Mutuo a tasso variabile e rata protetta

Mutuo a tasso variabile e rata protetta

Il mutuo a tasso variabile e rata protetta è un contratto di prestito.

Il mutuo a tasso variabile e rata protetta consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente definite nel contratto sottoscritto tra le parti.

Il mutuo a tasso variabile e rata protetta è anche un contratto reale, perché si perfeziona con la consegna del denaro prestato al mutuatario.

Il mutuo a tasso variabile e rata protetta si definisce ipotecario quando la parte che presta il denaro, a garanzia della restituzione dello stesso, iscrive un’ipoteca su un bene di proprietà del mutuatario oppure di altro soggetto (terzo datore di ipoteca) disponibile a fornire tale garanzia.

Il mutuo a tasso variabile e rata protetta è dunque una forma di finanziamento in cui il tasso è variabile con dei meccanismi che limitano la variabilità dell'importo della rata.

Un esempio di mutuo a tasso variabile e rata protetta

Le clausole contrattuali del mutuo ipotecario a tasso variabile e rata protetta recitano più o meno così: "Il tasso è variabile in funzione dell'andamento dell'Euribor. In ogni caso l'importo della nuova rata non potrà essere superiore alla rata precedente aumentata di una percentuale pari all'indice ISTAT dei prezzi al consumo. Se alla fine del periodo di ammortamento, in conseguenza della limitazione di possibilità di aumento della rata, il debito non fosse ancora estinto, la durata del mutuo si protrarrà sino all'estinzione del debito".

Esempio: Tizio sottoscrive un tradizionale mutuo a tasso di interesse variabile di € 51.645,69. Per 15 anni. Caio sottoscrive lo stesso mutuo ma con la clausola "rata protetta". Ipotizziamo che il mutuo sia stato stipulato al 5% e che il secondo anno i tassi di riferimento portino ad un nuovo tasso applicato dell'8% e che nello stesso periodo l'indice ISTAT sia aumentato del 5%.

Tizio, che ha cominciato a pagare rate per un importo di € 408,39, il secondo anno, in funzione dell'aumento del tasso, si troverà a pagare una rata di € 488,45, ma con la certezza di aver estinto il mutuo al 15° anno.

Caio, invece, inizierà anch'esso a pagare una rata di € 408,39, ma il secondo anno, grazie alla protezione della rata, pagherà una nuova rata pari a € 408,39+ 5% = € 420,83. Per contro, ciò che paga in meno oggi non gli permetterà di estinguere il debito entro il 15° anno e, pertanto, la durata del suo mutuo sarà certamente superiore.



A chi è consigliato il mutuo a tasso variabile e rata protetta

Il mutuo a tasso variabile e rata protetta è consigliato a coloro che intendono cogliere le opportunità di un mutuo a tasso variabile, ma che non possono permettersi rialzi indiscriminati della rata.

Aspetti positivi del mutuo a tasso variabile e rata protetta: il tasso variabile è più basso di un tasso fisso. In ogni caso,in caso di rialzo dei tassi, il mutuatario subirà aumenti contenuti.

Aspetti negativi del mutuo a tasso variabile e rata protetta: il fatto di non sapere con certezza quando, finalmente, avrà estinto il debito.

Per porre una domanda sul mutuo a tasso variabile e rata protetta, sul contratto di mutuo in generale, sulle altre tipologie di mutuo, sulle normative vigenti e su tutti gli argomenti correlati, clicca qui.

25 luglio 2013 · Piero Ciottoli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutuo a tasso variabile e rata protetta. Clicca qui.

Stai leggendo Mutuo a tasso variabile e rata protetta Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 25 luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria tipologie e tassi di interesse del mutuo Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca