Mutui: Lannutti, la convenzione per rinegoziare e’ un bluff

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Questa convenzione come l’accordo su Alitalia e’ un bluff: l’adesione all’accordo Abi-Tesoro conviene soltanto a coloro che rischiano il pignoramento della casa, altrimenti i mutuatari devono pretendere dalla banca la surroga o la rinegoziazione. In Italia, i pignoramenti sono aumentati del 30% nell’ultimo anno, cioe’ sono quasi triplicati rispetto ai precedenti andamenti di crescita che si attestavano attorno al 10-12%.

Chi aderisce alla Convenzione rimanda l’agonia e il cappio al collo: ma e’ solo un favore che viene fatto alle banche che ci guadagnano”. Per i mutuatari, se possono, e’ meglio non aderire all’accordo messo a punto dal ministro Giulio Tremonti con le banche.

Elio Lannutti, presidente dell’Adusbef e senatore dell’Italia dei Valori, spiega che i nodi stanno venendo al pettine.Soprattutto dopo l’inchiesta pubblicata da un sito Internet. secondo cui la riengoziazione e’ una favola. E a proposito della crisi finanziaria in corso che ha gia’ superato un anno di tempo, Lannutti dice: ”e’ piu’ grave di quella del ’29, e – secondo Adusebf – durera’ altri 3-4-anni”.

Poi spiega che ”l’economia reale e’ stimata nel mondo a 45 mila miliardi di dollari – prosegue Lannutti – i derivati, soltanto quelli fuori bilancio, sono circa 800 mila miliardi di dollari. Poi ci sono quelli in bilancio. La Banca Europea dei Regolamenti non riesce nemmeno piu’ a stare dietro alla crescita dei derivati”, sottolinea.

La responsabilita’ di questa economia di carta e’ soprattutto della politica monetaria attuata prima di tutto da Alan Greenspan quando era alla guida della Fed, e in secondo luogo delle agenzie di rating Moody’s, Standard & Poor’s e Fitch, e naturalmente dei banchieri centrali.

Questi signori dovrebbero essere chiamati a rispondere delle proprie azioni – conclude Lannutti – e a proposito del fallimento della Lehman ”se si potesse paragonare questo periodo storico con l’economia di guerra, chi ha guadagnato in questi anni banchieri, manager che hanno incassato laute stock options, e finanzieri, dovrebbero essere chiamati a rispodnere come criminali”.

15 Settembre 2008 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Mutui, ma conviene davvero rinegoziare?
Sarà tutt'altro che facile capire qual è la via migliore per superare l'emergenza del caro rate. Per chi negli anni scorsi ha contratto un mutuo a tasso variabile (in ogni caso entro il 28 maggio 2008) attratto dal basso costo del denaro e oggi si trova a fare i conti con la forte ascesa delle rate mensili innescata dalla Bce a partire dal 2005, non sono certo le opzioni a mancare. Ma il calcolo della convenienza fra i diversi strumenti a disposizione - dalla sostituzione tout court alla portabilità introdotta nel 2007 dal cosiddetto decreto Bersani alla rinegoziazione prevista dalla ...

Fondo mutui per i giovani precari » Pochissime le banche che hanno sottoscritto la convenzione
Mutui per i giovani precari: il Fondo stanziato del governo non sta facendo faville. Sono pochissimi, infatti, gli istituti di credito che che finora hanno sottoscritto la convenzione. Al giorno d'oggi, ottenere un mutuo oggi non è facile, soprattutto se si è giovani e anche precari. Così, per far aprire i rubinetti delle banche era sceso in campo il governo. Il Parlamento, infatti, aveva istituito un Fondo di garanzia da 70 milioni per il 2014 e il 2015 destinato a coppie sposate under 35 e a single o coppie conviventi purché con figli minori e purché avessero un reddito Isee ...

La banca è obbligata a rinegoziare solo i mutui a tasso variabile per acquisto prima casa
Non esiste un generico diritto alla rinegoziazione del contratto di mutuo: la rinegoziazione del mutuo presuppone, infatti, una nuova definizione consensuale del contenuto del regolamento negoziale. In altri termini, la modifica delle condizioni economiche di un contratto di mutuo, traducendosi in una facoltà concessa ad entrambe le parti e non in un diritto stabilito dal legislatore a favore del mutuatario, non può essere imposta e, pertanto, la rinegoziazione risulta possibile solo quando banca e cliente siano concordi sulle variazioni da apportare. Nell'attuale cornice normativa un diritto alla rinegoziazione contrattuale del mutuo è ipotizzabile solo con riguardo ai mutui a tasso ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutui: lannutti, la convenzione per rinegoziare e’ un bluff. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)