No a espulsione di immigrato irregolare se moglie soggiorna in Italia

Secondo la normativa vigente (articolo 5, comma 5, decreto legislativo 286/1998) Il permesso di soggiorno o il suo rinnovo sono rifiutati e, se il permesso di soggiorno e’ stato rilasciato, esso e’ revocato quando mancano o vengono a mancare i requisiti richiesti per l’ingresso e il soggiorno nel territorio dello Stato. Nell’adottare il provvedimento di rifiuto del rilascio, di revoca o di diniego di rinnovo del permesso di soggiorno dello straniero che ha esercitato il diritto al ricongiungimento familiare ovvero del familiare ricongiunto, si tiene anche conto della natura e della effettività dei vincoli familiari dell’interessato.

Il Giudice di Pace di Ferrara rigettava il ricorso proposto da un cittadino del Marocco avverso il decreto di espulsione emesso dal Prefetto, escludendo l’applicabilità della norma appena sopra riportata, dal momento che lo straniero, pur avendo contratto regolarmente matrimonio con una connazionale soggiornante in Italia, non aveva il permesso di soggiorno valido. Peraltro, secondo il GdP adito, il marocchino non aveva fornito la prova di avere avanzato la richiesta di ricongiungimento, essendosi limitato a produrre un bollettino postale e la copia della ricevuta di un’assicurata spedita a mezzo posta.

Avverso tale decisione, il cittadino straniero ha proposto ricorso per cassazione.

I giudici della Corte di cassazione hanno accolto il ricorso del cittadino del Marocco (sentenza 1665/2019). Infatti – pur riconoscendo che la legge, nella valutazione dell’impatto dell’espulsione sui vincoli familiari contratti dall’interessato, presuppone che lo straniero sia in possesso di un titolo di soggiorno valido ed efficace – hanno contestato la sentenza del Giudice di Pace laddove negava qualsiasi rilievo al matrimonio da lui contratto con una connazionale regolarmente soggiornante in Italia, in virtù della mera considerazione che non risultava provata l’avvenuta presentazione di una formale istanza di ricongiungimento familiare.

I giudici della Corte di cassazione hanno eccepito che la mancanza della prova, a cui si è accennato, non poteva considerarsi sufficiente ai fini del rigetto del ricorso, dovendosi ugualmente procedere, anche in conformità dei principi richiamati da numerose sentenze della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (EDU), alla valutazione in concreto di tutti gli elementi eventualmente forniti a sostegno dell’asserita instaurazione del vincolo familiare.

24 Gennaio 2019 · Stefano Iambrenghi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Richiesta del permesso di soggiorno CE - termine di 90 giorni per il rilascio
Sulla richiesta del permesso di soggiorno CE ("carta di soggiorno") l'amministrazione deve provvedere entro 90 giorni in modo conforme alla richiesta L'articolo 9 del Testo unico dell'immigrazione prevede che il procedimento per il rilascio del permesso di soggiorno CE ("carta di soggiorno") deve concludersi entro il termine massimo di 90 giorni, come ribadito dalla recente sentenza del TAR del Lazio numero 8154/2013. Solitamente questo termine non viene rispettato. Non solo! Molto spesso, la Questura, anzichè il permesso di soggiorno CE di lungo periodo, rilascia un normale permesso di soggiorno per motivi familiari, di durata biennale, o altro titolo di soggiorno ...

Rinnovo permesso di soggiorno per immigrata extracomunitaria coniugata con cittadino italiano
Sono immigrata extracomunitaria con regolare permesso di soggiorno, coniugata con cittadino italiano: ho recentemente richiesto il rinnovo del permesso di soggiorno per motivi di famiglia, ma mi è stato negato perché da accertamenti disposti dalla Questura è emerso che io non risiedo con mio marito. Posso fare qualcosa? ...

Giurisprudenza e diritti degli immigrati
La garanzia del diritto fondamentale alla salute del cittadino straniero, che comunque si trovi nel territorio nazionale, impedisce l'espulsione nei confronti di colui che dall'immediata esecuzione del provvedimento potrebbe subire un irreparabile pregiudizio, dovendo tale garanzia comprendere non solo le prestazioni di pronto soccorso e di medicina d'urgenza, ma anche tutte le altre prestazioni essenziali per la vita. Il principio di diritto è stato sancito dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 13252/2016, che ha accolto l'impugnazione proposta da una cittadina peruviana che aveva visto respingere dal giudice di pace il ricorso avverso il decreto di espulsione emesso nei ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su no a espulsione di immigrato irregolare se moglie soggiorna in italia. Clicca qui.

Stai leggendo No a espulsione di immigrato irregolare se moglie soggiorna in Italia Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 24 Gennaio 2019 Ultima modifica effettuata il giorno 24 Gennaio 2019 Classificato nella categoria immigrazione e integrazione

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)