Accollo del mutuo non liberatorio - Sentenza tribunale di Monza

L'acquisto con accollo del mutuo non è sufficiente a liberare il debitore originario dalle obbligazioni assunte se tale condizione non è stata espressamente prevista nel contratto.

La notifica al creditore dell'avvenuto acquisto con accollo, non è sufficiente a liberare il mutuatario originario dalle obbligazioni assunte.

Questo, secondo il Tribunale di Monza, sezione III, che con la sentenza 45/2012, ha sancito che: In caso di accollo non liberatorio, il debitore originario può essere ingiunto di pagare il debito di mutuo residuo; per la quota interessi conglobata nelle rate scadute e non pagate, il medesimo non può invocare la prescrizione di cui all'articolo 2948, comma 4, cod. civ.; non è, invece, tenuto a pagare la quota interessi conglobata nelle rate a scadere; ove, poi, il calcolo degli interessi operato dal creditore procedente sia errato, il debitore può opporsi all'esecuzione, facendo valere che è intimato il pagamento di una somma superiore a a quella effettivamente dovuta.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca