Nell’anno 2003 si decise di chiudere l’attività di dealer Tim che aveva sede a Cervignano del Friuli

Nell’anno 2003 si decise di chiudere l’attività di dealer Tim che aveva sede a Cervignano del Friuli; qualche tempo prima della chiusura ci venne fatta un’offerta per l’acquisto dell’attività e l’accettammo anche se non era dell’importo che avremmo voluto realizzare. Nel dicembre 2003 si stipulò il contratto notarile con la parte acquirente per un importo di € 4.500,00 (€ 2.000,00 per mobili e attrezzature e € 2.500,00 per l’avviamento), questi valori vennero riportati in contabilità e nella dichiarazione dei redditi. Nell’ottobre del 2004 l’Ufficio del Registro di Udine rideterminava il valore dell’avviamento e l’acquirente concordò con l’amministrazione l’accertamento con adesione per € 27.000,00 senza informarci delle decisioni prese. Quest’anno l’Agenzia delle Entrate di Cervignano ci ha contestato una plusvalenza di € 24.500,00 (€ 27.000,00 – € 2.500,00 già dichiarati) e ha ritenuto infedele la dichiarazione dei redditi del 2003 chiedendo un importo di € 14.000,00 circa per IRPEF, INPS ……
Ed ecco le domande: nella dichiarazione dei redditi del 2003 non potevamo sapere che l’acquirente con la rideterminazione del valore di avviamento avrebbe concordato l’adesione; è lecito da parte dell’Ufficio delle Entrate chiederci la maggiore plusvalenza?
Nell’accertamento inviatoci l’Agenzia delle Entrate si avvale di sentenze della Corte di Cassazione che però fanno riferimento allo stesso soggetto mentre nel mio caso i soggetti sono due: l’acquirente che ha concordato l’adesione pagando il 3% di tassa di registro e la venditrice che si trova a non aver mai percepito il corrispettivo dichiarato dall’acquirente (diverso da quello riportato nell’atto notarile) e non essendo mai stata informata della scelta operata; come può allora l’Agenzia delle Entrate chiedere quanto riportato nell’accertamento?
E’ chiaro a questo punto che o dovremo aderire all’accertamento o andare in Commissione Tributaria; ed ecco l’altra domanda: se fiscalmente l’acquirente è in regola e se l’è cavata con circa € 860,00 mentre la venditrice si trova a dover pagare circa € 14.000,00 non c’è una responsabilità civile da parte dell’acquirente per aver con la sua azione danneggiato la venditrice?
Io e mia figlia abbiamo avuto un colloquio con la Direttrice dell’Agenzia delle Entrate e le abbiamo fatto notare quelle che per noi sono anomalie e abbiamo chiesto di poter presentare una memoria difensiva e la richiesta di annullamento dell’accertamento in virtù dell’autotutela del contribuente ma ci è stato risposto che era tempo perso perché sarebbe stata respinta dall’Amministrazione che ha una direttiva da seguire.
Nel salutare cordialmente ringrazio anticipatamente per le risposte ai miei quesiti che hanno una certa urgenza e per eventuali suggerimenti su come affrontare questo problema: dulcis in fundo mia figlia attualmente è disoccupata e non ha le possibilità economiche per far fronte alla richiesta dell’Agenzia delle Entrate.

Ciao Ferruccio,sinceramente mi sembra molto strana questa vicenda in cui, l’Agenzia delle Entrate, autonomamente, ridetermina il valore dell’avviamento. Non è che sull’atto notarile c’è scritto qlc di diverso?? Sarei curioso di sapere come l’ufficio ha motivato questo maggior importo!!! Come ci si è arrivati a questo importo? In base a quali deduzioni.
Non c’è nessuna responsabilità tra le parti, in questo caso.
Cmq, credo sia meglio che vi facciate assistere da qualche consulente.

Commento di consulente fiscale | Mercoledì, 17 Settembre 2008

17 Settembre 2008 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cartella esattoriale contributi 2003
Mia moglie ha ricevuto una carella esattoriale per dei contributi del 2003 (codice tributi 8094 Contributi IVS fissi/percentuale sul minimale COMPETENZA ANNO 2003). Sul sito di equitalia ho trovato data di notifica il 30/09/2005, vorrei sapere come dobbiamo muoverci, online ho visto che i contributi dovrebbero essere prescritti ma non sono un esperto in materia e l'agenzia delle entrate ci rimanda all'INPS che ci rimanda a equitalia. Domani scade il termine di pagamento di 5 giorni indicato sulla cartella esattoriale e non so se chiedere la rateizzazione sia considerata come "ammissione di colpa" e mi precluda la possibilità di non ...

Debiti con INPS e agenzia delle entrate - Il commercialista mi consiglia di chiudere l'attività
Dopo 9 anni di attività mi ritrovo con debiti verso inps e agenzia delle entrate con un debito complessivo di € 30 mila, sono indietro con l'affitto, con i fornitori e quello che entra lo uso per mangiare, pagare la luce e acquistare il caffè visto che si tratta di un bar. Il conto in banca è in rosso. il mio commercialista mi intima di chiudere e non ha tutti i torti, ma il punto è che, non riesco a trovare lavoro e comincio ad essere stanco. Non riesco a trovare una via d'uscita. in banca non posso chiedere prestiti ...

Avvio variazione e cessazione attività
Quando si intraprende un'attività economica, sia di tipo autonomo che imprenditoriale, il primo passo consiste nel segnalare l'inizio dell'attività al fine di ottenere il numero di Partita Iva (occorre segnalarlo entro 30 giorni dall'inizio dell'attività o dalla costituzione della società). Il numero di Partita Iva (Articolo 35 del decreto del Presidente della Repubblica numero 633 del 1972) viene attribuito dall'Agenzia delle Entrate al momento della dichiarazione di inizio attività e resta invariato fino alla cessazione. Il numero di Partita Iva è formato da 11 caratteri numerici, di cui i primi 7 individuano il contribuente attraverso un numero progressivo, i successivi ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su nell’anno 2003 si decise di chiudere l’attività di dealer tim che aveva sede a cervignano del friuli. Clicca qui.

Stai leggendo Nell’anno 2003 si decise di chiudere l’attività di dealer Tim che aveva sede a Cervignano del Friuli Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 17 Settembre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi tasse tributi contributi - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)