Multe selvagge » Manuale di sopravvivenza per l'automobilista

Vi presentiamo un manuale di sopravvivenza per le multe selvagge: suggerimenti utili al cittadino, trasgressore o meno, sempre più costretto a circolare tra semafori furbi e scritte invisibili.

I cittadini multati, perseguitati, ingiustamente munti.

Gli stessi che aspettano la sentenza sui furbetti del semaforino, quelli che a Segrate (Milano) taroccavano i tempi di attesa agli incroci, avranno certamente incorniciato la requisitoria del pm Alfredo Robledo contro politici, funzionari e imprenditori uniti in un cartello truffaldino: usare il cittadino come pollo da spennare per arricchimenti personali, con un’inequivocabile volontà dell’amministrazione comunale di arricchirsi.

Se non l’hanno fatto possono appuntarsi solo le parole che danno conferma a una sensazione diffusa: fare cassa.

Attorno alle multe, doverosamente date a chi infrange le regole, c’è anche l’esempio negativo di uno Stato che, per qualche euro in più, diventa un nemico: della buona fede, del buon senso, della buona amministrazione.

In tempi di fiducia vacillante la questione delle multe non è laterale: indica un rapporto alterato tra istituzioni e cittadini, alimentato da rancori e paradossi burocratici.

Pagare due volte una semplice infrazione per il versamento fatto in ritardo, per esempio, fa parte dell’atteggiamento punitivo che da tempo accompagna il rapporto tra automobilisti, vigili e Comuni.

Una volta bastavano gli interessi di mora, adesso si va di raddoppio in raddoppio.

Oppure: veder triplicato l’importo di una multa per non aver letto quel che sta scritto a caratteri invisibili sul retro di un normale bollettino, e cioè presentarsi al comando per verificare chi ha effettivamente lasciato l’auto in sosta vietata, appare come una pura e semplice vessazione: potrebbe essere corretta, con una formula un po’ meno sleale per il cittadino che comunque ha già pagato la normale contravvenzione.

È doveroso fare tutto il possibile per ridurre l’indisciplina sulle strade e sono sempre troppi gli automobilisti che violano le norme.

Ma servono anche lealtà e semplificazioni burocratiche.

C’è un famelico assalto dei Comuni alle tasche dell’utente, ma c’è anche un’Italia che si sente inutilmente vessata: non fa il gesto dell’ombrello come Maradona, chiede solo di distinguere tra furbi e legalitari e di non essere riserva di caccia.

E i vigili? Le direttive sulle multe sono diventate politiche: loro eseguono.

Fanno quel che i superiori dicono di fare. Fare cassa.

Se certe multe, triplicate a causa di una scritta che bisogna cercare con la lente, avessero un avviso stampigliato come si fa con le sigarette il cittadino sarebbe correttamente avvertito e le sue tasche ne avrebbero un beneficio.

Ma i Comuni incasserebbero di meno.

Chi governa deve scegliere da che parte stare. Se va avanti a stare dalla parte della cassa, ed è sleale, rischia di perdere il cittadino.

21 Novembre 2013 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Multe » Il manuale - Notifiche, ricorsi e consigli per il sanzionato
Vi siete mai chiesti se la multe che avete ricevuto sono davvero da pagare? Se e come sia possibile contestarle? Con le ultime modifiche al Codice della Strada, in buona parte ignote agli automobilisti, è meno facile orientarsi tra le molte regole che sovrintendono al buon funzionamento della circolazione ed alla civile convivenza tra conducenti di veicoli. Il nostro staff vuole quindi proporre una raccolta di argomenti utili, specialmente a coloro che incorrono in multe per violazione al codice della strada. Seguirà quindi un piccolo vademecum per comprendere quali sono le sanzioni, come vanno pagate le multe, come e quando ...

Multe e sconti dopo il decreto del fare » Un paio di dritte
La legge di conversione del decreto legge cosiddetto del fare, entrata in vigore il 21 Agosto 2013, ha apportato interessanti novita` riguardo le multe stradali e la loro impugnazione. Una Circolare del Ministero dell`Interno del 19/8/2013 ha fornito i primi chiarimenti. Tra le novità introdotte dal Decreto del Fare la possibilità di ottenere uno sconto del 30% sulla cifra da versare, purchè la si paghi entro 5 giorni dalla contestazione immediata o dalla notifica. ...

Multe » I ricorsi sono sempre più cari
Multe, i ricorsi sono sempre più cari: più impervia la strada del contenzioso. Per chi vuole difendersi dalle multe, proponendo ricorso al giudice di pace, è bene, di questi tempi, valutare attentamente i costi della causa anche alla luce del nuovo aumento del contributo unificato, il quale, per la sanzioni ordinarie passa da 37 a 43 euro. Ma, se l'importo della sanzione supera i 1.100 euro scatta anche il bollo da 27 euro e il nuovo contributo unificato di, almeno, 98 euro. Ciò è quanto stabilito dalle nuove disposizioni, in vigore dal 25 giugno 2014, contenenti misure urgenti per la ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multe selvagge » manuale di sopravvivenza per l'automobilista. Clicca qui.

Stai leggendo Multe selvagge » Manuale di sopravvivenza per l'automobilista Autore Carla Benvenuto Articolo pubblicato il giorno 21 Novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe per violazioni al Codice della strada - informazione e prevenzione Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)