Multa e tentativo di corruzione degli agenti - Un fatto surreale

Multa e tentativo corruzione - Una storia strana

Vorrei avere dei chiarimenti a proposito di una faccenda che ha dell'inverosimile.

Ho letto su un giornale (di quelli gratuiti che si danno in metropolitana) che grazie a una sentenza della Cassazione da oggi offrire denaro a degli agenti per evitare una multa non costituirà reato.

L'articolo era una breaking news e non dava spiegazioni molto approfondite.

Vorrei allora sapere da voi se la notizia è fondata.

Potete darmi spiegazioni in merito?

Multa e tentativo corruzione - La dazione di cinque euro per ciascun agente configura reato di oltraggio più che quello di tentata corruzione

L'informazione ha del vero, ma non è andata proprio così: si tratta di una vicenda in cui, un ragazzo napoletano, per evitare una multa, allunga dieci euro a due agenti della stradale.

L'automobilista, in un primo momento viene denunciato per corruzione.

Il Tribunale locale lo assolve.

Ma è la Corte d'appello di Napoli, il 3 novembre 2011, a ritenere che la condotta debba essere punita in base all'articolo 322 del codice penale.

Questo, perché, la sua condotta era certamente volta ad evitare la contravvenzione.

I legali dell'automobilista allora, ricorrono in Cassazione.

Ed è qui che avviene la svolta.

Infatti, il ragazzo viene assolto e la sentenza ribaltata.

Più precisamente, gli Ermellini, stabiliscono che: l'esibizione di una somma di 10 euro, corrispondenti ad una utilità pari a 5 euro per ciascuno dei pubblici ufficiali operanti e destinatari dell'istigazione, al fine di poter fare loro omettere e quindi in concreto impedire - la preannunciata contravvenzione, per la sua palese irrisorietà, può semmai configurare il reato di oltraggio, per l'offesa all'onore e al prestigio del pubblico ufficiale destinatario della dazione stessa. .

Quindi, il gesto, al massimo poteva essere qualificato come «segno di disprezzo degli agenti», ma non come istigazione alla corruzione.

La tesi difensiva ha colpito nel segno tanto che la Suprema Corte aveva annullato senza rinvio la decisione impugnata.

Ma, come la storia ci ha insegnato, non è sempre così.

In un caso quasi analogo, un autista di Arezzo, dopo lo stop della volante di turno e la minaccia della multa, si era lasciato sfuggire un'affermazione vaga: “Vi dò quello che volete se mi lasciate andare”.

In questo caso, per il Tribunale di primo grado e per la Corte di Cassazione non ci sono stati dubbi: si trattava di un tentativo di corruzione.

La Suprema Corte, infatti, con la sentenza numero 37402 del 17 ottobre 2011 ha stabilito che: Non è, invero, qualificabile come intrinsecamente e originariamente inidonea a integrare il reato contestato, perché astratta, in quanto generica e indeterminata nel contenuto, l'offerta in cui la determinazione dell'oggetto sia rimessa allo stesso pubblico ufficiale che si intende corrompere. Tale offerta, infatti, è concretamente diretta a spingere il destinatario a quantificare lui stesso la somma che intende ricevere quale corrispettivo del mancato compimento dell'atto del proprio ufficio, avviando così la contrattazione illecita tipica della fattispecie corruttiva . Rientra, quindi, senza dubbio nello schema descritto l'offerta avanzata dall'autore al pubblico ufficiale nei termini di cui al caso in esame (''vi dò quello che volete").

Come spesso succede quindi, due pesi e due misure.

Attenzione quindi, se vi viene in mente di corrompere un pubblico ufficiale al fine di evitare una multa.

Sembra infatti conveniente "offrire" piccole somme per evitare inutili condanne penali.

18 febbraio 2013 · Giuseppe Pennuto


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cinture di sicurezza » Commette un reato chi utilizza falsi certificati medici al fine di ottenerne l'esonero
Commette un reato chi utilizza falsi certificati medici al fine di ottenere l'esonero dall'utilizzo delle cinture di sicurezza ed evitare, così, le multe. Commette il delitto di uso di atto falso chi per ottenere l'annullamento della sanzione amministrativa, per guida senza cinture di sicurezza, utilizza un certificato apparentemente rilasciato da ...
Multa » Agente può elevarla dal computer senza compilare verbale
Un agente di polizia ha la possibilità di elevare la multa dal computer senza dover per forza redigere il verbale. L'originale della multa elevata al trasgressore, può essere costituito dal file creato direttamente dal pc del comando, senza dover per forza prima passare per il documento cartaceo, a condizione che ...
Ricorso contro multa esperibile se causa mancata contestazione immediata è generica
Impossibilità di fermare il veicolo nei modi di legge senza specificare la causa - Ricorso accettato dalla Corte di Cassazione - Multa annullata ...
Multa con autovelox » Oscurare la targa fa scattare il reato di falsità in certificazione amministrativa
Multe con autovelox: se volete evitarle, andate piano piuttosto di oscurare la targa. In tale fattispecie, infatti, scatta il reato di falsità in certificazione amministrativa. Il falso avente ad oggetto la targa automobilistica integra il delitto di falsità in certificazione amministrativa e non in atto pubblico. Questo, in sintesi, l'orientamento ...
Multa per guida senza patente - Quali sono le sanzioni?
Qualche giorno fa, sono stato fermato ad un posto di blocco dalla polizia stradale: mi hanno chiesto i documenti, io avevo tutto in regola, ma purtroppo avevo lasciato il portafoglio con la patente a casa. Per fortuna, mi hanno lasciato andare, facendomi una ramanzina e dicendomi però che la prossima ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multa e tentativo di corruzione degli agenti - un fatto surreale. Clicca qui.

Stai leggendo Multa e tentativo di corruzione degli agenti - Un fatto surreale Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 18 febbraio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 25 giugno 2018 Classificato nella categoria multe ricorsi e sinistri - domande e risposte Inserito nella sezione giurisprudenza.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca