Multe - La polizia municipale può farle anche su strade statali


Gli agenti ed ufficiali di polizia municipale, in quanto organi di polizia giudiziaria con competenza estesa all’intero territorio comunale, hanno il potere di accertare le violazioni in materia di circolazione stradale punite con sanzioni amministrative pecuniarie in tutto tale territorio, anche, quindi, su strade statali al di fuori del centro abitato.

Ne deriva che, una volta stabilito che gli ufficiali e gli agenti della polizia municipale hanno tale potere nell’ambito dell’intero territorio comunale, gli accertamenti di violazioni del codice della strada da essi compiuti in tale territorio debbono ritenersi per ciò stesso legittimi sotto il profilo della competenza dell’organo accertatore, restando l’organizzazione, la direzione e il coordinamento del servizio elementi esterni all’accertamento, ininfluenti su detta competenza.

Questo, in breve, il pensiero della Suprema Corte di Cassazione, messo nero su bianco, nella sentenza numero 6432 del 19 marzo 2014.

25 Marzo 2014 · Ornella De Bellis



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multe - la polizia municipale può farle anche su strade statali. Clicca qui.

Stai leggendo Multe - La polizia municipale può farle anche su strade statali Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 25 Marzo 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)