Mutui e usura » Via libera alla consultazione tecnica preventiva

Via libera alla possibilità di una consulenza tecnica preventiva in materia di contestazioni alle banche su mutui e interessi usurari o anatocistici.

Ciò quanto disposto dal Tribunale di Pesaro, con una recente pronuncia.

Consulenza tecnica preventiva: di cosa si tratta

La consulenza tecnica preventiva è un istituto diretto a una forma alternativa di risoluzione delle controversie, che può essere utilizzato ogni volta che una consulenza tecnica in via preventiva, cioè ancor prima dell'instaurazione dell'ordinario giudizio di cognizione, possa risolvere una controversia avente a oggetto l'accertamento e la relativa determinazione dei crediti derivanti dalla mancata o inesatta esecuzione di obbligazioni contrattuali o da fatto illecito.

È necessario, pertanto, che la consulenza possa potenzialmente risolvere l'intero contenzioso tra le parti, almeno in punto di fatto, nel senso che, una volta depositato l'elaborato di consulenza, non residuino altre questioni da esaminare, se non quelle di diritto, chiaramente di competenza del giudice del merito.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutui e usura » via libera alla consultazione tecnica preventiva. Clicca qui.

Stai leggendo Mutui e usura » Via libera alla consultazione tecnica preventiva Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 27 febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria nozioni di base su mutui affitti e leasing Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca