Mutuo trentennale con altri debiti ed opzione di consolidamento

Mutuo ipotecario trentennale non più sostenibile

Sono un dipendente pubblico con un reddito mensile di 1250 euro. Nell'aprile 2009 ho stipulato un mutuo ipotecario trentennale per l'importo di 124000 euro. Il valore dell'immobile è di 165000 euro per il quale pago mensilmente circa 600 euro.

Nel frattempo mi son indebitato avendo in corso cessione del quinto di durata decennale più tre finanziamenti (in scadenza tra 5/7 anni) e tre carte di credito (due revolving e una cartasì). Il debito residuo di quest'ultimi è di circa 49000 euro,per il quale pago all'incirca 950 euro.

Al momento ho sempre pagato regolarmente a parte un ritardo con penale di pochi giorni con compass ma ora ho necessità d'abbassar la rate totali,o almeno per quanto riguarda gli altri finanziamenti in corso se non è possibile consolidare nell'insieme mutuo più finanziamenti e carte.

Avrei bisogno di un consiglio per come districare questa situazione.

Mutuo e consolidamento debiti

Lei ha due problemi: una situazione debitoria che volgerà irrimediabilmente all'insolvenza e la proprietà della casa.

Visto il valore commerciale dell'immobile c'è capienza per l'insinuazione di altri creditori, oltre alla banca erogatrice del mutuo, per l'attivazione delle procedure di pignoramento ed esproprio.

Converrebbe vendere la casa, adesso. C’è sempre tempo per ricomprarla, magari a prezzi migliori, ovemai la sua situazione economica dovesse migliorare in futuro.

Prevenire è sempre meglio che curare. E purtroppo il consolidamento debiti è un bel parolone utilizzato da banche e finanziare solo per veicolare un messaggio di pubblicità ingannevole. Chi ne ha effettivamente bisogno quasi mai riesce ad accedere a soluzioni ragionevoli: interessi sostenibili (quindi durata del piano di ammortamento che non porti il debito in eredità a nipoti e pronipoti) e richiesta di garanzie che non presuppongano che il debitore sia un proprietario di immobili liberi da garanzie ipotecarie.

Una volta liberatosi dal fardello della casa, potrà costruirsi da solo una soluzione di ristrutturazione del debito che sia davvero conveniente.

Basterà interrompere i rimborsi di tutti i prestiti in essere ed attendere il pignoramento del quinto dello stipendio richiesto dal primo creditore procedente. Gli altri, meno fortunati, dovranno collocarsi in paziente attesa che giunga a buon fine il piano di ammortamento relativo al rimborso di chi è riuscito a vincere la gara per accaparrarsi la quota pignorabile dello stipendio del debitore.

Tanto più che il giudice, nella determinazione della quota pignorabile del suo stipendio, dovrà comunque tener conto della preesistente cessione del quinto.

26 novembre 2012 · Chiara Nicolai


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento dello stipendio o della pensione come consolidamento debiti
Vorrei illustrarvi la mia attuale situazione debitoria alquanto complessa: praticamente ho una cessione del quinto e un prestito delega sullo stipendio.   Poi in virtù di investimenti sbagliati e bisogni economici impellenti ho stipulato vari rid bancari. Di cui tre particolarmente onerosi. Riesco a pagare facendo i cosidetti salti mortali. ...
Consolidamento debiti? » Possibile con un mutuo
Gli oneri quotidiani da affrontare per le famiglie italiane, sia di esigua che di cospicua entità, sono tantissimi e, sempre più consumatori, si trovano costretti a ricorrere al credito. Vediamo come fare a consolidare i numerosi debiti grazie ad un mutuo. Quando si confrontano i mutui di diversi istituti di ...
Consolidamento debiti per cattivi pagatori in ultima istanza e in assenza di garanti
Il consolidamento debiti, a cui ci si riferisce anche con i termini ristrutturazione debiti o rifinanziamento debiti, consiste essenzialmente in una operazione finalizzata a: sostituire  i diversi soggetti con cui si risulta indebitati (finanziarie e/o banche e/o società di recupero crediti e/o agenzie erariali di riscossione) con un unico creditore; ...
Pignoramento dello stipendio con cessione e separazione - a volte conviene
Sono un lavoratore dipendente su cui incombono azioni esecutive promosse da Equitalia e da altri creditori. Attualmente percepisco circa 1700 euro netti al mese. Anni fa ho ceduto il quinto dello stipendio per far fronte ad una grave malattia che mi ha colpito all'improvviso (fanno tutte così) e per la ...
Cessione del quinto » Piccolo prontuario per il debitore
La Cessione del quinto è un prestito personale con massima libertà di utilizzo della somma ricevuta. Il richiedente in cambio “cede” una parte del suo stipendio o della sua pensione (al massimo di un quinto) autorizzando il suo datore di lavoro a trattenere ogni mese dalla busta paga o dalla ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutuo trentennale con altri debiti ed opzione di consolidamento. Clicca qui.

Stai leggendo Mutuo trentennale con altri debiti ed opzione di consolidamento Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 26 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca