Mutuo casa con ipoteca e grosso problema

L'ex compagno di mia madre le aveva intestato una casa, casa sulla quale c'è tutt'ora un mutuo ipotecario di importo non indifferente

L'ex compagno di mia madre le aveva intestato una casa, casa sulla quale c'è tutt'ora un mutuo ipotecario di importo non indifferente.

Poco dopo mia madre è venuta a mancare e secondo successione la casa è passata a me e mia sorella. Il problema riguarda il mutuo: essendo mia madre deceduta prematuramente, il mutuo è ancora a nome del suo ex-compagno, sebbene nell'atto notarile regolarmente trascritto ci sia scritto che mia madre, cosciente dell'ipoteca sulla casa, se ne assumeva completamente gli oneri.

Io e mia sorella viviamo in questa casa da circa due anni dopo il decesso di mia madre e fino a qualche mese fa dalla banca mi era stato consentito di pagare io personalmente il mutuo sebbene a nome di questa persona, firmando io le ricevute, in quanto in banca sostengono che io e mia sorella non abbiamo sufficienti redditi (solo pensione di reversibilità) per fare un passaggio del mutuo. Inoltre in banca hanno precisato che prima di fare un atto di vendita a mia madre questa persona avrebbe dovuto consultare la banca. Da qualche mese non mi è più consentito versare i soldi in sua vece, e con questa persona non intercorrono buoni rapporti.

Mi chiedevo:

1) l'atto di vendita a mia madre è valido?
2) il fatto che il mutuo sia a nome suo può consentirgli di rivalersi sulla casa?
3) come posso pagarlo a questo punto?
4) volendo, nonostante questa situazione, io e mia sorella potremmo vendere la casa, magari poi saldando il mutuo?
5) se il mutuo non viene saldato cercano noi o lui?

Il richiamo fatto dalla banca alla necessità di essere consultata, prima del passaggio di proprietà, afferisce unicamente al problema dell'accollo del mutuo

L'atto di vendita è pienamente valido. Il richiamo fatto dalla banca alla necessità di essere consultata, prima del passaggio di proprietà, afferisce unicamente al problema dell'accollo del mutuo.

Adesso la situazione è questa. C'è un mutuatario (il compagno di sua madre) l'unico legittimato a versare l'importo delle rate del mutuo. I proprietari dell'immobile ipotecato che pur volendo, non possono versare le rate in quanto il mutuo non è a loro intestato. Non ci sono garanzie sufficienti per l'accollo del mutuo ai proprietari dell'immobile.

Una esemplare situazione di stallo. A chi giova tutto questo? Alla banca, naturalmente, che conta di procedere alla revoca del beneficio del termine nei confronti del mutuatario ed alla vendita dell'immobile, magari acquistato all'asta a prezzi di saldo.

E' evidente, e rispondo alla sua domanda, che se l'ex compagno di sua madre non paga, è lui che cercheranno, ma la casa la esproprieranno a lei e sua sorella.

Come uscire da questa situazione?

  1. chiedere al compagno di vostra madre di continuare ad effettuare il versamento delle rate del mutuo;
  2. individuare un conoscente, parente, amico disposto ad offrire le garanzie richieste dalla banca per procedere all'accollo del mutuo in capo ai proprietari;
  3. vendere la casa adesso, e saldare il debito residuo garantito da ipoteca;

27 settembre 2012 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accollo del mutuo » Il vademecum
Accollo del mutuo: di cosa si tratta? Partendo dai diversi tipi d'accollo fino agli aspetti da valutare, cerchiamo di chiarire questa prassi nel prosieguo dell'articolo. In linea generale, l'accollo del mutuo consiste nel subentrare nelle obbligazioni contratte da chi ha stipulato un mutuo, quando si ha l'intenzione di acquistare l'immobile ...
Mutuo cointestato separazione e accollo non liberatorio - il coniuge diventato debitore unico non può chiedere modifiche contrattuali
Il caso si riferisce ad una coppia di coniugi cointestatari di mutuo ipotecario laddove, nella sentenza di omologa della separazione consensuale si legge che ... resta a carico del marito l'onere relativo al pagamento della rata del mutuo. Il marito che, in forza dell'accordo di separazione, era divenuto "debitore unico" ...
Accollo del mutuo e successivo frazionamento
Il frazionamento del mutuo fondiario non può costituire fonte di nuove obbligazioni per il terzo acquirente, il quale rimane obbligato nei confronti del mutuante nei limiti in cui si è accollato il debito, e può opporre al creditore le eccezioni fondate sul contratto in base al quale l'assunzione è avvenuta. Ne consegue l'illegittimità della suddivisione che ...
Accollo del mutuo
L'accollo del mutuo è l'operazione di trasferimento del mutuo all'acquirente quando si acquista una abitazione su cui grava già un mutuo ipotecario. In tal caso il venditore dell'abitazione può contestualmente attuare il trasferimento del mutuo all'acquirente. In tale circostanza le rate del mutuo ed il rimborso del capitale ad esso ...
Irpef – detrarre gli interessi passivi del mutuo in caso di rinegoziazione
In caso di rinegoziazione di un contratto di mutuo per l'acquisto di propria abitazione si modificano per mutuo consenso alcune condizioni del contratto di mutuo in essere, come ad esempio il tasso d'interesse. In tal caso le parti originarie (banca mutuante e soggetto mutuatario) e il cespite immobiliare concesso in ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutuo casa con ipoteca e grosso problema. Clicca qui.

Stai leggendo Mutuo casa con ipoteca e grosso problema Autore Genny Manfredi Articolo pubblicato il giorno 27 settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 17 dicembre 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca