Mutuo: Surroga e sostituzione » Quali le differenze?

Surroga e sostituzione mutuo » In cosa differiscono?

Sono qui per ottenere, spero, dei chiarimenti: in alcuni articoli pubblicati in precedenza sul vostro blog mi sono documentato sulla surroga o portabilità del mutuo.

Ho anche letto però di un'altra pratica: ovvero la sostituzione del mutuo.

Ma in che cosa differiscono sostanzialmente tra di loro queste due operazioni?

Quali sono le principali differenze?

Precisazioni su surroga e sostituzione

Come abbiamo visto ampiamente approfondito con numerosi articoli, la surroga, o portabilità, è un'operazione attraverso la quale il cliente ha la possibilità di modificare i parametri e le condizioni di erogazione del mutuo, che viene semplicemente trasferito presso un'altra banca.

Questo significa che l'ipoteca sull'immobile rimane nel frattempo in essere, ma viene aggiornata attraverso l'indicazione della nuova banca, a favore della quale continua a costituire garanzia.

Nella sostituzione del mutuo, invece, la nuova banca stipula con il cliente proprio un nuovo contratto che rende inefficace il precedente.

Il capitale ottenuto con il nuovo mutuo servirà a pagare sia il capitale residuo del mutuo con la vecchia banca, sia l'eventuale penale di estinzione.

Anche nella sostituzione del mutuo, quindi, si stipula un nuovo mutuo con la banca, ma cancellando l'ipoteca a favore della prima banca e iscrivendone una nuova a favore della seconda.

12 novembre 2013 · Andrea Ricciardi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutuo: surroga e sostituzione » quali le differenze?. Clicca qui.

Stai leggendo Mutuo: Surroga e sostituzione » Quali le differenze? Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 12 novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria decisioni Arbitro Bancario Finanziario in tema di clausole vessatorie portabilità violazione dovere buona fede contrattuale risarcimento Inserito nella sezione giurisprudenza.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)


lunghezza totale = 6475

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca