Mutuo e interessi ad usura: quando chiedere il rimborso

E' possibile chiedere il rimborso degli interessi quando ci si trova di fronte all'anatocismo bancario o all'usura bancaria.

L'anatocismo bancario si verifica quando si capitalizzano gli interessi su un capitale. In pratica avviene quando la banca applica formula dell'interesse composto, cioè fa pagare gli interessi sugli interessi.

L'usura bancaria, invece si ha quando la banca applica un tasso di interesse che supera il tasso di soglia, cioè il tasso stabilito dalla legge. Il tasso di soglia è notificato dalla Banca d'Italia ogni tre mesi.

E' sufficiente che il tasso superi il tasso di soglia anche per un solo trimestre, per far scattare l'usura bancaria.

Se la banca è colpevole di anatocismo, si possono richiedere solo gli interessi pagati in eccesso. Nel caso si sia verificata l'usura, si può richiedere il totale degli interessi già pagati e pretendere che nel pagamento delle rate successive ci siano solo somme che si riferiscono al capitale puro.

E' importante qui sottolineare che l'anatocismo o l'usura vanno in prescrizione dopo dieci anni. Perciò c'è tutto il tempo per verificare il proprio mutuo e, nel caso, procedere nella richiesta di rimborso. Inoltre è bene ricordare che si può chiedere il rimborso degli interessi, ma anche ogni altra voce di costo a carico dell'utente, incluso le spese delle penali e di commissioni.

Come richiedere il rimborso in tema di mutuo ad interessi usurari

Ci sono molte società specializzate che offrono un servizio di analisi gratuita del mutuo per verificare se si è rimasti vittima di anatocismo o di usura bancaria.

Ovviamente se la verifica è positiva, ci si può affidare a loro per il recupero degli interessi.

Altrimenti si segue la strada tradizionale e si chiede alla propria banca l'estratto conto e i rendiconti delle rate pagate.

Si ricorda che un istituto bancario ha l'obbligo di fornire al contraente tutti i documenti inerenti agli ultimi dieci anni.

Oltre alle società specializzate nel settore, dopo la sentenza si sono attivate anche le associazioni a tutela del consumatore.

19 novembre 2013 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca