Utilizzo personale della navigazione in internet e della posta elettronica aziendale durante l'orario di lavoro - Illegittimo il licenziamento del dipendente se la sua condotta non ha arrecato danno all'attività produttiva

L'uso improprio di strumenti di lavoro aziendali e nella specie del personal computer in dotazione, delle reti informatiche aziendali e della casella di posta elettronica, non giustificano il licenziamento disciplinare, qualora non emerga che l'utilizzo personale della posta elettronica e della navigazione in internet abbiano determinato una significativa sottrazione di tempo all'attività di lavoro, oppure che la condotta del dipendente abbia realizzato il blocco del lavoro, con grave danno per l'attività produttiva.

Nel caso esaminato dai giudici della Corte di cassazione (sentenza 22353/15) le risultanze della consulenza tecnica d'ufficio avevano rilevato l'utilizzo personale della posta elettronica e della navigazione in Internet, in entrambi i casi ritenendole tuttavia di difficile quantificazione temporale; era stata poi accertata la presenza, nel computer di cui era stata dotata la postazione di lavoro assegnata al dipendente, di files di natura multimediale non legati all'attività lavorativa e l'installazione di alcuni programmi coperti da copyright, di cui non era stata accertata, però, l'utilizzazione oltre il periodo concesso come dimostrativo.

Irrilevante anche il richiamo fatto dal'azienda alle informative e ai molteplici preavvisi con cui veniva chiesto ai dipendenti un uso più attento della strumentazione aziendale. Ciò perché il riferimento alle disposizioni del datore di lavoro» non prospetta una violazione di obblighi contrattuali, rilevando solo ai fini della valutazione della gravità dell'inadempimento.

Complessivamente, è stata esclusa la particolare gravità del comportamento del dipendente sotto il profilo della sussistenza della giusta causa o del giustificato motivo: gli addebiti andavano puniti con una sanzione conservativa, peraltro contrattualmente prevista; ed è stato confermato, di conseguenza, l'annullamento del licenziamento.

.

3 novembre 2015 · Piero Ciottoli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Viola la normativa sulla privacy il datore di lavoro che effettua verifiche indiscriminate sulla posta elettronica e sulla navigazione web del personale
Viola la normativa sulla privacy (oltre che lo Statuto dei lavoratori) il datore di lavoro che effettua la raccolta e conservazione dei file di log relativi al traffico internet contenenti, tra gli altri, il MAC Address (Media Access Control Address), l'indirizzo IP nonché informazioni relative all'accesso ai servizi internet, all'utilizzo ...
Scarichi musica e film dal pc aziendale? » Illegittimo il licenziamento
Impossibile il licenziamento per chi scarica musica e film dal pc aziendale grazie al software installato ad hoc. Deve ritenersi sproporzionato il licenziamento per giusta causa inflitto al dipendente per l'installazione non autorizzata di programmi informatici annessi all'utilizzazione di detto software, per il cosiddetto “peer to peer”, che espone il ...
Illegittimo il licenziamento per giusta causa del dipendente che produce in giudizio la documentazione aziendale
Il dipendente che produca in una controversia di lavoro copia di atti aziendali riguardanti direttamente la propria posizione lavorativa non viene meno ai doveri di fedeltà; infatti, da un lato la corretta applicazione della normativa processuale in materia è idonea a impedire una vera e propria divulgazione della documentazione aziendale, ...
Il giudice deve limitarsi a verificare la legittimità della sanzione comminata dal datore di lavoro al proprio dipendente ma non può modificarne l'entità
La graduazione della sanzione in relazione alla gravità dell'illecito disciplinare è espressione di una discrezionalità che rientra nel più ampio potere organizzativo quale aspetto del diritto di iniziativa economica privata che la Costituzione riconosce all'imprenditore. I criteri di scelta adottati dall'imprenditore nell'esercizio del potere disciplinare non sono sindacabili nel merito ...
Licenziamento per scarso rendimento del dipendente - Onere della prova per il datore di lavoro
Nel licenziamento per scarso rendimento del lavoratore, rientrante nel tipo di licenziamento per giustificato motivo soggettivo, il datore di lavoro, non può limitarsi a provare solo il mancato raggiungimento del risultato atteso o l'oggettiva sua esigibilità. Il datore di lavoro deve anche provare che la causa di esso derivi da ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su utilizzo personale della navigazione in internet e della posta elettronica aziendale durante l'orario di lavoro - illegittimo il licenziamento del dipendente se la sua condotta non ha arrecato danno all'attività produttiva. Clicca qui.

Stai leggendo Utilizzo personale della navigazione in internet e della posta elettronica aziendale durante l'orario di lavoro - Illegittimo il licenziamento del dipendente se la sua condotta non ha arrecato danno all'attività produttiva Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 3 novembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca