Multa per violazione del codice della strada – Come si svolge e si conclude il procedimento di ricorso al Prefetto

Il Prefetto, esaminati i documenti, sentiti gli interessati che ne abbiano fatto richiesta

  • se respinge il ricorso emette entro centoventi giorni (che decorrono dalla data di ricezione degli atti da parte dell'ufficio che ha elevato la multa) un'ordinanza motivata con la quale ingiunge il pagamento di una somma non inferiore al doppio della sanzione minima per la violazione, più le spese del procedimento;
  • se invece accoglie il ricorso il prefetto, nello stesso termine di centoventi giorni, dispone l'archiviazione degli atti, comunicandola all'ufficio o comando cui appartiene l'organo accertatore, il quale ne dà notizia ai ricorrenti.

L'ordinanza che dispone il pagamento deve essere notificata all'autore della violazione ed alle altre persone che sono tenute al pagamento entro centocinquanta giorni dalla sua adozione; il pagamento della somma e delle spese deve essere effettuato entro trenta giorni dalla notifica.

Il ricorso di intende accolto decorsi centoventi giorni senza che sia stata adottata l'ordinanza del prefetto e comunque decorsi 210 giorni dalla ricezione del ricorso da parte del prefetto se gli è stato inviato direttamente o di 180 giorni se il ricorso gli è stato inviato attraverso l'ufficio o comando che ha elevato la multa.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • angelo pisani 15 gennaio 2010 at 14:22

    Multe, il ricorso al prefetto contro il verbale “stoppa” l’esecuzione della cartella esattoriale

    Il trasgressore segna un punto contro la sanzione amministrativa. Il ricorso al prefetto contro il verbale di contestazione impedisce alla cartella di iniziare l’esecuzione esattoriale.

    E se il giudice qualifica la domanda del responsabile della violazione come opposizione all’ordinanza-ingiunzione, anche se l’opponente ha fatto valere motivi riconducibili all’articolo 615 del Codice di procedura civile, la sentenza è impugnabile con il ricorso per cassazione e non con l’appello. Lo ribadisce la Suprema corte con la sentenza 26173/09.

    Il caso

    Solo l’accoglimento del ricorso contro il verbale fa scattare l’annullamento dell’accertamento, osserva il giudice di prime cure. E il via libera del prefetto è tutt’altro che scontato.

    Ma ciò non basta per rigettare l’opposizione proposta dal trasgressore, che si è già rivolto all’ufficio del Governo, contro la cartella esattoriale. Fin quando il rappresentante dell’Esecutivo nella Provincia non si pronuncia, l’ufficio non ha titolo per emettere la cartella esattoriale ed esigere il pagamento.

    La Suprema corte, dunque, decide nel merito e accoglie la domanda originaria del trasgressore. Come può agire il responsabile della violazione? Nella specie l’automobilista indisciplinato contesta l’illegittimità dell’iscrizione a ruolo per mancanza del titolo: il rimedio è l’opposizione all’esecuzione ex articolo 615 Codice di procedura civile.

    Il giudice di pace, invece, applica il rito di cui alla legge 689/81, qualificando la domanda come opposizione all’ordinanza-ingiunzione, che si configura ad esempio quando il verbale non è stato notificato (l’opposizione agli atti esecutivi riguarda invece i vizi della cartella).

    In questo caso vale il principio dell’apparenza: il mezzo d’impugnazione esperibile va identificato con riferimento alla valutazione del giudice, al di là della sua esattezza.




Cerca