Immobile gravato da mutuo - Il domicilio del debitore indicato nel contratto è valido per la notifica di atti esecutivi

Il creditore può legittimamente notificare gli  atti esecutivi riguardanti l'immobile gravato da mutuo fondiario al domicilio eletto dal debitore al momento della stipula del contratto. Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con la sentenza numero 14813 del 4 settembre 2012.

La debitrice esecutata aveva proposto opposizione agli atti esecutivi ex articolo 617 del codice di procedura civile, avverso il provvedimento di aggiudicazione di un immobile adducendo l'irritualità della vendita all'incanto, in quanto non preceduta da valida notifica dell'avviso d'asta. L'avviso era stato  notificato non presso la sede sociale della Società debitrice ma al domicilio eletto all'atto della stipula del contratto di mutuo fondiario.

Secondo i giudici di piazza Cavour, in mancanza di specifici indici normativi, non vi sono ragioni per ritenere invalida o inefficace l'elezione di domicilio effettuata dal debitore nel contratto di mutuo, con specifico riferimento sia al processo esecutivo che di opposizione, nonché per la prosecuzione del giudizio in conseguenza del verificarsi di un evento interruttivo.

 

 

26 aprile 2013 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mutuo » valido anche se finanzia più dell'80% dell'immobile senza adeguate garanzie
Valido il mutuo che finanzia più dell'80 per cento dell'immobile senza adeguate garanzie. Infatti, deve escludersi che la violazione del limite di finanziabilità pari all'80 per cento del valore dell'immobile determini la nullità del contratto. Ciò, dovendosi osservare che le relative disposizioni non appaiono quindi volte ad inficiare norme inderogabili ...
Mutuo cointestato separazione e accollo non liberatorio - il coniuge diventato debitore unico non può chiedere modifiche contrattuali
Il caso si riferisce ad una coppia di coniugi cointestatari di mutuo ipotecario laddove, nella sentenza di omologa della separazione consensuale si legge che ... resta a carico del marito l'onere relativo al pagamento della rata del mutuo. Il marito che, in forza dell'accordo di separazione, era divenuto "debitore unico" ...
Notifica degli atti impositivi - Domicilio fiscale e residenza anagrafica
Prima che il contribuente abbia conoscenza degli atti che incidono sulla sua posizione debitoria o ereditaria nei confronti del fisco, gli atti stessi non possono produrre effetti (cfr. Cassazione 2001/4760 e soprattutto, con riguardo alla sanatoria dei possibili vizi della notifica e ai suoi effetti, Cassazione sezioni unite 2004/19854). Ora, ...
Differenza fra opposizione ad esecuzione ed opposizione agli atti esecutivi
Il criterio distintivo fra l'opposizione all'esecuzione (articolo 615 del codice di procedura civile) e l'opposizione agli atti esecutivi (articolo 617 del codice di procedura civile) si individua considerando che con l'opposizione all'esecuzione si contesta il diritto della parte istante di procedere ad esecuzione forzata per difetto originario o sopravvenuto del ...
Polizza assicurativa associata al mutuo garantito da ipoteca - Deve essere rapportata al costo di ricostruzione e non al valore commerciale dell'immobile
Com'è noto, contestualmente alla stipula del contratto di mutuo garantito da ipoteca, al mutuatario viene fatta sottoscrivere un'assicurazione, di cui la banca risulta beneficiaria, a copertura del rischio legato a taluni eventi che impediscano la restituzione o il recupero delle somme erogate. L'importo necessario per la copertura assicurativa, tuttavia, deve ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su immobile gravato da mutuo - il domicilio del debitore indicato nel contratto è valido per la notifica di atti esecutivi. Clicca qui.

Stai leggendo Immobile gravato da mutuo - Il domicilio del debitore indicato nel contratto è valido per la notifica di atti esecutivi Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 26 aprile 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria nozioni di base su mutui affitti e leasing Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • LauraB 2 luglio 2014 at 09:39

    Buongiorno, ho ricevuto l’atto di pignoramento immobiliare e volevo solo sapare cosa accade se non indico un domicilio o residenza in comune limitrofo al tribulale e se lascio che le prossime notifiche avvengano presso la cancelleria, come scritto nell’atto.
    Purtroppo sono residente in un’altra regione e non ho parenti cui appoggiarmi nei comuni limitrovi al giudice. Incorro in qualche multa? Rischio di perdere informazioni importanti tipo un’eventuale convocazione? Premetto che non ho intenzione di impugnare l’atto.
    Grazie a tutti.
    Laura.

    • Ornella De Bellis 2 luglio 2014 at 09:53

      La notifica degli atti serve a garantire soprattutto il diritto di difesa del destinatario e a metterlo a conoscenza degli sviluppi della situazione. Se lei non ha interesse a seguire le fasi della procedura di espropriazione e non intende eleggere domiciliazione presso uno studio legale, può anche omettere l’indicazione richiesta.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca