Multe T-RED, cosa può fare chi è stato multato con un apparecchio che risulta non correttamente omologato?

Fa parte ormai della cronaca nera la nota vicenda dei dispositivi T-RED.  Si tratta di una truffa perpetrata ai danni di centinaia di migliaia di cittadini, con la complicità più o meno consapevole di numerose amministrazioni comunali.

Ma che cosa può fare chi è stato multato con un apparecchio che risulta non correttamente omologato?

Bisogna distinguere fra due tipologie di vittime del  T-RED.

La prima tipologia è quella di coloro che non hanno ancora pagato la contravvenzione: possono presentare un ricorso al prefetto, o rivolgersi al giudice di pace, chiedendo l’annullamento del verbale che ha contestato l’infrazione al Codice della Strada.

Ma dovrebbero anche allegare o far riferimento alle consulenza tecniche fatte eseguire dalle Procure che conducono le indagini, le quali hanno convalidato l’accusa di omologazione fraudolenta.

Il secondo caso è poi quello di chi ha già pagato, magari alcuni anni fa. A parte la difficoltà di ritrovare i documenti che attestano il versamento di 138 euro, più spese di notifica, chi ha subito un danno ha diritto a costituirsi parte civile in un eventuale giudizio.

Infatti, le Procure dovrebbero informare le parti offese (i multati con T-RED) della facoltà di potersi costituire parte civile per poter ottenere il ristoro del danno. Ma ve li immaginate voi migliaia di  avvocati che rappresentano centinaia di migliaia di  automobilisti davanti a un giudice dell’indagine preliminare? Ci sembra una ipotesi inverosimile e non praticabile:  non basterebbe lo stadio Olimpico di Roma  per poter contenere tutti quelli che hanno pagato le sanzioni comminate per gli arbitrari  rilievi  effettuati  dai dispositivi T-RED non omologati.

E quindi, chi ha già pagato, secondo il parere di numerosi giuristi,  può anche rivolgersi al giudice di pace per chiedere il risarcimento del danno patito.

31 Gennaio 2009 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Multe e sconti dopo il decreto del fare » Un paio di dritte
La legge di conversione del decreto legge cosiddetto del fare, entrata in vigore il 21 Agosto 2013, ha apportato interessanti novita` riguardo le multe stradali e la loro impugnazione. Una Circolare del Ministero dell`Interno del 19/8/2013 ha fornito i primi chiarimenti. Tra le novità introdotte dal Decreto del Fare la possibilità di ottenere uno sconto del 30% sulla cifra da versare, purchè la si paghi entro 5 giorni dalla contestazione immediata o dalla notifica. ...

Multe » Il manuale - Notifiche, ricorsi e consigli per il sanzionato
Vi siete mai chiesti se la multe che avete ricevuto sono davvero da pagare? Se e come sia possibile contestarle? Con le ultime modifiche al Codice della Strada, in buona parte ignote agli automobilisti, è meno facile orientarsi tra le molte regole che sovrintendono al buon funzionamento della circolazione ed alla civile convivenza tra conducenti di veicoli. Il nostro staff vuole quindi proporre una raccolta di argomenti utili, specialmente a coloro che incorrono in multe per violazione al codice della strada. Seguirà quindi un piccolo vademecum per comprendere quali sono le sanzioni, come vanno pagate le multe, come e quando ...

Acquisto auto a rate? - Ecco a cosa fare attenzione per tutelarsi correttamente
Ho trovato un'offerta molto conveniente per un'automobile, visionata presso un rivenditore della mia zona: vorrei effettuare un finanziamento, ma è la prima volta che lo faccio. E' conveniente? A cosa devo fare attenzione, per tutelarmi, prima di stipulare un contratto? ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multe t-red, cosa può fare chi è stato multato con un apparecchio che risulta non correttamente omologato?. Clicca qui.

Stai leggendo Multe T-RED, cosa può fare chi è stato multato con un apparecchio che risulta non correttamente omologato? Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 31 Gennaio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe ricorsi e sinistri - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Roberto De Francesco 28 Marzo 2009 at 13:45

    Buongiorno, sono stato multato 2 volte per un fantomatico passaggio col rosso e decurtato di 10 punti dalla patente. ovviamente ho pagato.sarei interessato a costituirmi parte civile in un eventuale processo.

  • Valerio Ardito - Pubblico Ministero nell'indagine T-RED 31 Gennaio 2009 at 08:24

    I cittadini si devono far rappresentare in collettività, altrimenti il processo non decollerà mai.

    Il che significa che devono riunirsi in comitati, rappresentati da un numero ridotto di avvocati presso i quali verranno inviate le notifiche.

    Se ogni automobilista che ritiene di essere caduto vittima della truffa dei T-Red dovesse decidere di costituirsi parte civile individualmente, andrebbe incontro a spese probabilmente eccessive rispetto a quanto può recuperare e intaserebbe la cancelleria.

    Insomma, gli automobilisti sono stati invitati a comportarsi come hanno fatto i creditori di Parmalat, affidandosi ad associazioni di tutela o a comitati.