My name is Bond. Tremonti Bond!

Abbiamo affidato loro i nostri risparmi, per giunta pagando carissimi i loro servizi: li hanno manipolati senza controllo. La cupidigia si è poi trasformata in sindrome da dipendenza come capita ai giocatori viziosi e si sono sperperati tutto, depauperando l'intero sistema.

Qualcuno ci ha lasciato le piume, ma in Italia non ci sembra e se è successo non ce l'hanno detto, anzi risulta che gli amministratori al vertice continuino a dirigere il tutto, proseguendo a godere come fantastiliardari paperoni.

Il governo ha deciso che presterà alle banche molti quattrini acciocché queste assumano la veste di mediatori tra la crisi, i bisognosi e i poveri. Vista così è come pensare di guarire un assatanato da slot machines inserendolo nel casinò, anziché in comunità.

Basti pensare a come fu (dis)applicata la legge Bersani che trattava la rinegoziazione dei mutui: gli sportellisti, ovviamente addestrati, la infrangevano alla luce del sole, rinnegandola o lucrando commissioni e interessi illegittimi.

L'intenzione di Tremonti potrebbe rivelarsi buona, ma a patto che i Bond nel Casino Royale siano sorvegliati da agenti supervisori, con lo stesso spirito dell'omonimo James.

1 marzo 2009 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Link a ritroso

Stai leggendo My name is Bond. Tremonti Bond! Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 1 marzo 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • efisio altamura 2 marzo 2009 at 08:35

    Sì, aiutiamole pure le banche. Poi vedremo se gli aiuti statali saranno finalizzati a facilitare l’erogazione dei crediti, come dovrebbe essere, o permetterenno invece ai nostri banchieri di giocare ancora in borsa e di compiere altre spericolate acrobazie di finanza creativa.




Cerca