Multe - Avviso controllo elettronico della velocità » Valido per gli autovelox ma non per i tutor

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

In caso di multe elevate da dispositivi elettronici, è bene controllare se il cartello riporta l'avviso controllo elettronico della velocità. Nel caso degli autovelox la sanzione è valida, mentre per i tutor no. Scopriamo perchè.

È illegittima la contravvenzione per eccesso di velocità se il cartello indica solo Attenzione, controllo elettronico della velocità, ma non specifica che la velocità è misurata a inizio e fine strada, come nel caso dei tutor.

Sul tema, infatti, un giudice di Pace di Como ha di recente emanato una sentenza molto interessante: con la pronuncia vengono dichiarate nulle tutte le multe dei tutor segnalati solo con il cartello controllo elettronico della velocità.

Secondo questo principio, la segnaletica verticale che avvisa gli automobilisti della presenza del tutor deve indicare espressamente che il rilevamento della velocità viene effettuato attraverso due telecamere poste all'inizio e alla fine di un tracciato e non già in un preciso punto, come invece accade con l'autovelox.

Pertanto, l'indicazione corretta, non è quella con su scritto Attenzione: controllo elettronico della velocità che è, appunto, quella usata per gli autovelox.

Per i tutor, è necessario un altro avviso, il quale faccia riferimento alla presenza di una porta di entrata e di una porta di uscita.

Insomma, la multe sono da considerare nulle se il tutor è mascherato da autovelox.

Ciò è, a nostro parere, un valido tentativo per cercare di fermare gli stratagemmi dei Comuni per fare cassa con le multe. Le contravvenzioni per eccesso di velocità , rilevate coi dispositivi di controllo elettronico, non possono risolversi in delle tasse occulte ai danni degli automobilisti.

Perciò, se vi capitasse di vedervi recapitare una multa elevata da un tutor, è bene sapere che, una volta presentato il ricorso, sarà necessario depositare agli atti del processo una documentazione fotografica relativa alla segnaletica installata dall'amministrazione lungo la strada provinciale.

Se il cartello immortalato è uno di quelli tradizionali, usati soprattutto per segnalare la presenza degli autovelox, la multa dovrà essere annullata.

29 gennaio 2014 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca