Multa lievitata a dismisura con la la notifica di ingiunzione di pagamento

Indice dei contenuti dell'articolo


Ingiunzione di pagamento per multa - L'importo indicato nel verbale è lievitato a dismisura

In data 03/03/2007 mi è stato notificato un verbale per un'infrazione commessa in data 15/12/2006 (violazione dell'articolo decreto leggevo 285/92 articolo 146 comma 3 - passaggio a semaforo rosso) di Euro 152,60.

In data 13/12/2011 mi è arrivata l'ingiunzione di pagamento (nessuna notifica nel frattempo) della multa che non ho pagato (haimè per dimenticanza) da parte del concessionario incaricato dal comune di Euro 520,60, con relata di notifica del 24/11/2011.

E' possibile non aver ricevuto nessun sollecito di pagamento nel frattempo??

E' possibile che sia così "lievitata" la multa?? (sanzione di Euro 275,00+maggiorazione 220,00+spese)

Posso far ricorso?

Sanzioni pecuniarie calcolate semestralmente per multe non pagate nei termini

Le sanzioni pecuniarie previste dal codice della strada in rapporto alle diverse tipologie di violazione, variano da un minimo ad un massimo, e la legge prevede, come regola generale, che in prima istanza sia applicabile la sanzione minima (o ridotta), a condizione che il pagamento avvenga entro i termini previsti dalla notifica del verbale.

In generale la misura ridotta equivale ad un quarto del massimo previsto per la violazione.

In caso di mancato pagamento e qualora non sia stato presentato un ricorso, la sanzione applicabile lievita alla metà dell'importo massimo previsto dalla legge per quella violazione.

Ecco perchè spesso si afferma, peraltro impropriamente, che in caso di mancato pagamento nei termini previsti a partire dalla notifica del verbale, la multa raddoppia.

Comunque, una volta che la multa non sia stata pagata nei termini indicati sul verbale e non sia stato presentato ricorso, il verbale stesso diventa titolo esecutivo e la riscossione coattiva segue le norme previste per le imposte dirette, ovvero iscrizione a ruolo ed emissione, da parte di un concessionario/esattore, della cartella esattoriale o dell'ingiunzione entro cinque anni dalla notifica del verbale.

Questa procedura comporta inoltre l'addebito delle maggiorazioni previste dalla legge 689/81 (una sanzione calcolata semestralmente fino alla consegna del ruolo all'esattore - non prevista se l'ente creditore si avvale dell'ingiunzione) nonche' parte dei compensi dell'esattore e dei diritti di notifica della cartella o dell'ingiunzione.

Se si continuasse a non pagare, oltre a rischiare le procedure esecutive previste dalla legge si subirebbe l'addebito di ulteriori spese e sanzioni e degli interessi di mora.

Nel suo caso non ci sono estremi per un ricorso in quanto per le sanzioni amministrative non è previsto l'invio di un avviso cosiddetto bonario prima dell'iscrizione a ruolo e della notifica della cartella esattoriale o dell'ingiunzione.

L'importo richiestole rientra nella norma, facendo i canonici "conti della serva" e la maggiorazione non raddoppia nemmeno la sanzione originaria.

17 Ottobre 2012 · Andrea Ricciardi


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La multa – le sanzioni e il pagamento
Quando si viola una delle disposizioni del codice della strada, il decreto legislativo285/92, si è soggetti ad una sanzione amministrativa (pecuniaria e, quando previsto, accessoria) la cui applicazione è disciplinata, oltre che dallo stesso codice (articolo 194 e seguenti), anche dalla legge 689/81 (articolo1-43). In questa scheda analizziamo le sanzioni applicabili, le modalità di pagamento e le conseguenze di un pagamento tardivo od insufficiente. SANZIONI APPLICABILI Le sanzioni pecuniarie previste dal s. variano da un minimo ad un massimo, e la legge prevede -come regola generale- che in prima istanza sia applicabile la sanzione minima, a condizione che il pagamento ...

Quando si perde il ricorso presso il giudice di pace - la procedura per il pagamento della multa
Come è noto, il decreto legislativo 1° settembre 2011, numero 150, in vigore dal 6 ottobre 2011, ha, tra l'altro, introdotto significative modifiche in materia di opposizione al verbale di accertamento di violazione del codice della strada, adesso regolata dall'articolo 7 del predetto decreto. L'articolo 7, comma 11 del decreto legislativo 1° settembre 2011, numero 150, prescrive che Con la sentenza che rigetta l'opposizione il giudice determina l'importo della sanzione in una misura compresa tra il minimo e il massimo edittale stabilito dalla legge per la violazione accertata. Il pagamento della somma deve avvenire entro i trenta giorni successivi alla ...

Pagamento della multa – chi è tenuto a pagare la multa
In primo luogo, naturalmente, l'autore materiale dell'infrazione, cioè, normalmente, il conducente. Ma anche il proprietario del veicolo (o, in sua vece, l'usufruttuario o l'utilizzatore nel leasing) viene considerato obbligato, con l'autore dell'infrazione, a pagare la somma da questo dovuta per le violazioni punibili con sanzione amministrativa pecuniaria (multa), a meno che non provi che la circolazione del veicolo è avvenuta contro la sua volontà. Le eventuali sanzioni accessorie (sospensione o ritiro patente) si applicano però solo al conducente autore dell'infrazione; la detrazione dei "punti" della patente ha invece un regime particolare. Per le violazioni commesse da conducenti capaci di intendere ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multa lievitata a dismisura con la la notifica di ingiunzione di pagamento. Clicca qui.

Stai leggendo Multa lievitata a dismisura con la la notifica di ingiunzione di pagamento Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 17 Ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe ricorsi e sinistri - domande e risposte