Mutui Usa: crollo dei prestiti

La crisi dei mutui in Usa potrebbe portare all'erogazione di 2.000 miliardi di dollari di prestiti in meno. La situazione fa prevedere ‘rischi di sostanziale recessionè , mentre le perdite generate da pignoramenti di case sui conti delle finanziarie si attesterebbero fino a 400 miliardi. In base alle stime contenute in un rapporto di Goldman Sachs, si rileva che le prevedibili perdite sui prestiti pongono rischi macroeconomici più grandi di quanto noto finora.

"Credo che quello possa essere un elemento di ombra enormemente significativo e, in qualche misura, incidente sulla situazione produttiva". Così il Ministro dello Sviluppo Economico, Pier Luigi Bersani, a margine di un convegno tenuto a Firenze, ha risposto ad una domanda sulle previsioni di Goldman Sachs, secondo cui la crisi dei mutui subprime potrebbe portare ad una contrazione del credito di 2.000 miliardi di dollari.

Questo - ha spiegato Bersani - "non tanto per carenza di liquidità , perché i soldi in giro ci sono, quanto perché il venire meno di un meccanismo di fiducia tra gli attori finanziari può portare, come risultato, anche a una restrizione del credito per gli investimenti industriali". "Ci sono poi problemi minori, ma pur sempre significativi, come il ciclo delle costruzioni, che viene da anni di forte spinta e ora segna qualche elemento più riflessivo, ed il prezzo del petrolio".

17 novembre 2007 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Link a ritroso

Stai leggendo Mutui Usa: crollo dei prestiti Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 17 novembre 2007 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca