizzi la carta di credito, usa questo sistema per valutare se puoi permettertelo.

La rata mensile richiesta – anche se può sembrare irrisoria – potrebbe portare le tue uscite ad un livello pari o superiore alle tue entrate. In questo caso è meglio rimandare l’acquisto a tempi migliori.

tabella-entrate-uscite1

L’estratto conto che la tua banca deve inviarti regolarmente è un altro mezzo prezioso per tenere sotto controllo le tue finanze. Controllane l’esattezza verificando che non ci siano operazioni che tu non hai richiesto e eseguito, hai tempo 60 giorni per inoltrare un’eventuale contestazione.

Presta inoltre attenzione alla “commissione di massimo scoperto”, che indica il tasso di interesse (a volte superiore al 14%) che paghi nel caso in cui ti capitasse di andare in rosso. Se vai spesso in rosso, è preferibile chiedere alla Banca la concessione di un piccolo fido, che ha un costo decisamente inferiore allo scoperto di conto. Dall’estratto conto puoi ricavare anche il costo effettivo annuale di gestione del tuo conto corrente.

Utilizza la tabella seguente per sapere quanto ti costa.

tabella-entrate-uscite-2

Per porre una domanda sulle cause di sovraindebitamento, sul come uscire da una situazione di sovraindebitamento, sui debiti in generale, sull’usura e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

4 Luglio 2010 · Loredana Pavolini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Devo comprare la casa: meglio il mutuo a tasso fisso o a tasso variabile?
Salve, volevo chiedervi un parere. Dovendo comprare casa ed essendo, purtroppo, costretta a chiedere un mutuo, mi conviene optare per il tasso fisso o per quello variabile? Voi cosa ne pensate? Attendo una cortese risposta, grazie. Lucia Nasprato, Casoria (NA) L'esperto consiglia ancora il tasso fisso, che si rivela al momento più conveniente. Chi vuole optare per il variabile, puntando sulla discesa in tempi non lunghi dell'Euribor, deve tenere presente che l'effetto delle misure anti crisi lanciate dai governi e dei tagli dei tassi operati dalla Bce potrebbe essere più lento del previsto a realizzarsi: quindi deve fissare una rata ...

Comprare casa
Dovrei comprare casa e sto contattando diverse imprese che termineranno la costruzione degli appartamenti a fine 2012 inizio 2013. Queste imprese, giustamente, vogliono concordare degli stati avanzamento lavori nei quali verrà versata una cifra di acconto fino ad arrivare al termine della costruzione (esempio: acconto di € 10.000 come "impegno"; 1° SAL a maggio con versamento di € 10.000; 2° SAL a settembre son versamento di € 10.000 fino ad arrivare ad un'acconto di € 50.000). Mi sono informata in banca e quello che mi è stato detto è di farmi fare dall'impresa una FIDEJUSSIONE per ogni importo che verso ...

Banche e tutela consumatori » Correntisti in rosso? Non devono pagare
Tutela dei consumatori dalle banche: importante sentenza del Tribunale di Torino. I clienti non devono pagare nulla agli istituti di credito se vanno in rosso con il conto corrente. Una nota associazione consumatori vince un'importante class action: sei clienti di un famoso istituto di credito ottengono il rimborso delle cifre versate. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su controlla periodicamente le tue entrate e le tue uscite e verifica la tua reale capacità di spesa.. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)