Multe stradali » Stop agli interessi del 10% sulle cartelle

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

No agli interessi sulle cartelle esattoriali per multe stradali: l’Avvocatura dello Stato ribadisce il precedente stop della Corte di Cassazione.

Fino ad oggi, in caso di cartelle esattoriali originate da multe, si era costretti a pagare il doppio dell’ammenda originaria, più gli interessi pesanti annessi.

Ma, almeno stando al parere 32494 del 31 luglio 2013 dell’Avvocatura Generale dello Stato, l’utente della strada che non paga il verbale deve ricevere una cartella esattoriale contenente solo un importo raddoppiato: addio alla maggiorazione semestrale del 10%.

Interessi su cartelle esattoriali originate da multe: La sentenza del 2007

La Corte di Cassazione, con sentenza depositata il 16 febbraio 2007 (protocollo 3701) aveva ritenuto illegittimi gli interessi del 10 per cento semestrali applicati da Equitalia per cartelle esattoriali originate da multe e comunque da sanzioni amministrative.

Nella sentenza i giudici di Piazza Cavour spiegarono che non è un diritto dello Stato incassare interessi su sanzioni amministrative che si configurano come vera e propria tassa aggiuntiva.

Concludendo, gli Ermellini chiarirono che in caso di ritardi o omissione del pagamento della sanzione va applicata l’iscrizione a ruolo della sola metà del massimo edittale e non anche gli aumenti semestrali del 10 per cento.

Il parere dell’avvocatura generale dello stato

L’Avvocatura dello Stato, con il parere prot. cs 32494 del 31 luglio 2013, solo ora divulgato dalla Prefettura di Novara con la nota prot. 41901 del 9 ottobre 2013 ha ribadito che l’automobilista che non paga la multa riceverà una cartella esattoriale contenente un importo raddoppiato, ma senza più l’applicazione dei pesanti interessi previsti dalla legge.

Insomma, sempreché questo parere venga seguito, la cartella di pagamento (il documento che un ente di riscossione invia ai cittadini su incarico dell’ente creditore, in cui sono riportate tutte le informazioni utili, quali il nominativo del debitore, la somma da versare, le procedure che l’ente di riscossione attiverà in caso di mancato pagamento nel termine indicato) conterranno il doppio della multa di partenza. Più le spese del procedimento.

Un parere, quello dell’Avvocatura, condivisibile: il doppio della multa è una batosta più che sufficiente per i ritardatari; non si parla di condono a favore dei furbetti, ma di evitare il ricarico di interessi del 10% semestrale.

Ora Equitalia dovrà rivedere tutte le cartelle esattoriali in spedizione per multe non pagate dai trasgressori. Il che, se non avverrà, implicherà un inevitabile contenzioso nelle prossime settimane.

13 Dicembre 2013 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Multe ricorsi e sinistri stradali
Multe per violazioni al Codice della strada - informazione e prevenzione Contenzioso e impugnazione cartelle esattoriali originate da multe Multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Notifica del verbale di multa Contenzioso ricorso opposizione al verbale di multa Multe elevate dagli ausiliari del traffico Multe da autovelox t-red tutor photored telelaser scout speed Quando il verbale è nullo e la sanzione inefficace Cartelle esattoriali originate da multe - prescrizione e decadenza Verbale di multa - modalità di pagamento rateazione ritardi obbligati e coobbligati Domande e risposte su multe ricorsi e sinistri ...

Multe e maggiorazione semestrale degli interessi » Il ritorno
Multe: il governo capovolge le decisioni della Cassazione. Permane la maggiorazione semestrale degli interessi del 10%. In caso di mancato pagamento delle multe stradali le cartelle esattoriali continueranno ad essere gravate della maggiorazione semestrale del 10%. Almeno fino ad un diverso orientamento uniforme dell'Avvocatura generale dello stato. Lo ha evidenziato il 29 gennaio 2014 il vice Ministro delle Finanze, nel corso della seduta della 6° commissione del Senato. Multe ed interessi semestrali: I precedenti giurisprudenziali Prima di arrivare al chiarimento del Ministero delle Finanze, facciamo un passo indietro per capire come si era consolidata la giurisprudenza in merito alla questione. ...

Escamotage per evitare di pagare le numerose multe stradali
Salve! come molti quì all'interno del forum, sono letteralmente invaso dalle multe per violazione del codice stradale. Non potendole pagare ne impugnarle tramite avvocato per carenza di pecunia, mi chiedevo se non ci fossè un escamotage, per porre rimedio al problema in maniera drastica e indolore. Dal momento che l'unico bene "consistente" a me intestato è un automobile da poco comprata, pensavo d'intestarla ad una persona di fiducia per metterla al riparo dal pignoramento a cui certamente andrei incontro, non pagando le multe. Vi chiedo gentilmente una conferma per la soluzione proposta e chiedo altresì se la stessa possa andar ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multe stradali » stop agli interessi del 10% sulle cartelle. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)