Mutuo » La banca deve risarcire il cliente se ritarda il frazionamento

L'istituto di credito è tenuto al risarcimento dei danni al proprio cliente se ritarda il frazionamento del mutuo nonostante le ripetute richieste.

Infatti, la banca deve risarcire il danno alla società costruttrice se ritarda il frazionamento del mutuo nonostante i ripetuti solleciti ricevuti.

Il rifiuto ingiustificato, nonostante l'inesistenza di un obbligo specifico, costituisce una violazione del dovere di correttezza e buona fede.

Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con la pronuncia 23232/13.

Mutuo e frazionamento ritardato: Considerazioni sulla pronuncia

Respinto il ricorso di una banca nei confronti di una società di costruzioni che, a seguito delle vendite delle singole unità immobiliari edificate, aveva chiesto all'istituto di frazionare i mutui esistenti.

L'istituto di credito aveva rifiutato per tre anni di eseguire il frazionamento e ciò aveva comportato un ritardo nelle vendite e nella percezione dei corrispettivi.

Per questo motivo la società aveva chiesto il risarcimento del danno patito ritenendo l'atteggiamento della banca del tutto ingiustificato, considerando anche il fatto che non esistevano pendenze nel pagamento delle rate di mutuo e che anche l'ufficio crediti speciali dell'istituto stesso aveva più volte sollecitato l'operazione.

La banca si è difesa in giudizio sostenendo che il frazionamento costituiva un'operazione non obbligatoria ma facoltativa con la conseguenza che l'eventuale ritardo non poteva generare alcun tipo di risarcimento.

Il tribunale ha respinto la domanda della società ma la corte d'appello ha ribaltato il verdetto confermato poi in Cassazione.

In particolare i giudici hanno affermato che il rifiuto ingiustificato di aderire a una prassi consolidata e il prolungato e immotivato rifiuto per oltre tre anni, nonostante i ripetuti solleciti, costituisce una violazione dei principi di correttezza e buona fede.

Ciascuna delle parti di un rapporto obbligatorio, infatti, ha concluso il collegio di legittimità, ha il dovere di agire in modo da preservare gli interessi dell'altra, a prescindere dall'esistenza di specifici obblighi contrattuali o di quanto espressamente stabilito da singole norme di legge.

Ne conviene che dalla violazione di tale regola di comportamento può valutarsi un risarcimento danni.

21 novembre 2013 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accollo del mutuo e successivo frazionamento
Il frazionamento del mutuo fondiario non può costituire fonte di nuove obbligazioni per il terzo acquirente, il quale rimane obbligato nei confronti del mutuante nei limiti in cui si è accollato il debito, e può opporre al creditore le eccezioni fondate sul contratto in base al quale l'assunzione è avvenuta. Ne consegue l'illegittimità della suddivisione che ...
Assegno con firma falsa? » L'istituto di credito deve risarcire cliente
La banca deve risarcire il proprio cliente nel caso in cui abbia pagato a vista un assegno, ad un truffatore, con la firma del correntista perfettamente contraffatta. Ai fini della valutazione della responsabilità della banca nel mancato riconoscimento di un assegno falso, infatti, è compito del giudice chiamato in causa ...
Mutuo - La banca non può ritardare la stipula oltre il termine di un'offerta promozionale vantaggiosa
La violazione dell'obbligo di comportarsi secondo buona fede nello svolgimento delle trattative e nella formazione del contratto assume rilievo anche se il contratto concluso è valido, ma risulta pregiudizievole per la parte rimasta vittima del comportamento scorretto. In tale ipotesi, il risarcimento del danno deve essere commisurato al maggior aggravio ...
Contratto di mutuo - La banca non può modificare in peggio lo spread inizialmente proposto
La banca non può modificare in peggio, durante la fase delle trattative contrattuali, lo spread originariamente proposto e le condizioni sulle quali i il mutuatario aveva riposto legittimo affidamento, in vista della stipula del contratto definitivo di mutuo. Tanto più se le motivazioni addotte dalla banca a giustificazione della modifica ...
La banca è sempre responsabile dell'illecito compiuto in danno del cliente da un suo promotore finanziario
La banca risponde di un illecito compiuto in danno di terzi dal suo promotore che lo abbia commesso in tale veste, con conseguente responsabilità della banca stessa, per effetto della correlazione, al risarcimento del cliente truffato. La circostanza che il cliente abbia consegnato al promotore finanziario somme di denaro con ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutuo » la banca deve risarcire il cliente se ritarda il frazionamento. Clicca qui.

Stai leggendo Mutuo » La banca deve risarcire il cliente se ritarda il frazionamento Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 21 novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria nozioni di base su mutui affitti e leasing Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca