Mutui, la rinegozione entra nel vivo

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

La rinegoziazione del mutuo, prevista dalla convenzione tra Abi e Ministero dell’economia, entra nel vivo in un momento in cui i tassi annui dei prestiti per la casa hanno superato la soglia del 6%, il livello più alto registrato dal 2003. Le banche intanto hanno fatto recapitare per posta ai loro clienti la proposta di rinegoziazione. Ma a chi conviene davvero?

Per fare una domanda sulla rinegoziazione dei mutui cosiddetta Tremonti in generale e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

11 Settembre 2008 · Piero Ciottoli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La banca è obbligata a rinegoziare solo i mutui a tasso variabile per acquisto prima casa
Non esiste un generico diritto alla rinegoziazione del contratto di mutuo: la rinegoziazione del mutuo presuppone, infatti, una nuova definizione consensuale del contenuto del regolamento negoziale. In altri termini, la modifica delle condizioni economiche di un contratto di mutuo, traducendosi in una facoltà concessa ad entrambe le parti e non in un diritto stabilito dal legislatore a favore del mutuatario, non può essere imposta e, pertanto, la rinegoziazione risulta possibile solo quando banca e cliente siano concordi sulle variazioni da apportare. Nell'attuale cornice normativa un diritto alla rinegoziazione contrattuale del mutuo è ipotizzabile solo con riguardo ai mutui a tasso ...

Vivo con mia madre invalida - Il reddito di mia madre entra nel mio ISEE?
Sono una mamma single, mio figlio porta il mio cognome, vivo con mia madre invalida al 100% in situazione di gravità Vorrei chiedere l'ISEE per motivi scolastici, il reddito di mia madre entra nel mio ISEE? ...

Mutui per acquisto casa e regolamentazione delle locazioni abitative
Piano casa » mutui agevolati alle giovani coppie e ai lavoratori atipici - sostegno affitti e morosità incolpevole - sospensione rate mutuo Mutui agevolati per giovani coppie anche con contratto di lavoro atipico Tipologie e tassi di interesse del mutuo Preliminare di compravendita della casa e perfezionamento dell'acquisto Nozioni di base su mutui affitti e leasing Tipologie piano ammortamento mutuo Guide al mutuo e conseguenze per inadempimento del contratto di mutuo Portabilità del mutuo (o surroga) Rinegoziazione del mutuo (o ricontrattazione) Contratti di locazione – affitti in nero e sanzioni per il locatore – sfratti e diritto alla casa – ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutui, la rinegozione entra nel vivo. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • chiara oldani 11 Settembre 2008 at 12:46

    In questi giorni di rientro dalle vacanze, tanti «portatori sani» di mutuo a tasso variabile (come me) si sono visti recapitare nella cassetta postale una letterina del proprio istituto erogante. La missiva comunica, con piglio baldanzoso, che il cliente può decidere di rinegoziare il mutuo, «abbassandone la rata».La convenzione tra Associazione bancaria italiana (Abi) e governo, negoziata la scorsa primavera ed entrata in funzione dal 1° settembre, era stata duramente criticata dalle associazioni di consumatori, ma le banche si difesero asserendo che le cifre avrebbero dato loro ragione.

    Bene: nel mio caso, ma non è il solo, il «risparmio» per ciascuna rata mensile sarebbe di 3,47 euro, ben 41 euro annui! In cambio, vedrei allungare il mutuo di altri dieci anni e pagherei un ammontare complessivo di interessi migliaia di volte superiore al «risparmio». Semplicemente ridicolo.

    Adesso, cifre alla mano, le associazioni di consumatori dovrebbero davvero passare all’azione. Il risparmio complessivo per i portatori di mutuo è inesistente: la convenzione prevede nella sostanza solo l’allungamento del prestito, pratica di certo non gratuita, che le banche concedevano anche prima, senza bisogno di leggi e decreti. Alcune hanno tentato di salvare la faccia asserendo che la convenienza della rinegoziazione «dipende dal reddito», come se fosse un’equazione complessa a governare il confronto tra busta paga e uscite mensili.

    La convenzione Abi-governo avrebbe dovuto agire su due punti fondamentali, per essere davvero incisiva: il metodo di calcolo degli interessi e la verifica di merito sui mutui.

    Il sistema tradizionale di ammortamento dei prestiti, quello cosiddetto «alla francese», permette il pagamento di interessi sugli interessi, premiando solo i creditori, che incassano interessi maggiorati grazie alla rinegoziazione. Se da un lato gli interessi sono la giusta remunerazione del prestito, dall’altro il governo se vuole davvero intervenire dovrebbe curare gli interessi dei cittadini e cercare di alleviare le loro sofferenze, non peggiorarle. Nella convenzione nulla si dice della valutazione di rischiosità del prestito; la rinegoziazione del mutuo andrebbe concessa solo a coloro che non hanno manifestato intenzione di speculazione.

    Le famiglie in difficoltà meritano tutto l’aiuto possibile, addirittura a carico del sistema pubblico, ma la convenzione aiuterà anche coloro che, sull’onda della bolla speculativa, hanno comprato immobili con mutui al 100% a tasso variabile, intestandoli a parenti e affini, per poi magari affittarli in nero. Questa è una legge per salvare gli speculatori immobiliari.

    Il criticatissimo presidente americano George W. Bush, che non passerà certo alla storia per le sue lungimiranti idee economiche, quando ha istituito il fondo per sostenere le famiglie in difficoltà a causa dei mutui subprime, ha introdotto criteri per non salvare gli speculatori, piccoli e grandi che fossero.

    Chi ha speculato in America si deve arrangiare, in Italia invece lo salva lo Stato.

  • karalis 11 Settembre 2008 at 12:39

    La lettera che mi ha mandato la banca per la rinegoziazione è lunghissima e molto complicata. Vorrei sapere su cosa devo mettere la massima attenzione per non essere fregato un’altra volta …

    Commento di marcellino (VE) | Giovedì, 11 Settembre 2008

    Soprattutto devi stare attento a due cose: la prima a capire bene di quanto scenderà la rata rispetto ad oggi, la seconda è non confondere le elaborazioni che la lettera contiene come elementi contrattuali.

    Attenzione soprattutto a non cadere in equivoci nella lettura delle simulazioni di durata: se una tabella riporta ad esempio il dato che al verificarsi di determinate condizioni il rimborso del conto di debito avviene in 120 mesi, quel numero va sempre aggiunto alla durata originaria.

    Rinegoziando il mutuo con l’accordo Abi-ministero la durata minima del finanziamento, salvo estinzione anticipata, rimane quella originaria mentre, lo ribadiamo, quella massima è sconosciuta.

  • marcellino (VE) 11 Settembre 2008 at 11:07

    La lettera che mi ha mandato la banca per la rinegoziazione è lunghissima e molto complicata. Vorrei sapere su cosa devo mettere la massima attenzione per non essere fregato un’altra volta …

  • karalis 11 Settembre 2008 at 11:05

    Volevo chiedere un vostro parere su a chi conviene aderire alla proposta delle banche per la rinegoziazione del mutuo e, soprattutto, quali sono le eventuali alternative a disposizione.

    Grazie per l’attenzione che vorrete dedicare a questa mia domanda.

    Commento di michele vinciguerra | Giovedì, 11 Settembre 2008

    Sostanzialmente la rinegoziazione ABI MEF conviene a chi non ce la fa proprio più a pagare la rata attuale e ancor di più se è già in una situazione di morosità. E’ una soluzione non molto conveniente, ma praticabile, per chi ha un mutuo di breve durata. La rinegoziazione è assolutamente sconsigliabile per chi invece ha un finanziamento con durata residua di venti o più anni, a meno che non si trovi veramente con l’acqua alla gola.

    Le possibili alternative sono rappresentate da surroga e sostituzione.

    Con la surroga la titolarità dell’ipoteca passa a un’altra banca che offre condizioni migliorative. I costi sono ridotti e in molti casi pari a zero: la procedura, però, è ancora farraginosa e non sempre è facile trovare una banca disposta ad accollarsi il mutuo.

    Con la sostituzione viene estinto il vecchio mutuo e se ne fa un altro. In questo caso bisogna mettere in conto spese per qualche migliaio di euro, ma si ha la massima flessibilità. In entrambe le ipotesi lo sconto che si ottiene è inferiore alla rinegoziazione, ma la durata del mutuo resta certa.

  • karalis 11 Settembre 2008 at 11:03

    Ho un mutuo a tasso variabile contratto nel 2005.
    Per gravi motivi personali ho saltato il pagamento di alcune rate.

    Posso aderire alla rinegoziazione? Ho anche ricevuto la lettera delle banca, ma non vorrei che ancora non siano emersi i miei due ultimi mancati pagamenti.

    Commento di alberto | Giovedì, 11 Settembre 2008

    La banca deve proporre lo stesso la rinegoziazione, per questo hai ricevuto la lettera anche avendo saltato due rate. Le somme non pagate e gli interessi di mora entrano nel conto accessorio.

  • karalis 11 Settembre 2008 at 11:01

    Qualcuno è così gentile da dirmi quando parte questa benedetta rinegoziazione?

    Alcuni dicono che è partita dal 29 agosto. Altri invece sostengono che partirà da gennaio 2009.

    Qual è la verità? Rispondetemi grazie

    Commento di lucia guadagno, Arco Felice (NA) | Giovedì, 11 Settembre 2008

    Il cliente ha tre mesi dalla ricezione della lettera per aderire. Dall’assenso si devono calcolare altri tre mesi per avere la nuova rata. In pratica si partirà tra gennaio e febbraio 2009.

  • michele vinciguerra 11 Settembre 2008 at 10:58

    Volevo chiedere un vostro parere su a chi conviene aderire alla proposta delle banche per la rinegoziazione del mutuo e, soprattutto, quali sono le eventuali alternative a disposizione.

    Grazie per l’attenzione che vorrete dedicare a questa mia domanda.

  • alberto 11 Settembre 2008 at 10:55

    Ho un mutuo a tasso variabile contratto nel 2005.
    Per gravi motivi personali ho saltato il pagamento di alcune rate.

    Posso aderire alla rinegoziazione? Ho anche ricevuto la lettera delle banca, ma non vorrei che ancora non siano emersi i miei due ultimi mancati pagamenti.

  • lucia guadagno, Arco Felice (NA) 11 Settembre 2008 at 10:51

    Qualcuno è così gentile da dirmi quando parte questa benedetta rinegoziazione?

    Alcuni dicono che è partita dal 29 agosto. Altri invece sostengono che partirà da gennaio 2009.

    Qual è la verità? Rispondetemi grazie