Mutuo - problematiche successive a separazione e divorzio

Mutuo » Cosa succede dopo il divorzio?

Come noto, sempre più famiglie italiane, per avere la liquidità necessaria ad acquistare la loro prima casa si rivolgono alle banche per riuscire, o almeno provare, ad accendere un mutuo.

Quando si cerca l'appartamento naturalmente, il matrimonio è agli inizi e tutto procede per il verso giusto. Per molte coppie, purtroppo, arriva il momento di separarsi e si chiede il divorzio.

La separazione e il divorzio

La separazione, prima, e il divorzio, poi, sono sicuramente dei momenti delicato per le coppie. Questo fenomeno, purtroppo, riguarda sempre più coniugi in Italia.

Oltre ai problemi familiari e sentimentali, inoltre, intervengono quelli economici e finanziari con le rate del mutuo che bisogna continuare a pagare.

Quando una relazione finisce, infatti, la spesa per molti single italiani diventa insostenibile e soprattutto è difficile ottenere un nuovo finanziamento.

Il mutuo dopo la separazione: i dati

In Italia sono attualmente 610 mila gli ex coniugi divorziati che stanno ancora pagando le rate del mutuo della propria casa.

Un numero enorme che rappresenta il 22,6% degli ex sposi divisi pressoché equamente fra uomini e donne.

Inoltre, il 42% dei divorziati dichiara una condizione economica più difficile e un anno dopo la separazione coniugale il 54,7% degli ex sta ancora pagando il mutuo casa.

La crisi economica, come è ovvio pensare, si fa dunque più pesante per i single e i divorziati che, oltre a dover sostenere da soli tutte le spese, spesso si trovano a dover pagare le rate del mutuo della vecchia casa.

Per questo motivo molti di loro (quasi l'11%) decide di tornare a casa dai genitori, mentre addirittura il 57% delle coppie, un anno dopo il divorzio, abita ancora sotto lo stesso tetto.

Accendere un nuovo mutuo? È praticamente impossibile.

Qualche dritta per affrontare il mutuo dopo il divorzio

Il divorzio, quindi, oltre ad essere un momento emotivamente difficile per una coppia, è anche un periodo dispendioso, basti pensare ai costi di pratiche e avvocati.

Risolvere la questione del mutuo, di conseguenza, sarebbe manna dal cielo, ma non è un'operazione facile.

Ma qualche soluzione sembra esserci. Le vie più consigliate da intraprendere sono tre: continuazione, uscita o estinzione dal mutuo.

Se si sceglie la continuazione del mutuo, praticamente non ci saranno differenze fra le condizioni contrattuali pre e post divorzio ed entrambi i coniugi dovranno pagare la propria parte.

Si tratta di un opzione adatta a chi vuole continuare a dividere la spesa perché né il marito né la moglie possono sostenere da soli questo finanziamento. L'unica cosa da fare sarà mettere nero su bianco l'accordo sul verbale di separazione.

L'uscita dal mutuo di uno dei due coniugi intestatari del contratto, invece, è un'operazione più complicata e bisognerà rivolgersi alla banca per sapere se si può fare o meno.

In pratica, la banca valuterà se il coniuge che decide di continuare il mutuo è in grado di farlo autonomamente oppure no.

L'altro coniuge, invece, in casi particolari, potrà richiedere la restituzione di parte delle rate versate: in questi casi, però, si rischia facilmente di finire in tribunale.

L'ultima e più felice opzione è l'estinzione del mutuo.

Estinguendo il mutuo, infatti, si risolverebbe il problema del pagamento delle rate, ma ovviamente questo non è sempre possibile.

In alternativa, si può pensare di vendere la casa e cedere il mutuo al nuovo acquirente, sperando che abbia un matrimonio più fortunato.

6 marzo 2014 · Andrea Ricciardi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Riduzione dell'assegno di separazione o divorzio - Quando può essere accordata
Per orientamento consolidato della giurisprudenza di legittimità in tema di revisione delle condizioni di separazione o divorzio, il giudice non può procedere ad una nuova ed autonoma valutazione dei presupposti o dell'entità dell'assegno sul­la base di una diversa ponderazione delle condizioni economiche delle parti, ma, deve procedere nel pieno rispetto ...
Mutuo cointestato » La detrazione degli interessi passivi dopo la separazione
In un mutuo cointestato tra due coniugi, gli interessi passivi del mutuo si possono scaricare al 100% cento, anche in caso di separazione legale? Nella fattispecie di una separazione legale, e a seguito di un eventuale riassetto patrimoniale fra i coniugi, la detrazione degli interessi passivi spetta, nell'intera misura o ...
Divorzio e assegno divorzile
L'assegno divorzile è previsto dall'articolo 5 della legge sul divorzio numero 898 del 1970. Il presupposto per applicare l'assegno divorzile ricorre quando un coniuge (o meglio ex coniuge) non ha mezzi adeguati o comunque non può procurarseli per ragioni oggettive. Qualora vi sia questo presupposto, il Tribunale disporrà che il ...
Separazione personale e divorzio » Cosa è cambiato dopo la riforma della giustizia
La riforma della Giustizia civile prevede un ulteriore intervento di semplificazione dei procedimenti di separazione personale e divorzio, che dovrebbe avere effetti complementari rispetto alla negoziazione assistita. Come accennato, la recente riforma della giustizia ha completamente stravolto le regole per chi intende mettere fine al proprio matrimonio o rivedere le ...
Accordo di separazione o di divorzio davanti all'ufficiale dello stato civile
In tema di separazione consensuale, richiesta congiunta di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio e modifica delle condizioni di separazione o di divorzio innanzi all'ufficiale dello stato civile la legge ha introdotto il nuovo istituto dell'accordo di separazione o di divorzio davanti all'ufficiale dello stato civile, stabilendone ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutuo - problematiche successive a separazione e divorzio. Clicca qui.

Stai leggendo Mutuo - problematiche successive a separazione e divorzio Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 6 marzo 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia separazione e divorzio - assegnazione casa e assegno di mantenimento coniuge separato o divorziato Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca