Multe T-RED, cosa può fare chi è stato multato con un apparecchio che risulta non correttamente omologato?

Fa parte ormai della cronaca nera la nota vicenda dei dispositivi T-RED.  Si tratta di una truffa perpetrata ai danni di centinaia di migliaia di cittadini, con la complicità più o meno consapevole di numerose amministrazioni comunali.

Ma che cosa può fare chi è stato multato con un apparecchio che risulta non correttamente omologato?

Bisogna distinguere fra due tipologie di vittime del  T-RED.

La prima tipologia è quella di coloro che non hanno ancora pagato la contravvenzione: possono presentare un ricorso al prefetto, o rivolgersi al giudice di pace, chiedendo l'annullamento del verbale che ha contestato l'infrazione al Codice della Strada.

Ma dovrebbero anche allegare o far riferimento alle consulenza tecniche fatte eseguire dalle Procure che conducono le indagini, le quali hanno convalidato l'accusa di omologazione fraudolenta.

Il secondo caso è poi quello di chi ha già pagato, magari alcuni anni fa. A parte la difficoltà di ritrovare i documenti che attestano il versamento di 138 euro, più spese di notifica, chi ha subito un danno ha diritto a costituirsi parte civile in un eventuale giudizio.

Infatti, le Procure dovrebbero informare le parti offese (i multati con T-RED) della facoltà di potersi costituire parte civile per poter ottenere il ristoro del danno. Ma ve li immaginate voi migliaia di  avvocati che rappresentano centinaia di migliaia di  automobilisti davanti a un giudice dell'indagine preliminare? Ci sembra una ipotesi inverosimile e non praticabile:  non basterebbe lo stadio Olimpico di Roma  per poter contenere tutti quelli che hanno pagato le sanzioni comminate per gli arbitrari  rilievi  effettuati  dai dispositivi T-RED non omologati.

E quindi, chi ha già pagato, secondo il parere di numerosi giuristi,  può anche rivolgersi al giudice di pace per chiedere il risarcimento del danno patito.

31 gennaio 2009 · Giuseppe Pennuto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multe t-red, cosa può fare chi è stato multato con un apparecchio che risulta non correttamente omologato?. Clicca qui.

Stai leggendo Multe T-RED, cosa può fare chi è stato multato con un apparecchio che risulta non correttamente omologato? Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 31 gennaio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria multe ricorsi e sinistri - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Roberto De Francesco 28 marzo 2009 at 13:45

    Buongiorno, sono stato multato 2 volte per un fantomatico passaggio col rosso e decurtato di 10 punti dalla patente. ovviamente ho pagato.sarei interessato a costituirmi parte civile in un eventuale processo.

  • Valerio Ardito - Pubblico Ministero nell'indagine T-RED 31 gennaio 2009 at 08:24

    I cittadini si devono far rappresentare in collettività, altrimenti il processo non decollerà mai.

    Il che significa che devono riunirsi in comitati, rappresentati da un numero ridotto di avvocati presso i quali verranno inviate le notifiche.

    Se ogni automobilista che ritiene di essere caduto vittima della truffa dei T-Red dovesse decidere di costituirsi parte civile individualmente, andrebbe incontro a spese probabilmente eccessive rispetto a quanto può recuperare e intaserebbe la cancelleria.

    Insomma, gli automobilisti sono stati invitati a comportarsi come hanno fatto i creditori di Parmalat, affidandosi ad associazioni di tutela o a comitati.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca