Le date da cui decorrono i 90 giorni per la notifica del verbale ed i 60 giorni per il ricorso

Il termine dei 90 giorni per la notifica del verbale non è riferito al momento in cui il destinatario riceve il verbale, ma a quello in cui l'organo di polizia ha affidato il plico al servizio postale, che poi in teoria può recapitarlo anche dopo mesi.  I 60 giorni utili per presentare il ricorso si contano invece dalla data della ricezione materiale del verbale di contravvenzione.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • giorgio angrisani 9 agosto 2010 at 15:46

    La “notifica breve” delle multe, che è tra le tante novità della riforma del codice della strada (legge 120/10), si applicherà alle infrazioni commesse dal 14 agosto.

    Nella versione definitiva della tormentata riforma, i 150 giorni oggi a disposizione per le notifiche “standard” sono stati accorciati non a 60 giorni come stabilito inizialmente, ma a 90. Cioè com’era fino al 1989, quando si passò a 150 proprio per la difficoltà di rispettare i termini.

    Ciò nonostante restano i timori per eventuali aumenti dei costi di notifica (a carico del multato, ovviamente) imputabili alla necessità, per i Comuni, di accelerare la procedura di notifica.

    E’ molto probabile che si dovranno ridurre i tempi di funzionamento di misuratori di velocità e rilevatori di passaggio col rosso: l’inserimento dei dati nei sistemi informatici e la verifica sulle immagini necessaria per convalidare l’accertamento non possono essere delegati ai privati. E spesso sugli agenti gravano compiti impropri, legati a una miriade di funzioni che potrebbero essere svolte anche da uffici comunali.

    Ancora, una soluzione di cui si parla è non lasciare più il preavviso di infrazione sul parabrezza delle auto in sosta vietata (che non è obbligatorio, anzi il codice non lo prevede), perché con esso si danno al trasgressore 10-15 giorni per pagare senza che venga redatto e spedito il verbale, con i relativi costi (10-20 euro, di solito). Un vantaggio per il cittadino, ma ora se il pagamento non avviene il comune rischia di effettuare la spedizione fuori tempo massimo.

    Insomma, come dire “fatta la legge, trovato l’inganno”. E, come al solito, a danno dei cittadini …

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca