mutuo con opzione

Devo stipulare un mutuo di 130 mila euro per 30 anni e sono indecisa se utilizzare il mutuo opzionale modulare o se fare il muto a tasso variabile con cap, tenendo conto che non ho tanta dimestichezza con l’argomento tassi, posso essere in grado di gestire il mutuo opzionale? Quale i vantaggi e i difetti dell’uno e dell’altro?

I vantaggi del mutuo “con opzione” è che in caso di panico può bloccare il tasso per un periodo definito, ma prende il tsso fisso “del momento”, non quello di oggi.

Il mutuo “con cap” ha il difetto di essere costoso (spread più alti e a volte spese, anche ricorrenti, più alte) e il vantaggio che oltre una certa misura la rata non potrà salire.

Fare un mutuo con un margine di sicurezza sulla rata (non “il massimo che ci si può permettere”, quindi) e capitalizzare quel margine (metterlo via, intendo) è la cosa che offre la maggior sicurezza in assoluto, secondo il mio modesto parere, e per fare ciò è utile mantenere la rata bassa e diminuire le spese.

11 Marzo 2011 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Mutuo opzionale o modulare
Con questa tipologia di mutuo può scegliere il passaggio da tasso fisso a tasso variabile a intervalli regolari scelti dallo stesso mutuatario. E' molto simile ad un tasso misto, soltanto che c'è molta più flessibilità nelle condizioni contrattuali. Con il mutuo opzionale, dunque, si alternano periodi di tassi fissi ad altri a tassi variabili, dando al mutuatario la possibilità di scegliere, a scadenze prefissate e ravvicinate nel tempo, l'uno o l'altro tasso nel rispetto delle condizioni contrattuali. Potremmo così avere, tanto per fare un esempio, un tasso fisso per un certo numero di anni e poi il passaggio al variabile, ...

mutuo tasso variabile con rata costante
Avevamo chiesto la rinegoziazione del nostro mutuo. Questa mattina il direttore della mia banca mi ha proposto di rinegoziare il mutuo a queste condizioni: tasso variabile a 3 mesi + pread 1.70 con rata costante. Volevo precisare che il nostro debito residuo è di 55.000 euro e che volevamo portare il termine del mutuo tra 10 anni. Inoltre ci consigliava la rata costante e ci precisava che se il tasso dovesse aumentare, noi pagheremmo sempre la stessa rata perchè la differenza va a cumularsi nell'ultima rata: La prego mi dica se faccio bene ad accettare e se ci sono cose ...

Mutuo a tasso fisso e rata costante
Il mutuo a tasso fisso e rata costante è un contratto di prestito. Il mutuo a tasso fisso e rata costante consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente definite nel contratto sottoscritto tra le parti. Il mutuo a tasso fisso e rata costante è anche un contratto reale, perché si perfeziona con la consegna del denaro prestato al mutuatario. Il mutuo a tasso fisso e rata costante si definisce ipotecario quando la parte che presta il denaro, a garanzia della restituzione dello ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutuo con opzione. Clicca qui.

Stai leggendo mutuo con opzione Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 11 Marzo 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria mutui casa - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)