Mutuo e recupero interessi passivi per ripianare altri debiti

Indice dei contenuti dell'articolo


Detrazione interessi passivi mutuo - una situazione complicata

Premetto che mio padre ha un debito piuttosto ingente nei confronti di Equitalia (32000€ circa) creatosi perché mio padre (libero artigiano) non ha piu lavorato dal 2006 al 2010 ed in questo lasso di tempo non si è premurato di chiudere l'attività.

Pertando il debito deriva in gran parte da posizioni INAIL e INPS che sono rimaste aperte.

Sempre in questo periodo non sono state redatte le dichiarazione dei redditi.

Quando sono venuta a conoscenza della situazione (nel 2010), ho fatto chiudere l'attività di mio padre che ad oggi risulta ancora disoccupato.

Ad oggi il mutuo è completamente a carico di mia madre e vorrei sapere se è possibile effettuare una richiesta di rimborso per gli interessi passivi del mutuo per gli anni in cui non sono stati scaricati (dal 2006 al 2010).

Il mutuo è piuttosto alto 800€ al mese ed i soldi che recupererei potrebbero sanare un po la situazione debitoria nei confronti di Equitalia (potrei recuperare circa 10000 €).

Domanda 1: è possibile recuperare gli interessi passivi?

Domanda 2: la pratica di recupero interessi potrebbe aggravare la situazione di mio padre che non ha presentato dichiarazioni dei redditi dal 2006 al 2010?

Della detrazione degli interessi passivi possono beneficiare solo i proprietari della casa per cui è stato stipulato il mutuo

Per quanto attiene la domanda numero uno, lei ci dice molte cose, ma non quelle che servirebbero: se, cioè sua madre abbia percepito reddito dal 2006 al 2010, se sia o meno comproprietaria dell'immobile per cui è stato erogato il mutuo, a chi il mutuo è stato erogato, se sua madre presenterà la dichiarazione quest'anno.

Le regole per la detrazione dei mutui erogati per l'abitazione principale ci dicono che solo chi è proprietario, in parte o di tutto l'immobile, può beneficiare della detrazione e solo per la quota parte del mutuo a lui intestato. Al massimo ne può beneficiare anche il coniuge a carico, se comproprietario e/o cointestatario.

In ogni caso, il recupero potrebbe essere effettuato solo per l'anno passato, attraverso una dichiarazione integrativa da presentare quest'anno.

L'importo massimo annuale del mutuo da portare in detrazione è di 4 mila euro, in casi particolari. Il che significa che il recupero massimo annuale sull'imposta da versare è di 760 euro. Trattandosi di detrazione, infatti, va verificata se c'è capienza. In parole semplici, se suo padre fosse l'unico soggetto legittimato a beneficiare della detrazione, non potrebbe comunque detrarre un cent, non avendo prodotto reddito e quindi non avendo versato un'imposta sul reddito da cui poter operare la detrazione.

Mi spiace doverla disilludere ogni volta che ci scrive.

23 Novembre 2012 · Tullio Solinas