Multe sulle corsie riservate – A Milano arriva il maxiannullamento

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!




Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

ecopasss

La segnaletica stradale deve avere ovunque «visibilità» e «chiarezza» e forse dovrebbe parlare ancora meglio in un punto critico: l’ingresso in una corsia riservata ai mezzi pubbli­ci sulla corona Ecopass. Peggio: «L’indicazione ri­sulta equivoca e contradditto­ria là dove indica nel contem­po che è consentito il transito ai mezzi ‘autorizzati’ e l’inizio dell’area a pagamento».

Con queste motivazioni il giudice di pace Michela Bazzini ha ac­colto il ricorso dell’automobili­sta-avvocato Federico Jannoni.  Due multe annullate: i passag­gi sotto le telecamere del 16 febbraio e del 1˚ marzo 2008. Due sabati, quando il ticket non è in vigore e il trasgresso­re in evidente buona fede.

Una sentenza destinata a fare scuo­la

«L’orientamento della colle­ga è largamente condiviso dai giudici dell’ufficio», assicura il coordinatore Vito Dattolico. Colpo di spugna su decine di migliaia di verbali (i primi dati ufficiali saranno forniti lune­dì). Dattolico fa ruotare 60 giu­dici sulle multe Ecopass e sui casi collegati, gl’ingressi vietati nelle corsie di bus, tram e taxi inaugurate sulla Cerchia dei Ba­stioni in concomitanza con il ti­cket il 2 gennaio 2008 (corso Magenta, Porta Ticinese, Vigen­tina e Vittoria, corso Italia, via Olivetani e Lamarmora).

In ca­lendario ci sono 250-300 udien­ze al giorno: se la maggioranza dei giudici rispetterà l’indica­zione, altrettante sanzioni-foto­copia saranno cancellate. Quando si apre il caso «Jan­noni contro Comune», il Comu­ne non c’è. È il 20 febbraio: il giudice legge il dispositivo del­la sentenza ma non viene ascol­tata né da un funzionario né da un vigile.

Palazzo Marino diser­ta l’aula

E’ «rimasto contumace e non ha contrastato le argo­mentazioni esposte in ricorso» benché «l’onere di provare tut­ti gli elementi oggettivi e sog­gettivi dell’illecito» tocchi pro­prio alla polizia locale. Strano, no? Multa chi invade la prefe­renziale nonostante il cartello, invia il verbale da 81 euro e poi, una volta contestata, lascia la partita. Due a zero per Janno­ni. Sarà mica che il Comune sa di avere torto, avvocato Dattoli­co? «Di sicuro, se non viene ci saranno delle ragioni che saran­no evidenziate nel tempo».

È da più di un anno che i mi­lanesi denunciano le multe trappola in corso Magenta e nelle altre corsie riservate sulla linea Ecopass. Ne ha fatta una battaglia politica la Lega e a Pa­lazzo Marino non sanno come uscirne. Gli automobilisti, dal 2 gennaio 2008, non hanno an­cora capito se possono entrare.

Il cartello non è visibile né chia­ro e nella sentenza è definito «composito»

C’è un segnale di «divieto di accesso eccetto mez­zi pubblici ed autorizzati» (ter­mine sottolineato, ndr) e un pannello aggiuntivo «su cui è indicato il controllo elettroni­co » dell’Ecopass, con l’inizio dell’area a pagamento e il nu­mero della delibera di giunta (1788/2007).

Ecco: il puzzle la­scia «indubbiamente spazio ad una non corretta interpretazio­ne del cartello, secondo la qua­le i veicoli esentati da Ecopass o in regola con la specifica nor­mativa siano tra quelli a cui è consentito l’accesso, in quanto autorizzati». Lo scrive il giudi­ce e il «convincimento» è «suf­fragato dall’elevato numero di contravvenzioni della stessa in­dole». La massa è una prova.

di Gianni Santucci e Armando Stella

Per fare una domanda su multe e ricorsi in genere e su cartelle esattoriali originate da multe clicca qui.

7 Maggio 2009 · Giuseppe Pennuto



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multe sulle corsie riservate – a milano arriva il maxiannullamento. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Lorenzo De Santis 13 Maggio 2009 at 05:12

    Infatti è alquanto non chiaro quel cartello! Chissà quante multe hanno fatto..

  • marco lunghini 7 Maggio 2009 at 11:49

    Non illudetevi

    Avevo letto notizie del genere anche prima della mia udienza avvenuta in data 27/03/2009 dinanzi al giudice Terranova sez. 1, che tranquillamente mi ha condannato a pagare le 12 multe contestate prese tutte in scooter di sabato mattina (da febbraio a giugno 2008) in Corso Magenta.

    Il GDP ha sostenuto che il cartello va rispettato e non interpretato; il vero problema è che ogni GDP può dare una sua interpretazione; non esiste alcun coordinamento, per cui, a parità di infrazione, c’e chi paga e chi ottiene l’annullamento; come dire la Legge per qualcuno si applica per altri si interpreta (ma non i cartelli..).

    Voglio essere malizioso, le notizie che riportano di annullamenti fanno sempre riferimento a multati difesi da avvocati o avvocati-multati, io mi sono difeso da solo, ma non è che il vero orientamento dei GDP si basa su come ci si presenta in udienza, vale a dire, se “scortati o meno da avvocati?”. Piccola precisazione sull’articolo: il Comune non è comunque tenuto a presentarsi in udienza e, purtroppo, una o più sentenze di annullamento, non fanno legge. In bocca al lupo a tutti i multati ricorrenti. Un multato ricorrente disulluso.





Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!