Mutuo: conosci i tuoi diritti » Ecco come contestare le scorrettezze

Obiettivo dell’articolo è spiegare al consumatore come, in caso di sottoscrizione di un mutuo, poter contestare le scorrettezze della banca e far valere i propri diritti.

È diritto del consumatore avere tutte le informazioni sul mutuo prima di fare la scelta definitiva.

E’ bene chiedere sempre il prospetto Esis, un modulo europeo standardizzato, che riporta le informazioni più importanti e include anche il Taeg.

Se, per ottenere il mutuo, la banca vi obbliga ad aprire un conto corrente presso di lei, compie una pratica scorretta in base al Codice del Consumo ed è vostro diritto opporvi: non c’è alcun problema a pagare le rate del mutuo tramite un addebito diretto (Rid) sul vostro attuale conto.

Se è necessario sottoscrivere una polizza vita, la banca deve obbligatoriamente fornite due preventivi di due compagnie assicurative con cui l’istituto di credito non ha accordi commerciali. Ricordiamo, inoltre, che si hanno 10 giorni lavorativi dalla consegna dei preventivi per cercare altrove un’altra copertura assicurativo, che la banca non può rifiutare.

Per polizze vita e polizze casa la banca non può essere contemporaneamente venditrice e beneficiaria della copertura.

Qualunque scorrettezza in campo assicurativo da parte della banca va segnalata all’Ivass attraverso il numero verde 800.48.66.61 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13:30.

Per altri pratiche scorrette riscontrate, è possibile redigere un reclamo presso l’Antitrust (Agcm) attraverso il modulo che è disponibile sul sito dell’autorità.

Chi ha stipulato un mutuo per l’acquisto o la ristrutturazione della propria abitazione può estinguere anticipatamente, anche solo in parte, il debito che ha contratto nei confronti della banca senza dover pagare penali.

Più precisamente sono esenti da penale i mutui per l’acquisto della abitazione principale stipulati con una banca a partire dal 2 febbraio 2007 e i mutui stipulati con qualsiasi soggetto (banca, finanziaria, ecc.) per l’acquisto o la ristrutturazione della casa di abitazione o dell’immobile a uso professionale a partire dal 3 aprile 2007.

Per i mutui stipulati prima, le penali variano a seconda se il tasso è fisso o variabile e in funzione del tempo che manca all’estinzione naturale del prestito.

3 Luglio 2014 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Clausole vessatorie su mutuo e conto corrente
Il testo coordinato del decreto legge 24 gennaio 2012, numero 1 Articolo 28 1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 183 del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, numero 209, e dalle relative disposizioni e delibera dell'ISVAP di attuazione in materia di interesse degli intermediari assicurativi, le banche, gli istituti di credito e gli intermediari finanziari se condizionano l'erogazione del mutuo immobiliare o del credito al consumo alla stipula di un contratto di assicurazione sulla vita sono tenuti a sottoporre al cliente almeno due preventivi di due differenti gruppi assicurativi non riconducibili alle banche, agli ...

Contratto di mutuo » Banche chiedono ritorno alla penale per l'estinzione anticipata
Gli istituti di credito italiani lamentano la pressione fiscale e chiedono a gran voce il ritorno della penale sull'estinzione anticipata dei contratti di mutuo. Sebbene il contesto attuale non faccia auspicare ad una ripresa immediata, sono in molti ad adoperarsi per costruire una propria autonomia familiare, impegnandosi nella ricerca di una casa e informandosi sui requisiti e le modalità per ottenere un mutuo. In casi di gestione ponderata delle proprie finanze o di condizioni particolarmente favorevoli, può inoltre verificarsi la possibilità, da parte del cliente, di concludere il proprio contratto di mutuo prima della scadenza, versando il capitale residuo e ...

Stipula del mutuo » Fare attenzione alle clausole vessatorie
Le clausole vessatorie sono quelle condizioni che all'interno di un contratto di tra un professionista e un consumatore determinano uno squilibrio significativo a danno di quest’ultimo e delle quali si può far valere la nullità. Lo stesso vale anche nel caso dei contratti di mutuo, in cui ci sono una miriade di clausole vessatorie che potrebbero portare il cliente ad incorrere in spiacevoli sorprese. Sono molti i trucchi e gli inganni messi a punto dalle banche per cercare di sottrarre più soldi possibile a chi si presenta per chiedere un mutuo. Sul mutuo a tasso variabile, per esempio, la banca ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutuo: conosci i tuoi diritti » ecco come contestare le scorrettezze. Clicca qui.

Stai leggendo Mutuo: conosci i tuoi diritti » Ecco come contestare le scorrettezze Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 3 Luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 26 Dicembre 2018 Classificato nella categoria nozioni di base su mutui affitti e leasing Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)