Automobilista al cellulare mentre è fermo allo stop? » Multa è valida

Valida la multa all’automobilista che parla al cellulare mentre è fermo allo stop.

Nella specie, è irrilevante che l’automobilista fosse ferma allo stop mentre era al telefono in quanto tale circostanza non fa venir meno la contestata violazione, visto che ai sensi dell’articolo 3 numero 9 Cds, per circolazione deve intendersi il movimento, la fermata e la sosta dei pedoni, dei veicoli e degli animali sulla strada.

Inoltre, nel giudizio di opposizione a ordinanza, ingiunzione relativa a violazioni del codice della strada, la fede privilegiata di cui all’articolo 2700 Cc assiste tutte le circostanze inerenti alla violazione, giacché il pubblico ufficiale è tenuto non solo a dare conto della sua presenza ai fatti attestati, ma anche delle ragioni per le quali tale presenza ne ha consentito l’attestazione.

Ne consegue che le contestazioni delle parti, ivi comprese quelle relative alla mancata particolareggiata esposizione delle circostanze dell’accertamento, devono essere svolte con il procedimento della querela di falso, in mancanza del quale il verbale assume valore di prova della violazione anche nel giudizio di opposizione.

E ancora, che è ammessa la contestazione e la prova unicamente delle circostanze di fatto della violazione che non sono attestate nel verbale di accertamento come avvenute alla presenza del pubblico ufficiale o rispetto alle quali l’atto non è suscettibile di fede privilegiata per una sua irrisolvibile contraddittorietà oggettiva.

Mentre è riservata al giudizio di querela di falso, nel quale non sussistono limiti di prova e che è diretto anche a verificare la correttezza dell’operato del pubblico ufficiale, la proposizione e l’esame di ogni questione concernente l’alterazione nel verbale, pur se involontaria o dovuta a cause accidentali, della realtà degli accadimenti e dell’effettivo svolgersi dei fatti.

Insomma, nel caso esaminato sussiste l’infrazione, avvalorata dal verbale e dalla chiara deposizione dell’agente sul punto.

Questo, in sintesi, l’orientamento del Tribunale di Campobasso, espresso con la pronuncia 415/13.

Fatti e commenti

È valida la multa all’automobilista che parla al cellulare mentre è fermo allo stop: se manca il procedimento di querela di falso l’infrazione è confermata, naturalmente avvalorata dal verbale e dalla chiara deposizione dell’agente sul punto.

Questo è ciò che si evince dalla sentenza in esame.

È irrilevante, quindi, che l’automobilista, nel momento in cui viene elevata la multa perché trovato a utilizzare il telefonino sia fermo allo stop.

Tale circostanza, infatti, non fa venir meno la violazione.

Questo perchè, nel concetto di circolazione stradale, all’atto della quale scatta la multa, deve intendersi non solo il movimento, ma anche la fermata e la sosta dei pedoni, dei veicoli e degli animali sulla strada.

Pertanto, in parole povere, basterebbe anche solo essere temporaneamente fermi, avere il motore acceso ed essere in procinto di ripartire per beccarsi una multa.

Con queste motivazioni viene accolto il ricorso del ministero dell’Interno.

Il Viminale chiedeva che venisse bocciato il ricorso dell’automobilista contro il verbale di accertamento elevato dalla polizia stradale per violazione dell’articolo 173, commi 2 e 3 bis del Cds, per aver circolato alla guida del proprio veicolo impugnando un cellulare.

Per i giudici molisani sbaglia il giudice di pace che ha annullato il verbale di contestazione agli atti sul presupposto che dall’istruttoria non sarebbe emerso con certezza il luogo in cui si sarebbe consumata la presunta infrazione.

Perché la multa sia valida il pubblico ufficiale è tenuto solo a dare conto della sua presenza durante i fatti attestati nel verbale, nonché delle ragioni per le quali tale presenza ha consentito l’accertamento dell’infrazione.

Il conducente che vuole contestare tali attestazioni deve non solo limitarsi a contestarle o a provare il contrario con testimoni, ma deve aprire una particolare procedura aggravata, detta querela di falso.

Ciò in quanto le dichiarazioni del pubblico ufficiale sono assistite da una fede privilegiata, cioè hanno un valore superiore rispetto ai fatti dichiarati da un qualsiasi altro soggetto privato.

La querela di falso è volta a verificare la correttezza dell’operato del pubblico ufficiale, la proposizione e l’esame di ogni questione concernente l’alterazione nel verbale, pur se involontaria o dovuta a cause accidentali, della realtà degli accadimenti e dell’effettivo svolgersi dei fatti.

9 Dicembre 2013 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Multa per guida pericolosa - quando il verbale non ha efficacia probatoria privilegiata
L'atto pubblico fa piena prova, fino a querela di falso, della provenienza del documento dal pubblico ufficiale che lo ha formato, nonché delle dichiarazioni delle parti e degli altri fatti che il pubblico ufficiale attesta avvenuti in sua presenza o da lui compiuti. La norma fa dunque riferimento ai fatti verificatisi in presenza del pubblico ufficiale. La giurisprudenza di legittimità ha più volte affermato che nel giudizio di opposizione ad ordinanza ingiunzione relativo al pagamento di una sanzione amministrativa è ammessa la contestazione e la prova unicamente delle circostanze di fatto della violazione che non sono attestate nel verbale di ...

Multa » Se manca l'indicazione del minimo e del massimo edittale della sanzione è comunque valida
E' comunque legittimo il verbale di multa che manca di minimo e massimo edittale sanzionatorio. Infatti, la mancata indicazione nel verbale del minimo e del massimo edittale della sanzione, prevista dal codice della strada, da comminare, sono irrilevanti rispetto a un quantum sanzionatorio che dovrà essere applicato dal prefetto, al quale possono essere formulate le deduzioni del caso, ed il cui provvedimento è impugnabile nei modi di legge. Questo il principio affermato dalla Corte di Cassazione con sentenza 4575/2014. Se nel verbale manca l'indicazione di minimo e massimo edittale la multa è comunque valida Inutile arrampicarsi sugli specchi: la multa ...

Multa da autovelox o telelaser » Per contraddire i vigili non serve querela di falso
In ambito di multa elevata tramite apparecchiature autovelox o telelaser, non valgono come piena prova le dichiarazioni degli agenti accertatori solo nelle note difensive di causa, secondo cui l'apparecchio era segnalato correttamente. Come accennato in diversi articoli, le postazioni della polizia, dotate di strumenti di controllo elettronico della velocità, come appunto autovelox e telelaser, devono essere preventivamente segnalate con la dovuta cartellonistica. Il mancato rispetto di queste regole, rende la multa nulla. Con la sentenza 3191/14, poi, il tribunale di Torino ha chiarito un altro importante aspetto, il quale potrebbe agevolare la possibilità di proporre ricorso giudiziario. Per poter intendere ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su automobilista al cellulare mentre è fermo allo stop? » multa è valida. Clicca qui.

Stai leggendo Automobilista al cellulare mentre è fermo allo stop? » Multa è valida Autore Carla Benvenuto Articolo pubblicato il giorno 9 Dicembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)