Mutuo e cessione del quinto con cui non si riesce a convivere

Mutuo e cessione quinto

Ho un mutuo da 800 euro al mese con una cessione del quinto pari a 240 euro per altri 9 anni.

Lo scorso aprile ho fatto domanda per cambiare il mio mutuo attuale con un altro la cui liquidità aggiuntiva mi avrebbe permesso di estinguere la mia cessione più altre cinque carte di credito (le cui rate in totale sono pari a 950 euro).

Ora, la banca entrante dopo avermi dato a Luglio la delibera non ha ancora provveduto a stipulare per vari problemi (tra i quali due segnalazioni di sconfinamento segnalate dalla mia attuale banca, la BNL, di 205 euro ad agosto e 1,98 euro a settembre).

L'ultima segnalazione relativa alla fine di novembre è di 15 euro, ma io ho provato alla banca entrante con gli estratti conto che a fine novembre non ho avuto nessuno sconfinamento, e forse accettano comunque di stipulare trattandosi evidentemente di un errore.

Non avendo pero questa certezza ho il rischio di non poter stipulare tale mutuo, e ciò comporterebbe per me l'impossibilità a far fronte al pagamento delle carte di credito. Volevo chiedere, nel caso in cui smettessi di pagare se ho la possibilità prima o poi di arrivare al cosiddetto "Saldo e stralcio".

Inoltre, visto che io e mia moglie sull'atto di matrimonio abbiamo la separazione dei beni, le chiedo se ho la possibilità di evitare in casi estremi la pignorabilità dei miei beni relativi a cose come arredamento o televisore.

Mutuo con già un'ipoteca - L'altro creditore chiederà l'iscrizione di una ipoteca di grado superiore

Lei ha una proprietà immobiliare. Sebbene gravata da un mutuo, nel tempo si creerà senz'altro capienza (valore commerciale a cui va sottratto il capitale residuo del mutuo) per il recupero di qualsiasi credito. Il creditore deve solo aspettare e garantirsi chiedendo l'iscrizione di una ipoteca di grado superiore.

Lei ha uno stipendio, sebbene gravato da una cessione del quinto. Ma c'è senz'altro capienza (metà dello stipendio netto diminuito dell'importo relativo alla quota ceduta) per il pignoramento presso il datore di lavoro di un'altro 20%. Il creditore deve solo presentare un ricorso per decreto ingiuntivo e poi, magari attendere che lei abbia finito di pagare, con le trattenute sullo stipendio, un eventuale altro creditore che si sia mosso giudizialmente prima di lui.

A meno che un creditore non sia ridotto alla canna del gas, e quindi bisognevole di realizzare liquidità (pochi, maledetti e subito) è molto difficile che le si possa proporle un concordato del tipo saldo stralcio.

Per quanto riguarda la separazione dei beni annotata sull'atto di matrimonio, essa assicura l'impignorabilità dei beni di proprietà di sua moglie, nel caso di un pignoramento presso la residenza del debitore.

Resta inteso, tuttavia, che a carico di sua moglie resta l'onere di dimostrare che i beni presenti in casa sono stati acquistati da lei.

23 novembre 2012 · Tullio Solinas


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento
La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi. Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e ...
Contratti di prestito – cessione del quinto dello stipendio
La cessione del quinto dello stipendio è un prestito non finalizzato all'acquisto di uno specifico bene o servizio ed è disciplinato dalla normativa sul credito al consumo. Il prestito attraverso la cessione del quinto dello stipendio può essere richiesto esclusivamente dal lavoratore dipendente, sia pubblico che privato, il quale ottiene ...
Coesistenza fra pignoramento stipendio e cessione del quinto - calcolo delle quote pignorabili e cedibili
Cosa succede quando pignoramento dello stipendio e cessione del quinto si cumulano. Come si calcola la quota pignorabile quando il pignoramento dello stipendio è successivo ad una cessione del quinto. Le regole per determinare la quota cedibile che si applicano nel caso in cui, invece, la cessione del quinto dello ...
Pignoramento dello stipendio con cessione e separazione - a volte conviene
Sono un lavoratore dipendente su cui incombono azioni esecutive promosse da Equitalia e da altri creditori. Attualmente percepisco circa 1700 euro netti al mese. Anni fa ho ceduto il quinto dello stipendio per far fronte ad una grave malattia che mi ha colpito all'improvviso (fanno tutte così) e per la ...
Contratti di prestito – credito su pegno e cessione del quinto
Nell'articolo affronteremo l'analisi di due caratteristici contratti di prestito: il credito su pegno e la cessione del quinto dello stipendio o della pensione, entrambi appartenenti alla categoria dei contratti di credito al consumo non rivolti all'acquisto di specifici beni o servizi. La cessione del quinto è una forma di credito ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutuo e cessione del quinto con cui non si riesce a convivere. Clicca qui.

Stai leggendo Mutuo e cessione del quinto con cui non si riesce a convivere Autore Tullio Solinas Articolo pubblicato il giorno 23 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca