Mutuo ipotecario che si mangia quasi tutto il mio stipendio

Ho 46 anni anni, lavoro ed il mio stipendio è quasi completamente impegnato con un mutuo ipotecario fatto sulla mia casa, e una macchina comprata l'anno scorso. Mio marito aveva un'attività commerciale che nel novembre del 2009 ha dovuto chiudere in quanto il guadagno non copriva le spese.

Adesso abbiamo quasi 30.000 euro di debiti con 2 banche a cui ho chiesto un piano di rientro, e ci stiamo organizzando.

Ma quello che più mi spaventa è il debito di 80.000 euro che abbiamo con la ditta che ci forniva la merce, a cui abbiamo firmato, io e mio marito, assegni e cambiali per l'intero importo.

Da gennaio 2011 non riusciamo più a pagare, e sono incominciate ad arrivare lettere di protesto dalla prefettura.

Vorrei sapere se c'è una legge che ci possa tutelare e aiutare ad affrontare tutto questo, noi vogliamo pagare, ma gli importi che avevamo pattuito sono troppo alti e ci vorrà del tempo per riuscire a restituire il tutto.

La mia paura più grande è di perdere la casa, c'è la possibilità di pignoramento? Se si come evitarlo? Io ho tre figli e non posso stare a guardare mentre perdo tutto.

PS. Visto che sono stata costretta a firmare pure io le cambiali, possono toccare il mio stipendio?

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutuo ipotecario che si mangia quasi tutto il mio stipendio. Clicca qui.

Stai leggendo Mutuo ipotecario che si mangia quasi tutto il mio stipendio Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 5 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca