Nell'anno 2003 si decise di chiudere l'attività di dealer Tim che aveva sede a Cervignano del Friuli

Nell'anno 2003 si decise di chiudere l'attività di dealer Tim che aveva sede a Cervignano del Friuli; qualche tempo prima della chiusura ci venne fatta un'offerta per l'acquisto dell'attività e l'accettammo anche se non era dell'importo che avremmo voluto realizzare. Nel dicembre 2003 si stipulò il contratto notarile con la parte acquirente per un importo di € 4.500,00 (€ 2.000,00 per mobili e attrezzature e € 2.500,00 per l'avviamento), questi valori vennero riportati in contabilità e nella dichiarazione dei redditi. Nell'ottobre del 2004 l'Ufficio del Registro di Udine rideterminava il valore dell'avviamento e l'acquirente concordò con l'amministrazione l'accertamento con adesione per € 27.000,00 senza informarci delle decisioni prese. Quest’anno l'Agenzia delle Entrate di Cervignano ci ha contestato una plusvalenza di € 24.500,00 (€ 27.000,00 - € 2.500,00 già dichiarati) e ha ritenuto infedele la dichiarazione dei redditi del 2003 chiedendo un importo di € 14.000,00 circa per IRPEF, INPS ……
Ed ecco le domande: nella dichiarazione dei redditi del 2003 non potevamo sapere che l'acquirente con la rideterminazione del valore di avviamento avrebbe concordato l'adesione; è lecito da parte dell'Ufficio delle Entrate chiederci la maggiore plusvalenza?
Nell'accertamento inviatoci l'Agenzia delle Entrate si avvale di sentenze della Corte di Cassazione che però fanno riferimento allo stesso soggetto mentre nel mio caso i soggetti sono due: l'acquirente che ha concordato l'adesione pagando il 3% di tassa di registro e la venditrice che si trova a non aver mai percepito il corrispettivo dichiarato dall'acquirente (diverso da quello riportato nell'atto notarile) e non essendo mai stata informata della scelta operata; come può allora l'Agenzia delle Entrate chiedere quanto riportato nell'accertamento?
E' chiaro a questo punto che o dovremo aderire all'accertamento o andare in Commissione Tributaria; ed ecco l'altra domanda: se fiscalmente l'acquirente è in regola e se l'è cavata con circa € 860,00 mentre la venditrice si trova a dover pagare circa € 14.000,00 non c'è una responsabilità civile da parte dell'acquirente per aver con la sua azione danneggiato la venditrice?
Io e mia figlia abbiamo avuto un colloquio con la Direttrice dell'Agenzia delle Entrate e le abbiamo fatto notare quelle che per noi sono anomalie e abbiamo chiesto di poter presentare una memoria difensiva e la richiesta di annullamento dell'accertamento in virtù dell'autotutela del contribuente ma ci è stato risposto che era tempo perso perché sarebbe stata respinta dall'Amministrazione che ha una direttiva da seguire.
Nel salutare cordialmente ringrazio anticipatamente per le risposte ai miei quesiti che hanno una certa urgenza e per eventuali suggerimenti su come affrontare questo problema: dulcis in fundo mia figlia attualmente è disoccupata e non ha le possibilità economiche per far fronte alla richiesta dell'Agenzia delle Entrate.

Ciao Ferruccio,sinceramente mi sembra molto strana questa vicenda in cui, l'Agenzia delle Entrate, autonomamente, ridetermina il valore dell'avviamento. Non è che sull'atto notarile c'è scritto qlc di diverso?? Sarei curioso di sapere come l'ufficio ha motivato questo maggior importo!!! Come ci si è arrivati a questo importo? In base a quali deduzioni.
Non c'è nessuna responsabilità tra le parti, in questo caso.
Cmq, credo sia meglio che vi facciate assistere da qualche consulente.

Commento di consulente fiscale | Mercoledì, 17 Settembre 2008

17 settembre 2008 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

La convenienza del sistema prezzo valore nella determinazione della base imponibile per il calcolo dell'imposta di registro dovuta quando si acquista un immobile
Il sistema prezzo valore prevede la tassazione del trasferimento degli immobili sulla base del loro valore catastale, indipendentemente dal corrispettivo effettivamente pattuito e indicato nell'atto. La sua applicazione limita il potere di accertamento dell'Agenzia delle entrate, che non può presumere un maggior valore ai fini dell'imposta di registro. Il calcolo ...
Imposte sui redditi e decadenza dell'avviso di accertamento - Nuove regole a partire dall'anno di imposta 2016
Per i periodi d'imposta a partire dal primo gennaio 2016, gli avvisi di accertamento potranno essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione. Nei casi di omessa presentazione della dichiarazione o di presentazione di dichiarazione ...
L'antieconomicità dell'attività esercitata può legittimare l'accertamento induttivo
Vero che l'accertamento induttivo non è consentito senza una ricostruzione sistematica dei ricavi fondata su dati precisi e concordanti da parte dell'Agenzia delle entrate. Tuttavia, è anche vero che l'accertamento induttivo del reddito può essere consentito anche in presenza di scritture contabili formalmente corrette, qualora la contabilità possa essere considerata ...
Avvio variazione e cessazione attività
Quando si intraprende un'attività economica, sia di tipo autonomo che imprenditoriale, il primo passo consiste nel segnalare l'inizio dell'attività al fine di ottenere il numero di Partita Iva (occorre segnalarlo entro 30 giorni dall'inizio dell'attività o dalla costituzione della società). Il numero di Partita Iva (Articolo 35 del decreto del ...
Agevolazioni prima casa - Possibile fruire dell'imposta di registro ridotta al 2 per cento anche per l'acquisto di una seconda casa a condizione che entro un anno si alieni la prima
Com'è noto, ai fini dell'applicazione dell'aliquota del 2 per cento dell'imposta di registro agli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di case di abitazione non di lusso e agli atti traslativi o consuntivi della nuda proprietà , dell'usufrutto, dell'uso e dell'ambientazione relativi alle stesse, devono ricorrere le seguenti condizioni: che ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su nell'anno 2003 si decise di chiudere l'attività di dealer tim che aveva sede a cervignano del friuli. Clicca qui.

Stai leggendo Nell'anno 2003 si decise di chiudere l'attività di dealer Tim che aveva sede a Cervignano del Friuli Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 17 settembre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi tasse tributi contributi - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca