MUTUO A TASSO VARIABILE - IL TASSO DI ACCESSO

Nella pratica, analizzando le offerte del mercato, si possono riscontrare diverse situazioni che non rispecchiano la logica espressa in precedenza. Può succedere che la Banca X, che applica uno spread dell'1,70%, offre mutui al 4,9%, mentre la Banca Y, che ha uno spread dell'1,20%, offre mutui al 5,20%.

La risposta a questo mistero si chiama tasso d'accesso. Molte Banche, pubblicizzano un tasso di interesse molto basso, che è applicato solo alle prime rate (da qui il nome di tasso d'accesso).

Trascorso un certo periodo però, il tasso applicato alle rate successive è il cosiddetto tasso a regime, più elevato del tasso d'accesso.

In conclusione, è più importante conoscere lo spread ed il tasso a regime, che farsi abbagliare da pubblicità abilmente ideate.

Per porre una domanda sul mutuo a tasso variabile, sul contratto di mutuo in generale, sulle altre tipologie di mutuo, sulle normative vigenti e su tutti gli argomenti correlati, clicca qui.

24 luglio 2013 · Piero Ciottoli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati - clicca sul link dell'argomento di interesse

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • PromotoreMutui 23 luglio 2008 at 00:58

    Mi permetto di aggiungere una piccola precisazione.
    Da una parte è vero che il parametro di riferimento adottato è lo stesso per tutte le banche (il famoso EurIBOR), ma di EurIBOR ne esistono molti: le banche, abitualmente utilizzano uno tra gli EurIBOR a un mese, a tre mesi, a sei mesi.
    Abitualmente, poi, se un mutuo è indicizzato all’EurIBOR a tre mesi, l’importo della rata cambia al variare del tasso non mensilmente, ma ogni tre mesi, appunto. Ugualmente la rata cambia ogni sei mesi, quando il parametro utilizzato è il “sei mesi”.

    I tre valori (a 1, a 3 e a 6 mesi) in condizioni “normali” sono abbastanza vicini tra loro. Ma in periodi come quello che stiamo vivendo (siamo nella seconda metà di luglio, per chi leggesse a distanza di tempo), in cui il mercato del credito è “in tempesta”, tra i treindici possono esserci differenze anche molto significative.

  • karalis 23 luglio 2008 at 01:31

    @promotore mutui
    Grazie per la precisazione.
    Credo che dovrai precisare spesso. Permettiti pure con ampia facoltà:-)))

Altre info