Mutuo cointestato separazione e accollo non liberatorio - il coniuge diventato debitore unico non può chiedere modifiche contrattuali

Il caso si riferisce ad una coppia di coniugi cointestatari di mutuo ipotecario laddove, nella sentenza di omologa della separazione consensuale si legge che ... resta a carico del marito l'onere relativo al pagamento della rata del mutuo.

Il marito che, in forza dell'accordo di separazione, era divenuto "debitore unico" della banca erogatrice del mutuo, chiedeva la rinegoziazione di alcune condizioni contrattuali, in particolare il passaggio da un tasso fisso ad uno variabile.

Si opponeva la moglie che continuava ad essere debitrice, non avendo la banca, peraltro, accettato l'accollo liberatorio. Secondo lei, il passaggio da tasso fisso a variabile avrebbe comportato una maggiore rischiosità del finanziamento.

L'Arbitro Bancario Finanziario adito ha dato ragione alla signora. Infatti, a parere dell'arbitro (decisione numero 387 del 18 gennaio 2013) l'accordo omologato in Tribunale rappresenta, pur sempre, un accollo interno. Tale accordo tra i coniugi, seppure omologato dal Tribunale, dispiega i suoi effetti solo fra di loro, obbligando il marito a provvedere al pagamento delle rate, di cui è per intero debitrice la moglie nei confronti della banca. Ovvero a rimborsare interamente la moglie della rata o delle rate di cui la banca avesse preteso da lei il pagamento.

L'accordo omologato non incide, pertanto, sul rapporto di mutuo con la banca. Non potrebbe perché un accordo può dispiegare i suoi effetti solo tra le parti che lo sottoscrivono (v. l'articolo 1372 del codice civile). Di conseguenza, per poter modificare il contratto di mutuo, anche dopo la separazione, è necessario il consenso anche della moglie.

17 settembre 2013 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mutuo cointestato: è possibile liberarsene in seguito a una separazione? » Le possibili soluzioni
Nella fattispecie di una stipula di un mutuo cointestato, nell'ambito di un matrimonio, come è possibile venire meno all'onere in caso di separazione? Tutte le informazioni essenziali nel prosieguo dell'articolo. Può accadere che in sede di separazione consensuale si ponga il problema della attribuzione della casa coniugale, per l'acquisto della ...
Mutuo cointestato » La detrazione degli interessi passivi dopo la separazione
In un mutuo cointestato tra due coniugi, gli interessi passivi del mutuo si possono scaricare al 100% cento, anche in caso di separazione legale? Nella fattispecie di una separazione legale, e a seguito di un eventuale riassetto patrimoniale fra i coniugi, la detrazione degli interessi passivi spetta, nell'intera misura o ...
Separazione: ripartizione immobili tra ex coniugi » Si a scrittura privata
Sì alla scrittura privata, parallela alla separazione consensuale, per ripartire gli immobili tra il coniuge debole ed i figli. Questo basilare pensiero è stato espresso dalla Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 21736/13, ha stabilito che: Alle pattuizioni convenute dai coniugi prima del decreto di omologazione e non ...
Separazione: Dai figli alla casa » I consigli da non sottovalutare
Quando un matrimonio arriva, purtroppo, al capolinea, oltre al trauma della separazione non è necessario aggiungere un'estenuante serie di un contenziosi infiniti e snervanti. Infatti, prima di contattare un legale, da preferirsi quando l'accordo con il proprio ex coniuge è impossibile, è meglio seguire qualche utile consiglio tecnico. A tale ...
Mutuo cointestato » Scopriamo le problematiche
Condividere le spese di un mutuo ipotecario può avere i suoi vantaggi, ma, con un mutuo cointestato, possono sorgere diverse problematiche, soprattutto se lo stesso è pagato da un solo coniuge. Vediamo, nel prosieguo dell'articolo, come risolverle. Quando si acquista un immobile, la cointestazione del mutuo può nascere da una ...

Spunti di discussione dal forum

Mutuo al 50% poi separazione e accollo interno – Come vengono ripartite le detrazioni degli interessi passivi?
Io e mia moglie avevamo una casa in comproprietà per la quale avevamo contratto un mutuo al 50%. Poi ci siamo separati ed io ho successivamente acquisito l'intera proprietà. Nell'accordo di separazione consensuale, a cui è stata allegata una scrittura privata, io ho assunto l'impegno di accollarmi l'intero mutuo e…
Acquisto casa con accollo – Come funziona l’accollo del mutuo?
A giugno 2016 io e mia moglie abbiamo acquistato un immobile (ora nostra dimora) con accollo del mutuo. Il giorno della stipula abbiamo versato, tramite bonifico, la somma dovuta per arrivare al prezzo pattuito e il resto con accollo mutuo. Abbiamo aperto un c/c presso la banca del mutuo. La…
Mutuo cointestato – minaccia della banca
Sono sposato in separazione dei beni, la casa è intestata a mia moglie e il mutuo è cointestato al 33% a tre soggetti, mia moglie, io, e mia suocera. Abbiamo ancora un residuo di circa 100.000 euro, di cui rispondiamo 33.000 euro a testa. I, muto è sempre stato regolarmente…
Mutuo di liquidita’ cointestato
Mia moglie con la quale sono sposato da circa un anno ha contratto circa 7 anni fa un mutuo cointestato di liquidità con il suo ex compagno. A garanzia di questo mutuo di liquidità c'è la casa dell'ex compagno e la busta paga dell'attuale lavoro di mia moglie. Entrambi partecipano…
Mutuo con accollo
Ad un mio amico hanno proposto un mutuo molto vantaggioso con accollo cumulativo ... ci siamo documentati ed abbiamo capito che si fa direttamente dal notaio e che il vecchio debitore resta fideiussore giusto? Ma una volta fatta la vendita e l'accollo per far si che la banca invii a…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutuo cointestato separazione e accollo non liberatorio - il coniuge diventato debitore unico non può chiedere modifiche contrattuali. Clicca qui.

Stai leggendo Mutuo cointestato separazione e accollo non liberatorio - il coniuge diventato debitore unico non può chiedere modifiche contrattuali Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 17 settembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?