Mutuo e conto corrente in banche diverse - è possibile

Indice dei contenuti dell'articolo


Assicurazioni connesse all'erogazione di mutui immobiliari e di credito al consumo

Il testo coordinato del decreto legge 24 gennaio 2012, numero 1 Articolo 28


1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 183 del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, numero 209, e dalle relative disposizioni e delibera dell'ISVAP di attuazione in materia di interesse degli intermediari assicurativi, le banche, gli istituti di credito e gli intermediari finanziari se condizionano l'erogazione del mutuo immobiliare o del credito al consumo alla stipula di un contratto di assicurazione sulla vita sono tenuti a sottoporre al cliente almeno due preventivi di due differenti gruppi assicurativi non riconducibili alle banche, agli istituti di credito e agli intermediari finanziari stessi. Il cliente e' comunque libero di scegliere sul mercato la polizza sulla vita piu' conveniente che la banca e' obbligata ad accettare senza variare le condizioni offerte per l'erogazione del mutuo immobiliare o del credito al consumo.

2. Entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, l'ISVAP definisce i contenuti minimi del contratto di assicurazione di cui al comma 1.

3. All'articolo 21, comma 3-bis, del decreto legislativo 6 settembre 2005, numero 206, dopo le parole: «alla sottoscrizione di una polizza assicurativa erogata dalla medesima banca, istituto o intermediario» sono aggiunte le seguenti: «ovvero all'apertura di un conto corrente presso la medesima banca, istituto o intermediario».

Clausole vessatorie su mutuo e conto corrente - Le modifiche apportate dal Salva Italia

Il comma 3 bis dell'articolo 21 del Decreto Legislativo del 2005 numero 206 (Codice del consumo) dopo le modifiche apportate dal decreto "Salva Italia"

3-bis. È considerata scorretta la pratica commerciale di una banca, di un istituto di credito o di un intermediario finanziario che, ai fini della stipula di un contratto di mutuo, obbliga il cliente alla sottoscrizione di una polizza assicurativa erogata dalla medesima banca, istituto o intermediario ovvero all'apertura di un conto corrente presso la medesima banca, istituto o intermediario.

Conclusioni su clausole vessatorie nei contratti di mutuo e di conto corrente

E’ considerata scorretta la pratica commerciale di una banca, di un istituto di credito o di un intermediario finanziario che, ai fini della stipula di un contratto di mutuo, obbliga il cliente alla sottoscrizione di una polizza assicurativa erogata dalla medesima banca, istituto o intermediario ovvero all'apertura di un conto corrente presso la medesima banca, istituto o intermediario.

17 Settembre 2012 · Annapaola Ferri


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Stipula del mutuo » Fare attenzione alle clausole vessatorie
Le clausole vessatorie sono quelle condizioni che all'interno di un contratto di tra un professionista e un consumatore determinano uno squilibrio significativo a danno di quest’ultimo e delle quali si può far valere la nullità. Lo stesso vale anche nel caso dei contratti di mutuo, in cui ci sono una miriade di clausole vessatorie che potrebbero portare il cliente ad incorrere in spiacevoli sorprese. Sono molti i trucchi e gli inganni messi a punto dalle banche per cercare di sottrarre più soldi possibile a chi si presenta per chiedere un mutuo. Sul mutuo a tasso variabile, per esempio, la banca ...

Mutuo e assicurazione casa
Le tre coperture assicurative che oggi vengono comunemente proposte dagli intermediari finanziari in occasione dell'erogazione del mutuo, sono: polizza incendio e scoppio. E' di fatto obbligatoria. Ed è una buona cosa perché in evenienza dei casi coperti (incendio e scoppio) il mutuatario si troverebbe a pagare rate per una casa che non esiste più. Non dovrebbe essere obbligatorio, invece, sottoscrivere la polizza con la stessa banca che eroga il mutuo; polizze cpi, credit protection insurance. Variano da caso a caso ma, in generale coprono il rimborso delle rate nei casi di perdita del posto del lavoro, inabilità temporanea e permanente; ...

Opposizione a decreto ingiuntivo - quando le clausole del contratto di prestito sono vessatorie
Il Tribunale di Genova ha accolto l'opposizione a decreto ingiuntivo presentata dal cliente di una banca che aveva sottoscritto un contratto di finanziamento contenente clausole scritte con caratteri piccolissimi. Con la sentenza numero 518/2013 il giudice, applicando il codice del consumo e la giurisprudenza della Corte di giustizia europea, ha stabilito che è vessatoria la clausola del contratto di finanziamento scritta con caratteri troppo piccoli che prevede interessi di mora e penali elevati. Occorre anzitutto premettere che secondo la giurisprudenza consolidata della Suprema Corte l'opposizione al decreto ingiuntivo non è una impugnazione del decreto stesso, volta a farne valere vizi ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutuo e conto corrente in banche diverse - è possibile. Clicca qui.

Stai leggendo Mutuo e conto corrente in banche diverse - è possibile Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 17 Settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria conti correnti bancari e postali e libretti di deposito a risparmio Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti