Lei non sa chi sono io » A volte non serve: oltre alla multa denuncia per minacce ai vigili urbani

I vigili urbani gli infliggono una multa per averlo "beccato" al cellulare mentre guida, ma lui dichiara: Attenti, sono un giornalista. Sanzione confermata e condanna per minacce.

Vigili urbani oggetto degli strali di un automobilista che prende davvero male la multa inflittagli per la violazione del Codice della Strada. Ma lo sfogo verbale è catalogabile come una minaccia in piena regola, anche, anzi soprattutto, alla luce del riferimento all'ipotesi del licenziamento per i due componenti della Polizia municipale.

Scatta, dunque, la condanna penale anche senza la forza fisica: sufficiente voler contrastare o condizionare il legittimo operato altrui.

Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 40292/14.

Della serie: Lei non sa chi sono io....

A parlare, ad alta voce, con tono minaccioso e con una certa animazione, è, in questo caso, un giornalista, che prende davvero male la multa comminatagli da due agenti della polizia municipale che lo hanno beccato al cellulare, senza auricolare, mentre era alla guida della sua autovettura.

Ma la bravata è costata cara al vip automobilista: sette mesi di reclusione e sanzione confermata.

Pena severa, dunque, per l'atteggiamento spavaldo a chi prospetta un ingiusto male ad altri, millantando amicizie a destra e manca e facendo intravedere la possibilità di ritorsioni, sia pure non fisiche.

A parere degli Ermellini, infatti, le minacce scattano anche quando il colpevole tenta di contrastare o, comunque, condizionare l'operato legittimo di terzi soggetti come, appunto, i vigili urbani.

30 settembre 2014 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su lei non sa chi sono io » a volte non serve: oltre alla multa denuncia per minacce ai vigili urbani. Clicca qui.

Stai leggendo Lei non sa chi sono io » A volte non serve: oltre alla multa denuncia per minacce ai vigili urbani Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 30 settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 agosto 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca