Mutuo con altri debiti impossibili da pagare e separazione legale

Mutuo ed altri debiti che non riuscirò a pagare

Ho un debito di 12 mila euro con un fornitore per una mia vecchia attività chiusa nel 2009, ma al momento non posso pagare in quanto sono senza lavoro e ho diverse rateizzazioni con equitalia, un mutuo sulla casa e un mutuo per un prestito fatto per chiudere l'attività.

Sono sposata e ho tre figli minorenni.

Con lo stipendio di mio marito paghiamo mutui, equitalia, e bollette, lo stipendio e di 1.500 euro.

Per il resto mi aiuta mia madre, spesa e vestiario.

Naturalmente il recupero crediti per questo fornitore continua a chiamarmi e da qualche mese invia i solleciti a nome di mio marito, che con la mia vecchia attività non ha niente a che fare.

La mia era una ditta individuale, a questo fornitore avevo versato 4.500 euro come acconto al tempo della chiusura ma poi la mia situazione e peggiorata e non ho piu potuto pagare altro.

Volevo un consiglio su come comportarmi e agire.

Proprietà casa e mutuo

La strategia del fornitore, opportunamente consigliato, è chiara. Dimostrare che l'attività della ditta individuale era esercitata per soddisfare esigenze familiari.

In questo caso, anche se fra lei e suo marito vigesse un regime di separazione dei beni, annotato nell'atto di matrimonio, il coniuge non debitore risulterebbe comunque coobbligato.

E quindi, il creditore potrebbe ricorrere per chiedere ed ottenere un decreto ingiuntivo e successivamente rivalersi, attraverso un pignoramento presso terzi, sullo stipendio di suo marito.

Un altro punto critico della situazione economico patrimoniale, che lei descrive, è rappresentato dalla proprietà della casa. Non deve troppo rassicurare il debitore la circostanza che su di essa gravi un mutuo e che sull'immobile sia stata iscritta un'ipoteca primaria.

Con il tempo, attraverso il pagamento puntuale delle rate, si forma la necessaria capienza fra il valore commerciale dell'immobile ed il capitale residuo da rimborsare a chi ha erogato il mutuo. Vale allora la pena, è questa la considerazione lineare del creditore, iscrivere ipoteca secondaria per attivare, al momento opportuno, un'azione espropriativa.

A titolo di esercizio puramente scolastico, voglio anche aggiungere che le strategie che presumiamo essere state pianificate dal creditore, entrerebbero in crisi, ad esempio, nel caso in cui il marito chiedesse ed ottenesse la separazione legale per colpa, attribuendo alla moglie la responsabilità di aver dilapidato i proventi dell'attività individuale ed aver contratto debiti al solo scopo di soddisfare le più varie esigenze personali.

In più, la casa coniugale - atteso il fatto che il marito non potrebbe occuparsi dei minori in quanto impegnato nell'attività di lavoro - verrebbe comunque assegnata alla moglie ed ai figli.

Ora, il provvedimento di assegnazione della casa coniugale, in sede di separazione personale o divorzio, pur non idoneo a costituire un diritto reale di uso o di abitazione a favore dell'assegnatario, integra un diritto di natura personale (Corte Costituzionale, sentenza numero 454/1989; Cassazione, sentenza del 23 marzo 2006, numero 4719; Cassazione, Sezioni Unite, 29 luglio 2002, numero 11096).

In queste condizioni, l'iscrizione di ipoteca secondaria perderebbe qualsiasi utilità. Dal momento che l'immobile, gravato da un diritto di abitazione, subirebbe una rilevante diminuzione di valore e il ricavato di una eventuale vendita all'asta non basterebbe neppure a soddisfare il creditore privilegiato (la banca) che, peraltro, ostacolerebbe qualsiasi azione esecutiva del creditore incombente.

E, non sarebbe neanche esperibile un'azione di recupero sullo stipendio del marito, poichè se l'attività della ditta non era finalizzata a soddisfare le esigenze della famiglia, come sancito nelle motivazioni di separazione per colpa, neanche potrebbero essere considerati imputabili al marito i debiti assunti nell'ambito di quell'attività.

26 novembre 2012 · Tullio Solinas


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mutuo cointestato separazione e accollo non liberatorio - il coniuge diventato debitore unico non può chiedere modifiche contrattuali
Il caso si riferisce ad una coppia di coniugi cointestatari di mutuo ipotecario laddove, nella sentenza di omologa della separazione consensuale si legge che ... resta a carico del marito l'onere relativo al pagamento della rata del mutuo. Il marito che, in forza dell'accordo di separazione, era divenuto "debitore unico" ...
Assegnazione della casa coniugale - opponibilità a terzi e responsabilità del venditore
Il provvedimento di assegnazione della casa coniugale, in sede di separazione personale o divorzio, non è idoneo a costituire un diritto reale di uso o di abitazione a favore dell'assegnatario, ma solo un diritto di natura personale, opponibile, se avente data certa, ai terzi entro nove anni, ai sensi dell'articolo ...
Guida al pignoramento di stipendio pensione e crediti alimentari - di quanti quinti sarà il quantum
E' sempre più frequente il ricorso del creditore a quelle norme, previste e disciplinate dagli articoli 543 e seguenti del codice di procedura civile, finalizzate ad aggredire i crediti vantati dai debitori a titolo di retribuzioni, pensioni e crediti alimentari. Ciò è stato reso possibile da una serie di interventi ...
Separazione personale - il coniuge superstite perde il diritto di abitazione
Com'è noto, al coniuge è riservata, a titolo di legittima, una quota pari alla metà del patrimonio dell'altro, salve le disposizioni dettate in caso di concorso con i figli, le quali prevedono in favore del coniuge la riserva della quota di un terzo, in caso di un solo figlio, e ...
Separazione dei beni - è opponibile al creditore solo se annotata sull'atto di matrimonio
Non è opponibile al creditore che agisce in esecuzione la separazione dei beni tra i coniugi se manca l'annotazione a margine dell'atto di matrimonio. In tal senso si è pronunciata la Corte di Cassazione con la sentenza numero 11319/2011. Secondo la Cassazione, qualora risulti che al momento del pignoramento del ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutuo con altri debiti impossibili da pagare e separazione legale. Clicca qui.

Stai leggendo Mutuo con altri debiti impossibili da pagare e separazione legale Autore Tullio Solinas Articolo pubblicato il giorno 26 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 3 gennaio 2018 Classificato nella categoria cartelle esattoriali - domande e risposte Inserito nella sezione giurisprudenza.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca