Multe sulle corsie riservate – A Milano arriva il maxiannullamento

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

ecopasss

La segnaletica stradale deve avere ovunque «visibilità» e «chiarezza» e forse dovrebbe parlare ancora meglio in un punto critico: l’ingresso in una corsia riservata ai mezzi pubbli­ci sulla corona Ecopass. Peggio: «L’indicazione ri­sulta equivoca e contradditto­ria là dove indica nel contem­po che è consentito il transito ai mezzi ‘autorizzati’ e l’inizio dell’area a pagamento».

Con queste motivazioni il giudice di pace Michela Bazzini ha ac­colto il ricorso dell’automobili­sta-avvocato Federico Jannoni.  Due multe annullate: i passag­gi sotto le telecamere del 16 febbraio e del 1˚ marzo 2008. Due sabati, quando il ticket non è in vigore e il trasgresso­re in evidente buona fede.

Una sentenza destinata a fare scuo­la

«L’orientamento della colle­ga è largamente condiviso dai giudici dell’ufficio», assicura il coordinatore Vito Dattolico. Colpo di spugna su decine di migliaia di verbali (i primi dati ufficiali saranno forniti lune­dì). Dattolico fa ruotare 60 giu­dici sulle multe Ecopass e sui casi collegati, gl’ingressi vietati nelle corsie di bus, tram e taxi inaugurate sulla Cerchia dei Ba­stioni in concomitanza con il ti­cket il 2 gennaio 2008 (corso Magenta, Porta Ticinese, Vigen­tina e Vittoria, corso Italia, via Olivetani e Lamarmora).

In ca­lendario ci sono 250-300 udien­ze al giorno: se la maggioranza dei giudici rispetterà l’indica­zione, altrettante sanzioni-foto­copia saranno cancellate. Quando si apre il caso «Jan­noni contro Comune», il Comu­ne non c’è. È il 20 febbraio: il giudice legge il dispositivo del­la sentenza ma non viene ascol­tata né da un funzionario né da un vigile.

Palazzo Marino diser­ta l’aula

E’ «rimasto contumace e non ha contrastato le argo­mentazioni esposte in ricorso» benché «l’onere di provare tut­ti gli elementi oggettivi e sog­gettivi dell’illecito» tocchi pro­prio alla polizia locale. Strano, no? Multa chi invade la prefe­renziale nonostante il cartello, invia il verbale da 81 euro e poi, una volta contestata, lascia la partita. Due a zero per Janno­ni. Sarà mica che il Comune sa di avere torto, avvocato Dattoli­co? «Di sicuro, se non viene ci saranno delle ragioni che saran­no evidenziate nel tempo».

È da più di un anno che i mi­lanesi denunciano le multe trappola in corso Magenta e nelle altre corsie riservate sulla linea Ecopass. Ne ha fatta una battaglia politica la Lega e a Pa­lazzo Marino non sanno come uscirne. Gli automobilisti, dal 2 gennaio 2008, non hanno an­cora capito se possono entrare.

Il cartello non è visibile né chia­ro e nella sentenza è definito «composito»

C’è un segnale di «divieto di accesso eccetto mez­zi pubblici ed autorizzati» (ter­mine sottolineato, ndr) e un pannello aggiuntivo «su cui è indicato il controllo elettroni­co » dell’Ecopass, con l’inizio dell’area a pagamento e il nu­mero della delibera di giunta (1788/2007).

Ecco: il puzzle la­scia «indubbiamente spazio ad una non corretta interpretazio­ne del cartello, secondo la qua­le i veicoli esentati da Ecopass o in regola con la specifica nor­mativa siano tra quelli a cui è consentito l’accesso, in quanto autorizzati». Lo scrive il giudi­ce e il «convincimento» è «suf­fragato dall’elevato numero di contravvenzioni della stessa in­dole». La massa è una prova.

di Gianni Santucci e Armando Stella

Per fare una domanda su multe e ricorsi in genere e su cartelle esattoriali originate da multe clicca qui.

7 Maggio 2009 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Gli ispettori delle aziende di trasporto pubblico possono sanzionare solo chi sosta all'interno delle corsie riservate
Il legislatore ha inteso conferire agli ausiliari del traffico, ai fini di semplificazione dell'attività amministrativa, il potere di prevenire ed accertare infrazioni al codice della strada in alcune ipotesi tassative. Una prima, è costituita dalle infrazioni concernenti la sosta di autoveicoli nelle aree soggette a concessione di parcheggio, in ordine alla quale le funzioni di prevenzione ed accertamento possono essere svolte dagli stessi dipendenti della società concessionaria. Una seconda, concernente la sosta nell'ambito del territorio del Comune, nella quale le funzioni di prevenzione ed accertamento delle relative infrazioni sono attribuite ai dipendenti comunali. Una terza, infine si riferisce agli ispettori ...

Modulo ricorso giudice di pace di Milano per cartella multe
Non riesco a repire il modello corretto per fare ricorso al giudice di pace di milano contro una cartella esattoriale per delle multe con verbali con vizio di notifica. Potrestre cortesemente fornirmelo? ...

Multe da Autovelox » Il ministero dell'interno interviene per mettere ordine al disastro di Milano
Multe da autovelox a Milano: con l'intervento del Ministero dell'Interno, sembra esserci una soluzione definitiva. In un nostro precedente intervento, avevamo parlato del pasticcio del Comune di Milano con le multe da autovelox, un problema, veramente, che si sta proponendo in tutta Italia. La causa era in una norma contraddittoria: come noto, il Codice della Strada dà 150 giorni dall'infrazione per notificare la multa stradale al contravventore, mentre una legge del 2010 ha posto un termine di 90 giorni, senza specificare da quando. A Milano, ma come detto anche in diversi altri Comuni italiani, avevano scelto questa interpretazione: i 90 ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multe sulle corsie riservate – a milano arriva il maxiannullamento. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Lorenzo De Santis 13 Maggio 2009 at 05:12

    Infatti è alquanto non chiaro quel cartello! Chissà quante multe hanno fatto..

  • marco lunghini 7 Maggio 2009 at 11:49

    Non illudetevi

    Avevo letto notizie del genere anche prima della mia udienza avvenuta in data 27/03/2009 dinanzi al giudice Terranova sez. 1, che tranquillamente mi ha condannato a pagare le 12 multe contestate prese tutte in scooter di sabato mattina (da febbraio a giugno 2008) in Corso Magenta.

    Il GDP ha sostenuto che il cartello va rispettato e non interpretato; il vero problema è che ogni GDP può dare una sua interpretazione; non esiste alcun coordinamento, per cui, a parità di infrazione, c’e chi paga e chi ottiene l’annullamento; come dire la Legge per qualcuno si applica per altri si interpreta (ma non i cartelli..).

    Voglio essere malizioso, le notizie che riportano di annullamenti fanno sempre riferimento a multati difesi da avvocati o avvocati-multati, io mi sono difeso da solo, ma non è che il vero orientamento dei GDP si basa su come ci si presenta in udienza, vale a dire, se “scortati o meno da avvocati?”. Piccola precisazione sull’articolo: il Comune non è comunque tenuto a presentarsi in udienza e, purtroppo, una o più sentenze di annullamento, non fanno legge. In bocca al lupo a tutti i multati ricorrenti. Un multato ricorrente disulluso.